Logo farmacieFarmacie di turno


Paolucci Dott.ssa Francesca
SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Conferita la cittadinanza benemerita ai tre senigalliesi

A luglio salvarono una coppia di naufraghi francesi

Corsi di Ju jitsu 2017/18 a Senigallia per bambini, ragazzi e adulti
cittadinanza benemerita ai tre senigalliesi

Si chiamano Giacomo De Carolis, Francesco Pomponio ed Enrico Tomassetti: sono i tre senigalliesi che lo scorso 17 luglio salvarono una coppia di turisti francesi, il signor Heinrich Patrick di 75 anni e la signora Messmer Dagmar di 63, che a causa del maltempo stavano rischiando di finire con la loro imbarcazione contro i moli di accesso al canale Misa.

Nel tentativo di mettersi al riparo dalle onde, la coppia aveva tentato di dirigersi verso l’imboccatura del porto, finendo però per incagliarsi con il serio rischio di un rovesciamento.

Solo il pronto e temerario intervento dei tre senigalliesi, Pomponio, marinaio della Gestiport, De Carolis e Tomassetti istruttori di vela del Club Nautico Senigallia, aveva permesso di evitare il peggio, grazie a un’azione rapida e coraggiosa per trarre in salvo i due sfortunati naufraghi. Nessuno dei tre, peraltro, in quel momento si trovava in servizio.

A loro, questa mattina (Ndr: 25 ottobre), il sindaco Maurizio Mangialardi, insieme all’amministratore unico della Gestiport, Marcello Mariani, ha conferito la cittadinanza benemerita, in segno di riconoscenza per l’atto di coraggio dimostrato.

A nome dell’Amministrazione comunale e di tutta la città – ha detto il sindaco Mangialardi – vi ringrazio per questo bel gesto che, combinando coraggio e perizia tecnica, ha permesso di salvare due vite e ha fatto fare bella figura alla nostra città”.

Una vicenda – ha aggiunto Mariani – che dimostra ancora una volta lo spirito della gente del porto, sempre pronta a fare di tutto per aiutare e soccorrere chi si trova in pericolo in mezzo al mare”.

Commenti
Solo un commento
leofax 2017-10-25 16:50:12
Se non vado errato, l'episodio in questione, riguarda la secca sommersa, alla punta del molo.
Senza nulla togliere al coraggioso salvataggio dei tre senigalliesi, la questione si ripropone, oltre al deflusso delle acque del Misa, anche ad una entrata errata delle imbarcazioni nel canale.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!