SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Tutele mancate per chi sarebbe sotto indagine e atti di sciacallaggio politico”

Vivi Senigallia interviene sulla notizia di stampa di eventuali indagati per l'alluvione del 3 maggio 2014

1.645 Letture
commenti
Go Internet - Connessione Casa in 4G LTE Senigallia
L'alluvione di Senigallia: 3 maggio 2014

Quello che è accaduto e sta accadendo in questi giorni sulla stampa e nella nostra città in relazione agli eventuali avvisi di garanzia per l’alluvione del 3 maggio 2014 deve far riflettere sul degrado civile e politico in cui si sta scivolando e sulla mancanza di memoria dei fatti e rispetto delle persone.

1- E’ intollerabile che eventuali indagati sulla vicenda vengano a conoscere la propria “condizione” di indagati attraverso la stampa: tutti si dovrebbero indignare per quanto accaduto e tutti dovrebbero chiedere, prima di ogni altra cosa, il ripristino immediato di un percorso corretto e rispettoso delle persone interessate: ci sarà pur qualcuno cui spetta rimettere ordine in questo sistema “malato”: non basta “deprecarlo” e poi passare oltre.

2- Il nostro Sindaco e altre 10 persone ancor prima di ricevere qualsiasi tipo di comunicazione hanno subito dagli avversari e da altri con aspettative personali e politiche varie azioni di “sciacallaggio” che non hanno nulla a che vedere con l’interesse della città.

3- Stiano tranquilli costoro: il sindaco Mangialardi rimane e rimarrà con determinazione, autorevolezza e lucidità alla guida della nostra città: ha la totale e incondizionata fiducia di Vivi Senigallia e della sua maggioranza, della stragrande maggioranza dei cittadini che dopo appena un anno dall’alluvione lo hanno confermato sindaco al primo turno, anche per come aveva agito in quelle circostanze. Da quel secondo mandato la città ha continuato a crescere tanto da diventare di riferimento per l’intera regione, da quella riconferma continuo è stato il lavoro per recuperare in parte i danni dell’alluvione tanto da risarcire i cittadini che ne hanno fatto richiesta in meno di due anni; continuo è stato ed è l’impegno per intervenire sulla sicurezza del fiume e del territorio; continua è stata la vicinanza e la solidarietà “concreta” del sindaco verso i cittadini colpiti dall’alluvione.

4- Stiano tranquilli costoro e riaccendano almeno un barlume di memoria: tutti sappiamo che quell’evento alluvionale è stato straordinario, imprevedibile e improvviso: la rottura di un argine di un fiume, di proprietà della regione e mantenuto dalla provincia, per oltre 50 metri che riversa oltre 14 milioni di mq di acqua creando un fiume parallelo che ha travolto interi quartieri ed altrettanti mq lungo l’alveo naturale mettendo a rischio il centro città, costituiscono un fenomeno eccezionale e imprevedibile, per nulla una replica di eventi alluvionali già avvenuti in passato. Siamo certi che la verità vera emergerà per intero ed il tempo sarà galantuomo.

5- Ancora un po’ di memoria e di rispetto: per un sindaco e per tutti i suoi collaboratori che in quei giorni hanno lottato e con abnegazione assoluta (si vuole ironizzare anche su questo!?) hanno riportato la città in condizioni da poter vivere normalmente l’imminente stagione estiva ed hanno attivato tutto quanto era possibile per alleviare le conseguenze dei cittadini colpiti: è lo stesso sindaco e sono gli stessi collaboratori che oggi secondo alcuni sarebbero già responsabili.

6- Con il grande rispetto dovuto anzitutto alle persone, diversamente colpite dall’alluvione (vittime o con responsabilità amministrative, alcuni l’uno e l’altro) e con la memoria che non può e deve dimenticare nulla, noi di Vivi Senigallia ribadiamo fiducia nell’azione dei giudici nel percorso per arrivare ad una serena e spassionata lettura di quella vicenda: ma diciamo no a violazioni eclatanti delle tutele delle persone previste dal nostro sistema giurisdizionale, diciamo no agli sciacalli di turno che come in ogni occasione e spesso con le stesse facce che si parli di complanare, piazza Garibaldi, ponti o ospedale, ora, come allora, si rifanno vivi, ma siamo certi che ora, come allora, la città li saprà ignorare con disgusto.

Commenti
Ci sono 6 commenti
ozymandias
ozymandias 2017-08-27 07:35:36
É questo sarebbe ciò che il vostro sindaco vi ha detto di scrivere?
mimmo990
mimmo990 2017-08-27 08:11:56
Scusate ma... Nemmeno una parola, sul perché dopo più di 3 anni, le indagini siano ancora a questo punto?
Ma lo scopo di Vivisenigallia qual'é?
Vi rendete conto che sulla bilancia, tra la tutela degli interessi dei cittadini e la tutela dell'immagine della "persona fisica" Mangialardi, voi scegliete quest'ultima?
Se in tutti questi anni non avete mai detto una parola di sollecito alle indagini, é perché di certo immaginavate che c'erano dei coinvolgimenti all'interno della vostra amministrazione sulla vicenda (scusate ma... Come potrebbe essere altrimenti???).
Anzi, per dirla tutta, mi meraviglio che non ci sia un importante nome della vostra lista civica, tra gli indagati.
Comunque, se questa é la linea di difesa del sindaco, mi sembra un po' deboluccia... Vivisenigallia dice una cosa, ma i fatti sono stati altri.
Sarebbe bene un articolo chiarificatore da parte di Sartini, che fino ad ora mi pare sia rimasto silente, eccezion fatta per una breve dichiarazione sul Corriere Adriatico.
leofax 2017-08-27 08:42:14
Eppure la Forestale che ha fatto le indagini per conto della Procura, non ha dichiarato quello che state dicendo voi, anzi ha detto a chiare lettere che era un evento prevedibile. Tutto il vostro discorso è solo fuffa.
lory
lory 2017-08-27 11:07:12
Scusate ma.... Per i vostri dirigenti, nessuno spende una parola?
La solidarietà solo a Mangialardi, mentre per Roccato e Brunaccioni nulla??? Nemmeno li nominate???
Ma vi rendete conto, di quanto siete ridicoli e ipocriti?
Non arrivate nemmeno a capire l'ovvietà dell'indagine: il fatto che sia indagata Luana Angeloni significa che la magistratura ha posto l'attenzione sul PRIMA dell'alluvione , ovvero le cause che l'hanno generata, e non sul DOPO (COSA CHE NON É COMUNQUE ESCLUSA), ovvero la gestione dell'emergenza!
Dirty Rotten Imbeciles 2017-08-27 12:41:37
....alla fine siete usciti anche voi con la vostra personalissima "arrampicata sugli specchi". In fondo e' scritto nel contratto di elezione, difendere l'indifendibile fino alla morte, altrimenti il vostro padrone vi avrebbe messo in ginocchio sui ceci. D'altronde quando ci si siede sulla sedia grazie a qualcuno, quel qualcuno deve essere servito e riverito costi quel che costi....Ma non provate quel senso di "vomito" salirvi dallo stomaco ? Anche per voi vale lo stesso discorso fatto ad altri, cercatevi un lavoro, perche' alle prossime elezioni verrete allontanati dalle stesse persone che l'altra volta hanno fatto l'errore di votarvi.....
BlackCat
BlackCat 2017-08-28 10:11:20
Mancava il comunicato dettato dal sindaco e a nome di Vivi Senigallia. Tutte queste righe per non entrare nella questione (indagine) e al solo scopo di lubrificare l'eletto.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!