SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“A cosa serve il Consiglio Comunale a Senigallia?”

SBC:"Quello che è successo lo scorso Consiglio Comunale però ha superato il limite della decenza"

2.064 Letture
commenti
Valce - Sistemi e prodotti per igiene e pulizia professionale
Consiglio Comunale a Senigallia: la seduta del 19 gennaio, i consiglieri si allontanano dai banchi

Prima di rispondere alla domanda, va ricordato da “chi” è composta la maggioranza in Consiglio Comunale: un gruppo di persone di vario ordine sociale e livello di studio, tra cui si notano improbabili censori, improvvisati probiviri e redentori dell’ultima ora, persi tra una maggioranza in parte servile per scelta e in parte servile per catena al collo, anche da consiglieri di opposizione ma di finta opposizione, tutti continuamente pronti ad incensare ed osannare un sindaco, di cui la cittadinanza ha oramai perso il conto delle magre figure fatte e dei grossi guai che si porta dietro.


Quello che è successo lo scorso Consiglio Comunale però, ha superato il limite della decenza.
Siamo a livello di attacco alla democrazia comunale: Senigallia Bene Comune è stata infatti imbavagliata, grazie ad un intervento frettoloso reso “ad hoc” del consigliere comunale Sardella (PD), con cui dava una interpretazione restrittiva dell’art. 25 dello Statuto, (articolo che definisce le competenze del Consiglio Comunale di Senigallia) che, se applicata sempre, non consentirebbe la presentazione e tantomeno la discussione di nessuna mozione da parte di qualsiasi consigliere comunale, a prescindere dal banco in cui siede.

Ma andiamo con ordine: Senigallia Bene Comune ha presentato due mozioni iscritte regolarmente nell’ordine del giorno del Consiglio Comunale, una di queste inizialmente presentata come ordine del giorno e poi modificata su richiesta del presidente del Consiglio.

Con la prima, nell’interesse dei cittadini, chiedevamo di recuperare le somme non dovute ed indebitamente elargite ai dirigenti comunali come stabilito nella relazione dell’accertamento che il MEF ha inviato al Comune di Senigallia nell’agosto 2016.

Con la seconda, non di minor interesse soprattutto per i cittadini colpiti dall’alluvione del 2014, si chiedeva di revocare temporaneamente il ruolo assegnato dalla giunta al Dirigente della Protezione Civile, in quanto attualmente indagato nell’ambito dell’indagine sull’alluvione del 3 maggio 2014.

In risposta alle nostre proposte, eravamo abituati a ricevere tesi che sfidano le logiche più elementari (come non ricordare il: “è troppo tecnica per essere approvata”? cosa si dovrebbe dire allora della votazione sull’approvazione del Bilancio? è superlativamente tecnica? ma quella la si vota!), risposte a vanvera, prosaiche e deliranti, con il solo fine di bocciare ogni richiesta.

Ma mai e poi mai ci saremmo aspettati che si scendesse ad un livello così biasimevole.
Sulla tesi illogica della incompetenza, vi è stata una votazione compatta della maggioranza e della finta opposizione che non ha consentito la legittima e democratica discussione sugli argomenti da noi proposti, con la motivazione che il Consiglio Comunale non è l’organo istituzionale per discutere tale tipo di mozioni.

Eppure l’art. 25 dello Statuto Comunale, quello che definisce le funzioni del Consiglio, all’art. 1 lettera w) stabilisce chiaramente che tale Organo Istituzionale ha competenza su “Atti, pareri e determinazioni” che siano “estrinsecazione od esplicazione del potere di indirizzo e di controllo politico-amministrativo” del Consiglio Comunale stesso.

Che il Consiglio comunale dia mandato alla giunta di recuperare dei soldi pubblici non dovuti al Segretario Comunale, o che decide di revocare un mandato ad un dirigente a cui la giunta lo aveva precedentemente dato, SONO DECISIONI POLITICHE che non possono esulare dalla competenza del Consiglio Comunale.

Come logico che sia, alle nostre proposte si può votare contro oppure ci si può astenere (si perché a favore è vietato): alla fine bisogna rendere conto ai cittadini e in particolare ai propri elettori.

Ma agganciarsi ad un’interpretazione di parte su un cavillo procedurale, per di più infondata, su una questione di pubblico interesse, mai ce lo saremmo aspettati ……………..

Se i componenti della maggioranza hanno timore di assumersi delle responsabilità con i propri voti, lo dicano chiaramente e dessero le proprie dimissioni.

Ma dopotutto, è risaputo: le migliori risposte si danno quando non ci sono domande.
Questa è la drammatica verità che è venuta a galla sull’operato del Consiglio Comunale di Senigallia.

 

Commenti
Ci sono 4 commenti
lory
lory 2018-04-17 08:55:01
Esistono degli organi competenti, a cui segnalare questa cosa che é successa?
Ho seguito il consiglio e francamente son rimasta molto male. Sono abituata a sentirvi votare contro "a prescindere", ma che addirittura vi fosse impedito di avviare una discussione, é sembrato anche a me, veramente eccessivo.
mimmo990
mimmo990 2018-04-17 09:58:41
Non credo sia mai successo, che il consiglio comunale voti per evitare di discutere una questione, su cui al limite potrebbe tranquilamente astenersi durante le votazioni.
Se non é competenza del consiglio comunale, allora a chi spetta la decisione di recuperare quelle somme? Ai dirigenti?
Cioé: i dirigenti dovrebbero decidere da soli, senza alcun obbligo di legge e senza nessuna disposizione da parte di un organo politico, di recuperare quelle somme volontariamente, dak loro stesso stipendio?
É semplicemente Assurdo che ci si aspetti una cosa del genere.
Ed é assurdo, che il consiglio comunale non si sia espresso in materia.
centr100
centr100 2018-04-17 13:21:24
La vostra domanda dovrebbe avere una risposta semplice. Purtroppo a Senigallia, sembra la risposta semplice non valga.
Non si può avere questo atteggiamento con le minoranze, in quanto anch'esse rappresentano dei voti, che fanno capo a dei cittadini che le hanno scelte.
Nulla mi toglie dalla testa il fatto che il PD locale abbia perso molti voti, anche per l'atteggiamento che il Consiglio Comunale mantiene con SBC, o con parte dei 5stelle.
L'opposizione allo zucchero a velo fatta dagli altri, non é opposizione, anche se devo ammettere che sono meravigliato sulla questione della UISP al lungomare del Ciarnin... Speriamo si continui su questo binario. Quanti clienti hanno perso gli "intoccabili albergatori" per quella roba lí?
Se fosse stato Sartini a sollevare quella questione, questo mi fa arrabbiare, il consiglio gli avrebbe votato contro, e la UISP starebbe ancora lì.
Anzi, forse non l'avrebbe nemmeno discussa il consiglio, secondo il teorema interpretativo che ci é stato regalato quest'ultima volta.
Cambiate atteggiamento, caro consiglio comunale, per il bene della città...
Altrimenti votare la mancanza di competenza del consiglio comunale per ogni questione, comprese le vostre, cara maggioranza, quando fate le mozioni per lisciare il pelo alla giunta, di cui , credetemi, non frega nulla a nessuno, e ci fate solo la figura dei lacché....
ozymandias
ozymandias 2018-04-17 22:49:56
«Non sono d’accordo con quello che dici, ma darei la vita perché tu lo possa dire»
(Evelyn Beatrice Hall, "The Friends of Voltaire", 1906)
Penso anche io che se la questione Delle colonie al mare fosse stata promossa da Senigallia Bene Comune, il Consiglio Comunale gli avrebbe votato contro, perché chiaramente esegue un ordine imposto da parte di chi, del bene della città ormai, non se ne frega più nulla, come sta dimostrando da molto tempo.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura