SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Centro Il Maestrale

“Non mi faccio intimidire da nessuno”

Prosegue il botta e risposta tra i legali della vicenda Bertolini-Predieri

4.789 Letture
commenti
Roberto Paradisi alla trasmissione di Rai3 "Chi l'ha visto?"

Non mi faccio intimorire dalla difesa di Alessandro Predieri che, in modo poco elegante, ventila azioni legali nei miei confronti. Ribadisco peraltro quanto scritto senza remora o timore alcuno. Evidentemente è necessario (dopo aver ricordato ad un operatore del diritto) che l’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento nonché la libertà di espressione, ricordare che una cosa sono le “prove” ed altra cosa sono gli “elementi di prova”.

Concetti chiari a tutti che vengono insegnati agli studenti dell’università (proprio come i principi costituzionali sopra richiamati). Le prime (le prove) si formano certamente in dibattimento nel pieno contraddittorio e di fronte ad un giudice terzo. I secondi (“elementi di prova”) sono invece notoriamente quelli raccolti dal pubblico ministero durante le indagini preliminari. E’ curioso doverlo sottolineare. Quando ho scritto “…la pubblica accusa, sulla base di solidi elementi di prova (che, in dibattimento, sono già stati in parte confermati) ha mosso precisi e puntuali contestazioni all’imputato…”, non ho fatto altro che scrivere esattamente la verità distinguendo, in modo oltremodo corretto, le “prove” dagli “elementi di prova”. Che, a mio avviso, anche per il certosino e professionale lavoro fatto dal pubblico ministero, sono più che solidi. Ovvio che spetta alla fase dibattimentale accertare se quegli elementi di prova possano o meno diventare effettive “prove”. Ho aggiunto, e ribadisco, che fino ad ora molti elementi, ad avviso di questo difensore, hanno trovato conferma (leggasi, primo tra tutti, l’incidente probatorio).

Aggiungo che, come sanno gli studenti di legge (ma come insegnava Platone, prima ancora degli studiosi anglosassoni della cross-examination), che le prove dei fatti emergono dal confronto-scontro dialettico davanti al Giudice, confronto-scontro garantito dall’esame incrociato che, per i testi già sentiti, è stato regolarmente celebrato.

Le mie convinzioni non sono le medesime dei legali di Alessandro Predieri? Me ne farò una ragione. Certamente non rinuncerò al mio diritto di libera espressione. Se qualcuno pensa di poter intimidire il sottoscritto, posso assicurarlo senza remora alcuna, ha sbagliato completamente indirizzo.

 

Avv. Roberto Paradisi
difensore famiglia Bertolini

Commenti
Ci sono 2 commenti
Gnagnolo
Gnagnolo 2016-12-08 12:26:09
Perché non vi telefonate tra voi avvocati?
gino serretti 2016-12-09 06:55:21
Che brutta situazione !!!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura