SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Epidemia infettiva alla Fondazione Città di Senigallia: otto gli anziani colpiti”

Unione Civica e Forza Italia: "alla Fondazione ci si è dimenticati che l’obiettivo primario è la salvaguardia dei nostri anziani"

Laboratorio Naturale - Shop online: sapone naturale, bava lumaca bio, latte asina bio, aloe bio
La casa protetta della Fondazione Città di Senigallia

La consegna interna è quella del silenzio. Ma ciò che è avvenuto alla Fondazione Città di Senigallia (notizia a noi giunta con lettera anonima ma poi scrupolosamente verificata) è grave e merita di essere conosciuto, anche per tutelare gli anziani ricoverati e le loro famiglie.

All’interno di quella che era la “Residenza Protetta” per anziani e che oggi è diventata una residenza di cure intermedie (e quindi, in teoria, un luogo in cui dovrebbe essere innalzato il livello di assistenza sanitaria), si è diffusa un’epidemia a seguito del ricovero di un anziano (proveniente da una RSA vicina) che aveva contratto un batterio multi- resistente.

La struttura, anziché direzionare l’anziano malato (e con febbre alta) presso il vicino ospedale, ha ritenuto di ricoverare il paziente. Immediata la propalazione del batterio che ha colpito diversi ospiti.

Si è deciso pertanto, con gravissima preoccupazione e angoscia delle famiglie in una situazione del genere, di praticare a tutti gli ospiti un tampone rettale. Ben otto, alla fine, sono stati gli anziani risultati infetti dal grave batterio. Ospiti che sono stati isolati e collocati nella palazzina di nuova costruzione, dove peraltro i lunghi lavori di sistemazione non sono ancora terminati.

Ci sembra doveroso e opportuno rendere pubblica questa vicenda non solo per accendere i riflettori su una struttura a controllo pubblico che, puntualmente, di tanto in tanto fa parlare di sé per inefficienze e problematiche legate alla tutela degli anziani (si ricorderanno in passato i problemi legati alla mancanza del servizio di fisioterapia, all’innalzamento immorale delle rette a fronte di spese ingiustificate come contributi ad associazioni culturali o contratti da favola con avvocati senza ricorrere a bandi, alla mancanza di personale nei turni di notte …), ma anche per il fatto che la “Fondazione Città di Senigallia” sta diventando sempre di più, di fatto, una sorta di “municipalità” politica e sempre meno un ente la cui primaria (e si sottolinea “primaria”) missione è quella di tutelare i nostri anziani. Che non lasceremo soli.

A tal proposito il prossimo martedì 13, alle ore 12, saremo disponibili presso la saletta consiglieri in piazza Roma, anche alla presenza del nostro delegato in seno al consiglio di amministrazione della struttura Andrea Bacchiocchi a incontrare, in termini riservati, i familiari degli ospiti ricoverati per ascoltare le loro ragioni e le loro esigenze. La questione, peraltro, verrà sollevata in Consiglio Comunale.

da Roberto Paradisi (Unione Civica)
Luigi Rebecchini (Unione Civica)
Alan Canestrari (Forza Italia)

Commenti
Solo un commento
Paperinik
Paperinik 2018-03-09 17:19:05
La firma del ruotino di scorta non manca mai, Paradisi mosso a compassione gli concede sempre il predellino...
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura