SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Alleanza Assicurazioni Agenzia di Senigallia seleziona 10 giovani - Offerta lavoro

“Regione ammette problema sanità a Senigallia, che però è troppo divisa”

Bello, Canafoglia e Curzi: "situazione davvero surreale. Basta con personalismi e divisioni: salviamo l'ospedale"

4.226 Letture
commenti
Bello, Canafoglia, Curzi a difesa dell'ospedale

“Il Consiglio regionale delle Marche ha evidenziato che a Senigallia esiste un problema sanità e che questa non può essere considerata di serie B come è stata ritenuta fino ad ora. Nel Consiglio comunale di Senigallia e in quelli della Valmisa invece vige uno strano clima, surreale: sussistono personalismi e pregiudiziali e non si riesce a fare una battaglia comune per difendere l’ospedale”.


Ad affermarlo sono Massimo Bello (Energie per Senigallia), Corrado Canafoglia (Unione Consumatori) e Serenella Curzi (Comitato a difesa dell’ospedale e del diritto alla salute).

Dichiarazioni che arrivano dopo che nel Consiglio regionale è stata approvata all’unanimità una mozione – presentata da Sandro Zaffiridella Lega Nord – in cui si chiedeva “di prendere atto che l’ospedale di Senigallia è strategico per l’intera vallata e pertanto non può esser declassato e depotenziato”, “che le strutture dell’ospedale sono fondamentali per garantire il diritto alla salute di tutti i cittadini e di tutti i turisti che frequentano la vallata”, e infine di “rivisitare e modificare ogni decisione sino ad oggi assunta coinvolgendo anche i governi del territorio e tutta la popolazione”.

“Si tratta della stessa mozione a cui avevamo lavorato per avere atti comuni tra la politica regionale e quella locale, perché siamo convinti che l’ospedale di Senigallia, il cui problema è sotto gli occhi di tutti, si possa salvare solo con la volontà politica regionale e locale e con i conseguenti atti amministrativi: non con le chiacchiere”, sottolinea Canafoglia.

“Abbiamo inviato questa mozione da votare a tutti i gruppi consiliari in Regione, a Senigallia e ai Comuni dell’hinterland: cosa è successo? A Senigallia l’ha presentata Da Ros (Lega Nord) nel luglio 2017 e non è stata neanche votata; nei Comuni dell’hinterland l’ha presentata solo la minoranza ad Ostra Vetere, ma è stata bocciata”, aggiunge Canafoglia, mentre Bello sottolinea che “nel Consiglio comunale di Senigallia c’è stato chi ha detto che la mozione di Da Ros nemmeno sarebbe stata presa in considerazione a livello regionale: così si è preferito approvare un ordine del giorno, proposto nel settembre 2017 dal sindaco Mangialardi, decisamente più blando. Un odg, questo sì, che in Regione nemmeno è arrivato. A differenza della nostra mozione”.

Una situazione surreale, una farsa: a livello locale viene bocciata una mozione che invece a livello regionale viene approvata all’unanimità. La logica avrebbe suggerito il contrario”, sottolineano Unione Consumatori, Energie per Senigallia e Comitato Ospedale.

“Il documento – aggiungono – è importantissimo. Per la prima volta la Regione Marche riconosce che esiste un problema sanità nel senigalliese e il Consiglio impegna la Giunta a mantenere o potenziare l’ospedale, i servizi e le strutture sanitarie di Senigallia e dei Comuni del territorio della valle Misa e Nevola, anche rivisitando e modificando ogni decisione assunta fino ad oggi, coinvolgendo i governi locali e la popolazione tutta”.

Bello, Canafoglia e Curzi, nell’annunciare una nuova presentazione della mozione approvata nel Consiglio regionale ai consigli comunali del senigalliese, anticipano l’organizzazione di un incontro pubblico per aggiornare i cittadini (18 maggio).

“Rinnoviamo a tutti i soggetti pubblici e privati – concludono – di considerare il mantenimento e il potenziamento dell’ospedale di Senigallia una priorità fondamentale e su cui non ci si può dividere, come sembra accadere solo da noi. Mettiamo da parte i motivi di contrasto e le divisioni politiche nell’interesse comune”.

Commenti
Ci sono 3 commenti
ilbianconiglio 2018-04-19 17:36:18
è vero, basta personalismi.
Però hanno parlato proprio loro!
leofax 2018-04-19 20:09:20
I politici coinvolti dovrebbero toccare con mano, in caso di bisogno, cosa significa avere un ospedale funzionante e vicino casa. Poi sono convinto che farebbero meno tattica e più fatti!
iz6qzm 2018-04-25 18:02:57
E’ vero che Senigallia è una città divisa, lo dicono tutti: “Senigallia mezza ebrea e mezza canaglia”. Ma cosa c’entra, la divisione, con la Sanità e l’ospedale? Se chiedi a chiunque: “vuoi essere ricco?” oppure: “vuoi un ospedale efficiente”, tutti rispondono si, lo voglio. Quindi sono balle che i politici sfruttano per mettere zizzania e fare i propri comodi dirottando quei soldi su altre vie ed altre sponde!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura