Logo farmacieFarmacie di turno


Paolucci Dott.ssa Francesca
SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Giovedì 31 agosto da Magini Food & Drink a Senigallia, “Cena con l’oca”

La cucina e le tradizioni contadine marchigiane rivivono nel ristorante di via Gherardi. E' gradita la prenotazione

Magini Food and Drink - Cena con l\'oca - via Gherardi, 37 - Senigallia (AN)
Magini Food & Drink, a Senigallia

La cucina tradizionale contadina oggi la trovi da Magini Food & Drink, in via Gherardi 37 a Senigallia. Un’ulteriore conferma di questo arriverà giovedì 31 agosto, quando nel ristorante del centro storico verrà servita l’appetitosa “Cena con l’oca”.

Le oche sono allevate a terra in una fattoria delle colline marchigiane: le prepariamo come si faceva una volta al forno con le patate e l’olio biologico extravergine di oliva.

Magini Food & Drink, ristorante a Senigallia“Chi nun magna l’oca d Magin nun farà l becch’ d un guadrin”.

Menù
Bruschetta con patè d’oca
Ciavattoni “del batte” con ragù d’oca
Arrosto al forno di oca con patate
Insalata verde
Ciambellone
Caffè
Acqua e vino della casa
€ 35.00
E’ gradita la prenotazione

Magini food & drink
via Gherardi, 37
Senigallia
0719884856
Seguici su Facebook

Pranzo dell'oca dopo la trebbiaturaL’antica vita contadina marchigiana ci racconta che l’ultimo periodo dell’estate è dedicato alla trebbiatura: “batte”.

Un vero e proprio rito durante il quale tutti i membri di famiglie vicine si radunavano per raccogliere il grano in grandi covoni e batterlo, letteralmente, con mazze costruite appositamente. Tutta la fatica era accompagnata da canti e da numerose “merende” a base di crostata, ciambelloni e vino.

La fine della trebbiatura era celebrata con una gran festa durante la quale, fra balli e stornelli, si serviva l’oca che era stata allevata per mesi per festeggiare il raccolto dell’anno.

In quell’occasione le donne di casa preparavano il pranzo per tutti e, sotto l’occhio attento della Vergara, che conosceva i segreti dei fornelli, si preparava il ragù d’oca per condire i “boccolotti” e si arrostiva l’oca nel forno a legna, dopo averlo sapientemente insaporita con il battuto di aglio, rosmarino e lardo.

Caricamento mappa in corso...
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura