SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

In arrivo medici, infermieri e oss per l’ospedale di Senigallia

Rassicurazioni dal direttore d'Area Vasta 2 Bevilacqua. Resta il rischio di chiusura del punto nascite

5.520 Letture
Un commento
Baby & Kid outlet - Primavera Estate 2016 - Abbigliamento bambini Senigallia (AN)
La riunione della IV Commissione a Senigallia per discutere della sanità

Assicurata la dialisi estiva ed è in arrivo personale infermieristico e medico per potenziare l’organico dell’ospedale di Senigallia. E’ quanto promesso dal direttore d’Area Vasta 2 Maurizio Bevilaqua in IV commissione consiliare, riunitasi mercoledì 18 maggio presso gli uffici di viale Leopardi, davanti a sindaco, assessore e consiglieri. Ma non è tutto rosa e fiori: oltre ai conti economici sempre in bilico, è a rischio il punto nascita che negli ultimi anni ha subito un calo e che quindi non arriva alla “sufficienza” secondo le ultime direttive che prevedono un minimo di mille parti all’anno.

L’ing. Bevilacqua è stato introdotto dalla presidente di Commissione Margherita Angeletti, medico e consigliere; prima però è stato preceduto dal sindaco Maurizio Mangialardi che ha posto alcuni nodi della situazione sanitaria senigalliese, tra cui il punto nascita a rischio, il progetto per il parto indolore da sviluppare, il pronto soccorso da potenziare, gli investimenti da fare per i macchinari obsoleti, i posti letto da assegnare alle Rsa del territorio e la postazione della guardia medica sul litorale nord da rifare.
Sulla stessa linea l’assessore alla sanità Carlo Girolametti che ha evidenziato come Senigallia sia già sofferente in tema di materiali e risorse: “Servono medici e infermieri, un problema molto sentito tra la popolazione. Non si possono pensare nuovi progetti senza stanziare adeguate risorse“.

A questi nodi ha risposto il direttore dell’A.V.2 Bevilacqua, già in passato direttore dell’ex zona territoriale n.4: “E’ una realtà complessa che ha avuto problemi anche per la discontinuità gestionale degli anni passati. In questi nove mesi ci siamo dati parecchio da fare, anche grazie a vostri stimoli“. Sul servizio di dialisi ha dichiarato che “sarà assicurato anche quest’estate“. Per quanto riguarda il personale medico e infermieristico, oltre ai recenti arrivi di un chirurgo e di un ortopedico, è stata stilata finalmente la graduatoria per gli infermieri da cui verranno attinti 70 nomi tra infermieri e operatori socio-sanitari (34 i primi, 35 gli o.s.s.). Prevista anche l’assunzione di due psicologi, oltre a rinforzi nel reparto amministrativo.

L'ospedale di SenigalliaSul rischio di chiusura del punto nascita, purtroppo non vi sono al momento tante rassicurazioni: la soglia di mille parti all’anno sembra lontana dopo il calo degli ultimi tempi che ha portato la struttura senigalliese a “soli” 800/850 nascite annuali. c’è un problema anche di opportunità: a Jesi e Fano, infatti, è possibile partorire con la partoanalgesia, una modalità cosiddetta indolore che “toglie” partorienti a Senigallia. Per risolvere ciò, però, serve personale, ma conferma Bevilacqua “gli anestesisti mancano e non ho sufficienti garanzie per impegnarmi in questo momento“. Nemmeno da Osimo (punto nascita chiuso), arriveranno rinforzi per i reparti senigalliesi, mentre per quanto riguarda il consultorio, a breve verrà emanato un bando per l’assunzione di una professionista.

Da parte dei consiglieri membri della commissione sono state fatte alcune critiche alla gestione dell’Asur. Giorgio Sartini (Senigallia Bene Comune) ha chiesto rassicurazioni sulla ristrutturazione del reparto di terapia intensiva: “Se togliamo la terapia intensiva e chiude il punto nascite, a Senigallia cosa rimarrà?“.
La percezione del cittadino al pronto soccorso – ha dichiarato Stefania Martinangeli (M5S) – è di grave carenza, con personale sempre insufficiente. Se a questo aggiungiamo che in quasi 300 giorni non c’è stata alcuna riduzione delle liste di attesa, non vedo come sia possibile pensare di ridurre ancora i posti letto“.
Alla Commissione è intervenuto anche il presidente del Tribunale del malato Umberto Solazzi che ha sottolineato come sul punto nascita ci sia anche un problema d’informazione che potrebbe evitare ogni “pericolo di fuga” delle partorienti da Senigallia.
Apprezzamenti sono arrivati invece da Luca Santarelli (PD) per l’impegno di nuovo personale oss e infermieristico che sicuramente potrà risolvere alcuni problemi, almeno in vista della stagione estiva alle porte.

Rimandato il secondo punto all’ordine del giorno, quello relativo alla gestione della camera mortuaria.

Commenti
Solo un commento
Marcello Liverani
Marcello Liverani 2016-05-19 14:24:18
Gli OSS che stanno arrivando sono quelli che si stanno formando tramite un corso a pagamento e che, guarda caso, faranno pratica proprio nell'Ospedale. Ovviamente in maniera gratuita, mascherando il tutto come "stage" per fare pratica. Non sono quindi assunzioni, ma un semplice "sfruttamento" di persone impiegate a lavorare GRATIS. Il tutto ben mascherato dal corso che stanno svolgendo.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura