Logo farmacieFarmacie di turno


Paolucci Dott.ssa Francesca
SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Alluvione, “il sistema politico senigalliese vuole solo depistare”

L'accusa di Fratelli d'Italia con Ciccioli, Liverani e Rabini. Nel mirino anche PAI, PercorriMisa e piano d'emergenza

1.313 Letture
commenti
Gli esponenti di Fratelli d'Italia Carlo Ciccioli, Marcello Liverani e Lorenzo Rabini intervengono sul tema alluvione di Senigallia

Solidarietà al sindaco ma non alle vittime dell’alluvione, comunicati stampa definiti “vergognosi”, atti politici inutili e atteggiamenti fuorvianti, quasi a depistare la cittadinanza sui fatti del 3 maggio 2014.

Sono le contestazioni che Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale muove a tutti quegli esponenti e a quei partiti/movimenti, soprattutto di sinistra, che hanno proliferato sulla stampa locale dopo la pubblicazione dei nomi degli indagati per l’alluvione che devastò Senigallia causando tre morti e oltre 170 milioni di euro di danni.

Sul tema sono intervenuti Carlo Ciccioli, ex deputato e ora portavoce regionale delle Marche per FdI-AN; Lorenzo Rabini, consigliere e portavoce provinciale; Marcello Liverani, coordinatore locale. E lo hanno fatto – inconsapevolmente – proprio nel giorno in cui i Carabinieri forestali del Gruppo di Ancona e della Stazione di Senigallia, su delega della Procura della Repubblica di Ancona, hanno notificato gli avvisi di conclusione delle indagini ad 11 persone – tra cui sindaco ed ex sindaco di Senigallia – ritenute responsabili di gravi condotte collegate ai disastri che hanno colpito la Città di Senigallia.

“Ci sono state delle uscite sulla stampa che definisco oscene – commenta il coordinatore cittadino FdI Marcello Liverani – in cui si esprimeva solidarietà al sindaco ma non alle vittime dell’alluvione. C’è anche chi ha nascosto delle prove, mentre chi vuole farle uscire si è dato da fare, come il coordinamento dei comitati degli alluvionati, che ha lavorato per far luce fornendo diversi materiali alla Procura”.

“Le indagini potevano essere chiuse già da un anno – ha dichiarato Carlo Ciccioli – e l’interrogazione di Lodolini al ministro dovrebbe riguardare il perché dei tempi così lunghi, non la fuga di notizie. Ora infatti c’è il rischio che si avvicinino e di molto i tempi utili per la prescrizione di alcuni dei reati contestati”.

In particolare, gli esponenti di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale si sono concentrati su alcuni aspetti: l’allerta; il piano di emergenza ritenuto non idoneo; l’utilizzo improprio di alcuni fondi europei destinati alla mitigazione del rischio idrogeologico e finiti invece per “quella passerella politica che in realtà è il PercorriMisa“; il declassamento nel PAI di alcune aree che sarebbe dovuto avvenire semmai solo a vasche di compensazione ultimate.

“Ci siamo concentrati molto sulla questione alluvione – sostiene Lorenzo Rabini, portavoce provinciale FdI e consigliere provinciale – e questo mentre il sistema politico senigalliese sta cercando di depistare tutti quanti. Noi vogliamo invece far luce sulle responsabilità”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura