SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Sabato 24 marzo alla Fenice di Senigallia torna la danza con “Rossini Ouvertures”

La compagnia Spellbound Contemporary Ballet celebra la figura artistica e umana di Gioachino Rossini a 150 anni dalla morte

Assicurazioni Generali - Nuova sede a Senigallia - Polizza vita, lavora con noi
Rossini Ouvertures

“Rossini Ouvertures” della compagnia Spellbound Contemporary Ballet è il nuovo appuntamento sabato 24 marzo, del cartellone di danza proposto al Teatro la Fenice da Comune e AMAT in collaborazione con il sostegno di MiBACT e Regione Marche.

Diretti dal coreografo e regista Mauro Astolfi, sono in scena i danzatori Fabio Cavallo, Alice Colombo, Maria Cossu, Giovanni La Rocca, Mario Laterza, Giuliana Mele, Caterina Politi, Giacomo Todeschi, Serena Zaccagnini. Set concept di Mauro Astolfi e Marco Policastro, che firma anche il disegno luci. I costumi sono di Verdiana Angelucci, assistente coreografa Alessandra Chirulli.

Lo spettacolo, che ha debuttato in prima nazionale al Teatro Rossini di Pesaro, nel febbraio 2017, realizzato con il contributo del MiBACT in collaborazione con il Comune di Pesaro e l’AMAT, celebra la figura artistica e umana di Gioachino Rossini di cui, in questo 2018, ricorrono 150 anni dalla morte.

“La lettura di Augusto Benemeglio sulla vita di Rossini –scrive il coreografo Mauro Astolfi nelle note di regia – su quella ’follia organizzata’ è stata per me profondamente e assolutamente illuminante. Sono sinceramente stato sedotto, in 24 ore di ascolto continuo e ripetuto dal mondo Rossiniano, da questa genialità così prorompente e inebriante che, attraverso una fortissima ed energetica personalità ha creato opere musicali di una grazia assoluta ed eterna.

In questo spettacolo ho immaginato una grande parete, la parete dei ricordi di Rossini, dove nascondeva, dove archiviava il suo cibo, i suoi vini, la casa dove ospitare i suoi grandi amici e compositori, ma anche la gente comune con la quale amava scherzare, giocare e condividere tutti gli aspetti della sua vita… questa “parete” è stata immaginata come una proiezione della sua mente, piena di sportelli, di ripiani, di nascondigli, una parete che separava un mondo dall’altro. In questo spazio si aggirava un inquilino, una figura antropomorfa, nera, che si insinuava nei suoi sogni, strisciava dentro il suo letto e poi spariva ma che era sempre lì. Questa figura nera era la paura della morte, la sua malattia, ma forse anche il suo consigliere, paradossalmente in alcuni momenti l’unica certezza.

Quella di Rossini sua era musica estrema. Il segno di una forza e di una energia superiore, e ho volutamente cercato di creare una danza estrema, carica di energia, di vitalità, di incontri, di seduzioni, di suggestioni; ho passato molto tempo pensando come si sarebbe potuto tradurre in movimento la sua genialità compositiva. Non ho sentito di lavorare su un’astrazione, ho cercato e ho ‘sentito’ come raccontare la vibrazione della sua musica: mi sono letteralmente lasciato trasportare, ed è stata un’esperienza unica.”

Biglietti: primo settore euro 25,00 ridotto 20,00; secondo settore euro 20 ridotto 15 e terzo settore euro 15 ridotto 10 in vendita alla biglietteria del Teatro La Fenice (via Cesare Battisti 9 tel. 071/7930842 e 335/1776042) aperta il giorno precedente lo spettacolo dalle 17 alle 20 e il giorno di rappresentazione dalle 17.

Prevendite anche nei ticket-store AMAT/VivaTicket e su vivaticket.it.

Informazioni AMAT, tel. 071/2072439, www.amatmarche.net. Call center dello spettacolo delle Marche 071/2133600.

Inizio ore 21.00.

Caricamento mappa in corso...
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura