SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Unione tra Senigallia e i Comuni della Valmisa, approvato lo Statuto

Mangialardi: "giornata storica, anche Corinaldo e Castelleone vogliono partecipare: grazie pure ai consiglieri di opposizione"

Onoranze Funebri F.lli Costantini
25 aprile 2017: celebrata a Senigallia la 72esima festa della liberazione: il discorso di Maurizio Mangialardi

Approvati a maggioranza qualificata nella seduta del Consiglio Comunale del 30 novembre lo Statuto e l’Atto Costitutivo dell’Unione comunale tra i Comuni di Arcevia, Barbara, Ostra, Ostra Vetere, Senigallia, Serra de’ Conti e Trecastelli.


“Si tratta di una giornata storica per il nostro territorio– ha dichiarato il Sindaco Maurizio Mangialardi – perché con questo atto si dà ufficialmente vita ad un percorso con un respiro ampio e importante, un grande progetto auspicato da oltre 40 anni ma finora mai realizzato che, mettendo insieme comunità con dimensioni, vocazioni e tradizioni diverse, punta a valorizzare ogni singola peculiarità e ad affrontare in maniera sinergica ciascun bisogno”.

L’obiettivo è quello di dotare il territorio di uno strumento amministrativo efficace e innovativo, in grado di offrire migliori servizi, risparmio della spesa, maggiori investimenti, nonché semplificazione della macchina amministrativa. Importantissime, poi, saranno le risorse devolute dallo Stato per sostenere i percorsi di Unione comunale e le relative agevolazioni sul piano finanziario e organizzativo di cui godranno gli enti che ne faranno parte.

“Quella de “Le Terre della Marca Senone – ha proseguito il Sindaco Mangialardi – sarà la seconda Unione dei Comuni più importante della Regione Marche, per estensione del territorio, per numero di abitanti interessati – circa 70.000 – e per risorse strategiche che saranno messe in sinergia. Un percorso davvero importante, concordato in ogni aspetto con tutti i soggetti che faranno parte dell’Unione e condiviso anche con i Comuni di di Corinaldo e Castelleone di Suasa, che per ora non faranno parte del progetto ma con cui c’è la volontà di partecipare al percorso avviato”.

Nella fase di start-up analizzata dallo studio di fattibilità, è previsto che vengano progressivamente unite nell’Unione dei Comuni la funzione sociale, il Servizio SUAP e le attività produttive ed economiche, il servizio ragioneria e tributi per i comuni di Arcevia e Serra dè Conti, e la funzione di Polizia Locale per i comuni di Trecastelli, Ostra e Ostra Vetere; lo Statuto prevede però che i Comuni possano decidere di conferire progressivamente all’Unione anche altre funzioni amministrative e servizi di loro competenza.

“La maggioranza qualificata con cui si è votato ieri lo Statuto e l’Atto Costitutivo – ha concluso il Sindaco – ha dato un segnale politico davvero importante. Per questo mi sento di ringraziare il Presidente del Consiglio Dario Romano, il Presidente della I° Commissione Luigi Rebecchini, tutti i consiglieri di maggioranza, che in maniera compatta hanno mostrato la propria decisa adesione a questo progetto, e anche parte della minoranza, che con il voto a favore del consigliere Perini e l’astensione dei consiglieri Rebecchini, Canestrari e Paradisi hanno dato un segnale davvero costruttivo di responsabilità. Un Consiglio Comunale che ha pertanto in gran parte dimostrato come si possa fare vera politica mettendo al primo posto l’interesse dei cittadini e non bieche appartenenze o logiche di partito”.

Il nuovo Statuto dell’Unione dovrà essere approvato dai consigli comunali di tutti i Comuni che ne entreranno a far parte: il cronoprogramma del processo costitutivo prevede il conferimento delle funzioni e dei servizi che verranno individuati lungo il percorso per il 1° marzo 2018.

Foto di repertorio

Commenti
Ci sono 11 commenti
Dirty Rotten Imbeciles 2017-12-01 14:55:22
"grazie pure ai consiglieri di opposizione" non tutti per fortuna, qualcuno che ancora resiste, c'e'. Per gli altri pazienza, vorrà dire che alle prossime elezioni saranno allontanati dal voto popolare, almeno lo spero. Per uno ormai non c'e' piu' speranza, sono gli altri che mi lasciano perplesso, non me lo sarei mai aspettato....Speriamo che gli altri Comuni capiscano la fregatura nella quale si stanno addentrando ed alla fine, fuggano a gambe levate, da sua eccellenza il "tagliatore di alberi".
octagon 2017-12-01 15:25:28
Pienamente d'accordo, Roberto Paradisi ormai più de là che de quà in compagnia con Alan Canestrari, Rebecchini n.p. Unione dei comuni cagata pazzesca, non per noi di Senigallia s'intende! https://senigallia.openmunicipio.it/votations/2017-11-30-13-12/
mik76
mik76 2017-12-01 15:35:28
Notiziona!!!!!! Il consigliere Perini ha votato a favore del sindaco!!!!! INCREDIBILE
Antonio 2017-12-01 16:08:40
Il Consigliere Perini aveva la sua lista civica CIVETTA costruita volutamente per aiutare il Sindaco, e ha preso in giro i tanti ragazzi che erano in lista con lui e chi lo ha votato, che è CASCATO nel TRANELLO di credere che lui era un oppositore di Mangialardi.
pablo 2017-12-01 18:31:31
Il risultato è una scandalosa "grossa coalizione" tra pd ,forza italia, Paradisi e Rebecchini: meditate gente, Perini oramai non è più una notizia. Solo il Sindaco continua a considerarlo di minoranza: continua a buttare fumo negli occhi agli elettori.
lory
lory 2017-12-01 21:10:31
Andrea Bomprezzi Sindaco di Arcevia,
Raniero Serrani Sindaco di Barbara,
Andrea Storoni Sindaco di Ostra,
Luca Memè Sindaco di Ostra Vetere,
Arduino Tassi Sindaco di Serra De’ Conti,
Faustino Conigli Sindaco di Trecastelli.

Questi sono i Sindaci (che assieme a quelli di Corinaldo e Castelleone) inviarono la loro solidarietà (a mia opinione fuoriluogo) al Mangialardi, quando ricevette l'avviso di garanzia, come se fosse lui vittima di chissà che cosa, su un procedimento investigativo dovuto, per tutta la nostra cittadinanza, che ha coinvolto anche delle vite umane..
Sono, ma guarda un po', gli stessi Comuni che sottoscrivono questa unione.
Dovete sapere che nei piccoli Comuni, che vivono con poche risorse, il "grande comune" è visto con gli stessi occhi di ammirazione, con cui a Senigallia guardiamo enti ben più grandi, come i Ministeri, che godono di certo di più mezzi, e spesso hanno risposte che altri Enti non possono nemmeno sognare di darsi.
Il piccolo comune è invece strozzato tra le carenze di personale e di risorse, dove tutti si adattano a fare tutto (DEVONO farlo), dove anche il sindaco si alza per fare una fotocopia ad un cittadino, e si improvvisa impiegato, o assistente sociale, o netturbino, cosa che a Senigallia, con tutta le cerimoniosità che impera di norma, non avverrà mai.
Ora: io davvero non so cosa ci sia realmente dietro questa "mossa".
Ma la prima cosa che penso, è che costui è un politico di MESTIERE, e questa "trovata" rappresenta un significativo bacino di voti, molto importante, che va a coinvolgere interi comuni (e relative amministrazioni), che vengono tutti inglobati sotto quella truce ombra di quel logo (la penso come Paradisi), che dona un senso di felicità degno di un servizio cimiteriale.
Cosa pensino i cittadini di Arcevia con i suoi ineguagliabili castelli, la deliziosa Barbara, Ostra, che per un senso invertito di marcia ha fatto una vera e propria guerra, Ostra Vetere con il suo bellissimo centro storico, Serra de Conti con le sue meravigliose mura, e Trecastelli che sta ancora abituandosi alla sua identità di comune unito, di venire "inglobati" nella sudditanza di questo Comune, non lo so.... ma onestamente mi piacerebbe sapere cosa ne pensano i cittadini di quei comuni.
Qua a Senigallia non ci sono nemmeno i soldi per risistemare le frazioni, sono finite in secondo piano. Se pensate che qualcuno darà attenzione ai vostri problemi, starete freschi!
Da noi le decisioni prese a caso, tra ponti chiusi e alberi tagliati, sono facili soluzioni e risorse risparmiate, per spendere meglio il tempo magari dietro cause di tribunale, che riguardano centinaia di milioni di euro di danni.
Se si potesse fare un referendum, credo lo scenario di Morro d'Alba con il suo forte, urlato NO! si ripeterebbe.
Siccome questo lo sappiamo un po' tutti, allora il referendum che facciamo? lo saltiamo.
Facile no?
E tutti genuflessi di fronte al padrone imposto.
Il punto è, cari piccoli comuni, che non è vero, che uno vale l'altro.
A Morro d'Alba è stata data la possibilità di scegliere: a voi, no.
Chiedetevi perchè.... chiediamoci tutti, il perché...
ilbianconiglio 2017-12-02 11:51:18
sempre i soliti che scrivono sempre le stesse omissis come un disco rotto.
Grazie a loro ho deciso di scrivere pure io
ozymandias
ozymandias 2017-12-03 02:09:04
Scusate, è possibile sapere quali sono i vantaggi e gli svantaggi previsti?
Per gli altri piccoli Comuni mi sembra forse ovvio, visto che ci sono casistiche in cui un solo dipendente magari si ritrova a fare Anagrafe, servizi sociali, economato e patrimonio , e una condivisione del personale per loro è tutto grasso che cola.
MA per Senigallia, il vantaggio, qual'è??? Parlo da ignorante forse, ma onestamente vorrei capire, e che qualcuno mi spiegasse. Grazie.
octagon 2017-12-03 07:12:26
Il commento di Lory su due righe dovrebbe far riflettere gli abitanti dei paesi:"Qua a Senigallia non ci sono nemmeno i soldi per risistemare le frazioni, sono finite in secondo piano. Se pensate che qualcuno darà attenzione ai vostri problemi, starete freschi!"
galileo 2017-12-03 09:48:23
le unioni di comuni possono favorire l'efficacia di servizi, ma occorre omogeneità fra i partecipanti; in questo caso i bisogni di Senigallia, 10 volte è più maggiore di molti dei comunin aderenti, finirebbero per soverchiare quelli dei piccoli comuni che non vedrebbero alcun concreto miglioramento dei loro servizi!
centr100
centr100 2017-12-03 11:09:33
l'Unione e la fusione credo che siano due cose diverse.
Ma per noi, la frana di Roncitelli parla da sola....
Non mi pare che siamo in grado di sobbarcarci anche i problemi di altri 6 comuni, perché tanto poi è così che andrà a finire.
L'esempio che ha fatto il dirigente in consiglio comunale , vorrei fosse comprovato anche da chi usufruisce dei servizi sociali e non solo da chi percepisce uno stipendio dal comune. Quale é il livello di soddisfazione dell'utenza?
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!