SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Meno ti vesti, meno paghi”: fa discutere la serata organizzata dal Mamamia di Senigallia

Ci scrive una lettrice: "squallido pensando alle minori che vanno in discoteca". Gli organizzatori: "solo un party a bordo piscina"

10.222 Letture
Un commento
Magini Food and Drink - Senigallia - Il gusto della carne
Mamamia

Un party previsto al Mamamia di Senigallia per sabato 13 agosto ha fatto discutere negli ultimi giorni sui social e non soltanto. In particolare, a creare qualche malumore è stato lo slogan “Meno ti vesti, meno paghi”, della serata ribattezzata “Woow-Natural Party”.


Una lettrice, scrive alla nostra Redazione dichiarandosi assai perplessa: “una serata in cui si paga meno se ci si veste meno è una cosa squallida – ci scrive – sopratttuto perché spinge le ragazze a mostrarsi semi-nude per attrarre l’attenzione, giustificandosi col fatto che è la stessa tipologia di festa a richiederlo. Ragazze che, è bene ricordarlo, in alcuni casi sono anche minorenni”.

La discoteca precisa tuttavia che non si tratta certo di un party nudista, ma di un pool party (una festa a bordo piscina), dove, come avviene in molte altre discoteche italiane e non, si va generalmente in costume: vestirsi poco non è chiaramente obbligatorio.

“Pensate prima di giudicare senza sapere e non giudicate se non sapete. Evitate piuttosto di farvi selfie in posizioni oscene pubblicandole poi in gran fretta su facebook: quelle si che sono un degrado e una vergogna, non una festa in cui si balla buona musica a bordo piscina”, si sfoga su facebook il dj Giacomo Gabrielli.

Nella pagina ufficiale del Mamamia, su facebook, vengono spiegati i dettagli della serata:
“L’unico dress code richiesto è il vostro corpo (quasi) nudo, ma anche foglie di fico, fiori, rami, edere al posto del reggiseno, outfits che si ispirano all’abbigliamento dei riti pagani, lattex e intimo saranno ben accetti – si legge – .E’ un Pool Party, con piscina aperta tutta la notte. L’ingresso in bikini, biancheria intima o solo costume, sarà gratuito ma con obbligo di consumazione al costo di 7 euro; in reggiseno, senza maglia (sconto chiaramente per sole donne, ndr), il ticket costerà 10 euro, con vestiti normali, 13″.

Come sempre in questi casi, favorevoli e contrari dibattono a suon di post e commenti sui social network, ed alla fine per il locale anche questa è pubblicità.

Foto di repertorio tratta dal sito ufficiale del Mamamia

Commenti
Solo un commento
BlackCat
BlackCat 2016-08-05 14:40:13
Bigottismo provinciale 2.0....
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!