Logo farmacieFarmacie di turno


Paolucci Dott.ssa Francesca
SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Al Vicoletto da Michele - Ristorante e pizzeria a Senigallia

“Caro Storoni, siamo tutti uguali dinanzi alla morte, ma non alla storia”

Anpi Senigallia scrive al sindaco di Ostra citando Calvino e ammonendo: "inappellabile il giudizio sul fascismo"

3.494 Letture
commenti
Il presidente ANPI Senigallia Leonardo Giacomini

Prosegue la polemica ad Ostra per la partecipazione del sindaco Andrea Storoni alla preghiera per le vittime di un’azione partigiana del luglio 1944.


Dopo l’Anpi Provinciale, interviene anche quella di Senigallia, con una lettera di Leonardo Giacomini, presidente della sezione locale, indirizzata proprio al primo cittadino ostrense.

Una lettera che qui riportiamo integralmente:

Caro Sindaco Storoni,
Italo Calvino scriveva “Siamo tutti uguali davanti alla morte, ma non alla storia”,  la  storia, ripeto, come diceva Calvino ha emesso nei confronti del fascismo un definitivo e inappellabile giudizio.
Anche io Signor Sindaco vorrei che ci fosse una pacificazione, ma prima occorre un necessario riconoscimento degli errori del passato, e un distinguo necessario tra le due parti in campo durante la seconda guerra mondiale, che non possono e non devono essere equiparate.
A distanza di oltre 70 anni, ancora oggi si verificano nel nostro territorio nazionale e ed anche nel locale, atti e fenomeni di provocazione fascista, sempre di più  compaiono iniziative che si vogliono far passare per goliardate e non ci si indegna più di tanto. Il clima che in questi ultimi anni si è creato non fa ben sperare, quotidianamente si verificano episodi ed iniziative dichiaratamente ispirate al fascismo, atti  xenofobi e razzismi, rifiuto all’accoglienza e alla solidarietà umana., quindi Signor Sindaco c’è ancora molto da fare.
Da ultimo, penso che il parroco della Sua cittadina sia scivolato oltre al Suo compito ministeriale, che io umilmente sia da cattolico che da cristiano, mi permetto di criticare: attrezzare un manufatto-baldacchino a mò di sacrario con tanto di bandiere e una croce dalle braccia falcate, è molto discutibile va oltre le celebrazioni religiose la preghiera verso i defunti.
Tanto mi sentivo dirle Signor Sindaco, un caro saluto.
Leonardo Giacomini Presidente ANPI Senigallia”

Commenti
Ci sono 3 commenti
iz6qzm 2017-08-11 11:25:21
Come non condividere quanto dice il Presidente dell' ANPI..Un conto è il confronto personale con Dio che rimane sempre un rapporto a due. Un conto è il rapporto con il prossimo che è esclusivamente il rapporto tra le persone. E' quest'ultimo che.fa la storia Quello che sconcerta sono, il comportamento del prete, e la necessità di dover spesso ritornare su tali concetti!
mik76
mik76 2017-08-11 12:01:58
Cosa sono i partigiani? (...omissis...) che operavano alle spalle degli amichetti a stelle e strisce a cui hanno venduto l'Italia. E poi parlano di storia.
“Caro Storoni, siamo tutti uguali dinanzi alla morte, ma non alla storia” – Fuoritempo 2017-08-13 00:20:05
[…] LEGGI L’ARTICOLO […]
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura