SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Cure palliative, un convegno ad Ancona nel nome di Donato Ciceroni

Oltre alle terapie mediche c'è bisogno di un'attenzione all'aspetto umano: appuntamento sabato 3 dicembre

1.163 Letture
commenti
assistenza, servizi sociali, welfare, cultura, associazionismo

L’Associazione Amore Donato onlus ha organizzato, per sabato 3 dicembre presso l’Università Politecnica delle Marche a Torrette di Ancona, un convegno dal titolo “Persone che curano”.

Nata dopo la tragica e prematura scomparsa di Donato Ciceroni, l’associazione si è subito indirizzata verso un progetto dedicato alla cura della persona malata, in particolare con l’uso di cure palliative. Già lo scorso anno, al primo appuntamento, il convegno organizzato ha avuto un enorme successo e quest’anno si punta a bissarne l’esperienza.

Un taglio innovativo, sicuramente medico ma dove i relatori saranno filosofi, psicologi, medici proprio per raccontare e spiegare una cura forse più etica, morale che fisica.
A moderare il convegno sarà Rossana Berardi, direttore clinica di oncologia medica, direttore centro di riferimento regionale di genetica oncologica, Università Politecnica delle Marche – azienda ospedaliero-universitaria Ospedali Riuniti Ancona, assieme al presidente della IV commissione sanità Marche Fabrizio Volpini.

La cura è l’azione primaria che porta alla vita e da cui nessuno può prescindere per poter crescere; nell’evolversi dell’umanità si è arrivati a classificare la cura in base agli ambiti e alle dimensioni professionali e non in cui è coinvolta, ma la domanda che ora sorge è: esiste una professionalità che può prescindere dal concetto di cura? O piuttosto, c’è bisogno di ristabilire la cura all’interno della propria vita e quindi declinarla nelle varie professionalità? Il taglio di quest’anno del convegno è stato volutamente formativo e universitario perché si ritiene primaria l’esigenza di ritrovare le origini e le modalità della cura, in senso ontologico e non solo. Non sono sufficienti le terapie a lenire le sofferenze e a tamponare l’impossibilità di essere tutt’uno mente e corpo. E’ necessario riprendere con forza e determinazione il nostro essere tutt’uno anima e corpo al fine di poter dare una riposta umana al nostro dolore, sia esso temporaneo o duraturo.

Le cure palliative, che sono il filone in cui si inserisce questo convegno, come da statuto dell’associazione, hanno radici più profonde della legge 38 del 2010, richiamano un’umanità e un bisogno di prendersi cura che ha origini antiche e che tuttavia, nonostante il fluire del tempo e l’estrema evoluzione dell’uomo, richiamano l’essenza della vita, interpellano l’anima e il cuore e fanno eco ad una scelta umana di fronte alla precarietà e fragilità quotidiana.

Il convegno vuole mettere in luce il bisogno di cura non solo nelle professioni sanitarie ma anche nella quotidianità di ognuno di noi, cercando di fornire strumenti e riflessioni sull’estrema necessità di prendersi cura l’uno dell’altro per poter crescere nelle relazioni e nella consapevolezza dell’imprescindibile bisogno di essere curati che ogni uomo ha, indipendentemente dal suo stato di salute, sociale ed economico.

 

da Ass. L’Amore Donato

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura