Logo farmacieFarmacie di turno


Landi Parere Dr.ssa Loretta
SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Imbarcazione turistica sbaglia entrata nel porto di Senigallia e si incaglia

Il natante ha imboccato la foce del Misa e si è arenato sul fondale basso: danni ingenti e paura per i due occupanti

5.227 Letture
13 commenti
Yummy - Pranza in ufficio! Consegna cibo a domicilio veloce e conveniente a Senigallia
La barca incagliata nel canale del porto di Senigallia

Scafo arenato sul fondale e albero schiantato per un’imbarcazione che nel primo pomeriggio di lunedì 17 luglio ha sbagliato l’ingresso nel porto di Senigallia, tentando di entrare dalla foce del fiume Misa.

Le acque marine molto mosse potrebbero essere all’origine dell’errore dell’uomo che era a bordo, insieme alla moglie, e che non è riuscito a invertire la rotta come invece gli stava segnalando il personale del porto di Senigallia via radio, da terra.

Il natante, una barca a vela, è stato fatto oscillare paurosamente dal mare agitato, fino addirittura a causare la rottura dell’albero e a far passare momenti di terrore ai due occupanti, poi tratti in salvo dagli uomini dell’Ufficio Locale Marittimo. Nessun danno fisico per la coppia, ma grande lavoro per uomini e mezzi di soccorso, per mettere in sicurezza lo scafo.

Commenti
Ci sono 13 commenti
lory
lory 2017-07-17 21:25:18
... ma lì non c'era l'ordinanza del Sindaco per liberare il fondale? Non era stato fatto?
pablo 2017-07-18 08:09:58
Forse il Sindaco si sarà dimenticato?
Glauco G. 2017-07-18 11:47:11
Scusate ma i commenti sul sindaco? Non riesco a capirne il significato..colpa del sindaco se il “comandante” del natante ha sbagliato imboccatura nonostante i segnali luminosi presenti all’imboccatura e che tutti i “patentati” dovrebbero conoscere? Colpa del sindaco se da terra gli hannno comunicato per radio di non entrare nel canale ma evidentemente già era troppo tardi oppure, per qualche motivo a me non noto, non ha dato seguito alle indicazioni del personale di terra? Colpa del sindaco se il “portolano” riporta bene l’imboccatura del porto e che è buona norma averlo a bordo e sempre aggiornato? Colpa del sindaco che in fase di avvicinamento al porto, bisogna contattare la marina e chiedere il permesso di approdo e le indicazioni sull’ormeggio ma evidentemente il tutto non è stato fatto? Colpa del sindaco se oggi giorno la patente nautica la danno con i punti della coop e in mare ci sono personaggi che fino a ieri cportavano trattori in tangenziale e oggi “comandano” barche? Il sindaco deve rispondere pure di questi personaggi? No perchè qui si sta chiedendo un po troppo... il fondale era basso per la barca? Quindi? Se provo a risalire il cesano con 3 cm di fondale? Colpa del sindaco se ci vado? Oppure mia che sono incompetente? Se poi vogliamo parlare del fondale legato al deflusso delle acque ok..parliamone..ma non in questo contesto..qui il problema non era il fondale ma chi portava la barca. Secondo me e basandomi su quanto ho letto.
lory
lory 2017-07-18 14:17:28
Certo, la disattenzione del capitano Schettino di turno é chiara, e la paga tutta.
Ma se l'ordinanza fosse stata eseguita, non si sarebbe incagliato.
Pongo l'attenzione solo sul fatto che dubito che sia in regola, anche per una questione di sicurezza (e questo fatto lo dimostra) mantenere quell'imbocco in quelle condizioni.
C'é una ordinanza che non é stata eseguita, e le ordinanze le emette il sindaco.
Tutto qui.
pablo 2017-07-18 14:47:00
non era forse il sindaco ad avere ordinato la pulizia dell'imboccatura del canale? perché non si è comportato di conseguenza?
fra77 2017-07-18 15:42:37
@Glauco G. Concordo in pieno con quello che hai commentato.
@Pablo e @Lory. Quattro anni fa ad agosto episodio identico anche se non era presente al tempo il famoso Isolotto.
Succedeva ugualmente e basta.
Poi che bisogna ripulire quell'area vero ma non doveva entrarci la barca a vela a prescindere.
Glauco G. 2017-07-18 16:12:08
Quindi, visto che sembrerebbe esserci l'ordinanza (lo dico non per dubitare ma perchè sono ignorante su questa ordinanza), allora è lecito accusare di questo eppisodio il sindaco? ripeto che parlo di questo episodio e non del fatto che esiste la secca e che va tolta. No perchè è come dire che in una strada a senso unico domani si verificasse un incidente dove un automobilista, imboccando la strada contromano e viaggiando a 180km/h perdesse il controllo della macchina capottando più e più volte distruggendola tutta... soccorsi arrivati immediatamente... via con i rilievi del caso e visto che in strada era presenta una buca ...tutta colpa del comune che non l'ha coperta...corretto? secondo voi il comune paga i danni e l'automobilista a casa contento perchè non pagherà nessun danno e non avrà colpe? la buca va tolta perchè se si pericolosa ma per chi rispetta la legge non per chi la viola....dentro il fiume non si entra con le barche punto...secca, non secca, mine, argni cadenti, spunaoni anti invasione, reti soommerse che intrappolano le barche,....non fa nulla come si presenta il porto..non doveva entrare... oppur epensate che lo scoglio ha torto e schiettino aveva ragione?
lory
lory 2017-07-18 16:13:15
@fra77 non so... A me Non mi sembra di aver approvato in alcun modo l'operazione compiuta dalla barca. Lo ribadisco quindi. Ha sbagliato chi guidava il mezzo.
Peró, Sto solo dicendo che l'imbarcazione ha subito dei danni , che non dovrebbero avere nulla a che fare con l'infrazione commessa (che prevederà, immagino, una sanzione).
Glauco G. 2017-07-18 16:54:54
No è questo il punto. Ha subito danni compatibili con lo stato attuale della foce del fiume e siccome parlaimo di una zona interdetta al traffico civile, non fa nulla se esisteva la secca oppure no...i danni li ha avuti perchè non doveva entrare le non perchè esiste una secca. Se entri nel torrente cesano...i danni li avrai a prescindere da quanto alto è il torrente... quindi il danno lo crei te che vuoi entrare e non dal fatto che esiste un fondale di 30 cm......idem il Misa. Se entra una nave o una barca a vela della marina militare...allora concordo che eventuali danni possono essere riconducibili alla secca..ma per tutti gli altri... il problema sei te che entri e non della seca presente sul posto. A Cattolica si può fare questo discroso dei danni visto che il canale (come quasi tutti i canali Italiani) sono soggetti a questi fenomeni... ma a Cattolica il canale è utilizzato anche per l'approdo di barche civili..qui NO. a Venezia (laguna) ti trovi a navgare in mezzo alle secche (segnalate per lo piu) e se sali su una secca ti becchi danni che puoi più o meno contestare alle autorità marittime ma solo perchè dentro la laguna ci sono sentieri che devi seguire e quindi devono essere sempre liberi da secche (ma alcuine volte questo non accade) qui NO. qui non devi proprio entrare. La sicurezza è garantita dal fatto che NON DEVI ENTRARE e non dal fatto di torvare oppure no un pericolo dentro il fiume.
centr100
centr100 2017-07-18 22:39:49
@glauco, provo a farti io un esempio:
Se tu parcheggi in divieto di sosta , e un albero del comune, marcio da mesi, ti casca sull'auto distruggendola , di chi é la colpa?
Per quello che credo Lory voglia dire, avresti la colpa, limitatamente al divieto di sosta (ovvero, pagheresti una sanzione per non aver rispettato il codice della strada) ma il danno subito nulla ha a che fare con il divieto di sosta, che non prevede, infatti, che in caso di mancanza di rispetto, la tua auto venga demolita.
Glauco G. 2017-07-19 15:19:49
@centr100, e se metti la macchina dentro un parco pubblico e un albero cade? secondo te chi paga? il comune oppure prendi una multa e vai a casa con la macchina rottta? perchè qui non parliamo di un divieto di sosta dove il mezzo può transitare liberamente ma non puo fermarsi..qui parliamo di un parco pubblico dove le auto non sono proprio ammesse (se non quelle di soccorso o salvo casi particolaricome a Natale i Babbi Natel ecc). io sapevo così... parliamo di un posto interdetto ai mezzi e non un punto di passaggio. Li proprio non puoi i entrare. entriamo nella sfera privata...se parcheggi nel mio giardino (nemmeno nel mio passo ma il giradino) e ti cade un albero? pensi che ti pagherò qualocsa? oppure ti chiederò i danni per l'erba che mi hai rovinato? questo esempiuo non è perfettamente applicabile a quanto accaduto perchè si parla di privato e privato mentre l'incidente è tra pubblico e privato ma forse rende meglio l'idea di cosa voglio dire io. Ultimo esempio. Se era presente una mina della seconda guerra mondiale con le dovute transenne e uno schiettino di zona entrasse con la barca dentro e saltasse per aria? colpa di chi non aveva ancora rimosso la mina oppure di chi è voluto entrare in una zona interdetta? capito cosa voglio dire? li NON DEVI ENTRARE....non è che puoi entrare girare e andare via..NON DEVI PROPRIO ENTRARE
Glauco G. 2017-07-19 15:21:43
Sia ben chiaro... io do per scontato che il canale ora è interdetto al trafficocivile ..se così non fosse ritiro tutto
centr100
centr100 2017-07-21 18:40:25
@glauco Quindi per lei, se io tenessi volutamente un albero in condizioni precarie, sapendo che potrebbe creare un danno a terzi, basterebbe che mettessi un cartello con scritto "attenzione!", E mi sarei cosí parato il lato b da ogni possibile evenienza, giusto?
Mi chiedo se quel canale, dovesse servire per 1000 altre ragioni di utilità o di emergenza, in entrata o in uscita, diverse da una barca che lo imbocca per sbaglio, chissà che spiegazione illuminante darebbe....
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura