SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia: del ‘borgo delle torri’ non rimane che un debito fuori bilancio

Perso il ricorso sul passivo de La Fortezza, persi i milioni di euro che il Comune vantava per le mancate opere di urbanizzazione

4.151 Letture
commenti
Al Vicoletto da Michele - Ristorante e pizzeria a Senigallia
L'area del cantiere ex-Sacelit, a Senigallia

Con il debito fuori bilancio che Senigallia si appresta a riconoscere in Consiglio comunale a fine mese, il Comune dice addio alla possibilità di accedere a circa 40 milioni di euro per i danni derivati dalla mancata costruzione del complesso residenziale all’ex Sacelit-Italcementi, in zona Porto.

E’ questa la novità presentata in commissione bilancio dove è stato discusso mercoledì 23 novembre un ordine del giorno sul riconoscimento di un debito fuori bilancio derivante dall’eterna vicenda sulla Sacelit. Il comune, nel 2015, aveva infatti richiesto di poter accedere al passivo de La Fortezza srl, l’impresa (poi fallita) che avrebbe dovuto realizzare un mega complesso nell’area ex Sacelit-Italcementi, in zona Porto: una richiesta che vedeva in ballo i circa 40 milioni di euro che il Comune sosteneva di vantare per vari crediti e per le mancate opere pubbliche con conseguente danno per la collettività: in base agli accordi firmati nel 2010Gianni Roccato, Maurizio Mangialardi e e Pietro Lanari illustrano il progetto nell'area ex Sacelit-Italcementi, infatti, tra l’impresa e l’ente locale, La Fortezza srl si doveva fare carico – oltre a costruire gli appartamenti e le famose torri che avevano dato poi il nome all’area e al progetto – anche di realizzare opere di urbanizzazione (come il marciapiedi, i parcheggi, rotatorie di accesso, il ponte tra i due lungomari e il sottopasso di via Mamiani) per circa 20milioni di euro.

Danno che però il giudice della sezione fallimentare del Tribunale di Ancona non ha riconosciuto, condannando così il Comune a pagare – oltre al danno la beffa – al curatore de La Fortezza srl poco più di 13mila euro come spese legali e rimborso forfetario.

Commenti
Ci sono 3 commenti
giulio 2016-11-26 08:33:17
Il Comune di Senigallia perde molto spesso. Il motivo? Tanto non paga nessuno.
Diverso il discorso per le controparti: avvocati, periti, consulenti. E il rischio - talvolta - di perdere in giudizio.
Certo, chiedere 40 milioni (quaranta!) ed ottenerne zero, con rimessa di 13.000 euro fa pensare.
fra77 2016-11-26 11:49:39
Beh,la causa andava fatta ed ha fatto bene il comune a farla. Purtroppo è stata persa...o si vince o si perde. In tribunale funziona cosi.
vecchio freak 2016-11-26 18:59:49
Qui più che altro il problema è che non ci sono i lilleri dall'altra parte...anche vincendo purtroppo non avrebbe avuto niente..
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!