Logo farmacieFarmacie di turno


Paolucci Dott.ssa Francesca
SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Una petizione per salvare gli alberi a fianco della stazione di Senigallia

L'iniziativa lanciata da una cittadina: "Certamente i parcheggi servono ma vi sono altri spazi utili senza eliminare il verde"

Anconanotizie.it
La pineta in viale Bonopera a Senigallia

Salviamo gli alberi della stazione ferroviaria di Senigallia. Questo l’incipit della petizione lanciata sulla piattaforma on line (divenuta molto famosa a Senigallia negli ultimi tempi) change.org dove in poche ore oltre 130 cittadini hanno aderito all’iniziativa. Lo scopo è quello di evitare l’abbattimento della pinetina a fianco della stazione fs di Senigallia, in viale Bonopera, al centro di un progetto che mira ad ampliare i parcheggi a ridosso del centro storico.

L’iniziativa è stata lanciata al presente indirizzo e recita: “Non bastavano i lecci di piazza Garibaldi, le tamerici del lungomare di Cesano, ora anche la pinetina vicino alla stazione è destinata all’abbattimento per fare spazio ad un parcheggio!!! Abbiamo soltanto 8 giorni per far sentire la voce di chi comprende l’importanza del verde in città, come sostenuto da tutte le evidenze scientifiche, e per cercare di salvare questi nobili alberi! Certamente i parcheggi servono, ma gli alberi anche, e a Senigallia non mancano altri spazi utili per parcheggi senza uccidere altri alberi!

Negli ultimi giorni, sono diverse le associazioni politiche o ambientaliste che si sono apertamente schierate contro il progetto deliberato dalla giunta comunale senigalliese. In tal senso si sono espressi Davide Da Ros e Marcello Liverani (rispettivamente Lega Nord e Fratelli d’Italia), le associazioni Italia Nostra, Gruppo Società e Ambiente, Confluenze, a cui ha dato riposta il sindaco Mangialardi, ribadendo che per ogni albero abbattuto saranno piantumati due nuovi fusti in siti “idonei”.

Caricamento mappa in corso...
Commenti
Solo un commento
bimi 2017-09-30 22:27:58
E si che bisogna sbrigarsi... questa è l’amministrazione dei blitz, del rifiuto del confronto. Ricordiamo tutti cosa è successo in piazza Garibaldi: progetti falsi appesi sul palazzo della polizia municipale e infine, di nascosto, cambio di programma all’ultimo e immediato abbattimento dei lecci, prima che la cosa potesse essere discussa per capire cosa preferivano i cittadini. E così abbiamo visto fare presso le ex-colonie ENEL, con le ciminiere Italcementi, ecc
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura