SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Hotel Ristorante Bice - Cenone di San Silvestro 2015 a Senigallia

Salvataggio Banca Marche, “nessuna tutela per azionisti e correntisti”

L'on.Brignone giudica negativamente il piano approvato dal CdM: "Cittadini, aziende e fondazioni si ritrovano con carta straccia"

7.745 Letture
Un commento
La filiale di Banca Marche in piazza del Duca a Senigallia, con lo sportello Bancomat

Il salvataggio dei quattro istituti di credito a rischio default, di cui fa parte anche Banca Marche, non ha assolutamente tutelato i piccoli azionisti e le fondazioni bancarie che avevano affidato all’Istituto di credito i loro risparmi“.

Così si è espressa l’on. Beatrice Brignone, deputata e componente della commissione XII affari sociali, che giudica negativamente la decisione del Consiglio dei Ministri per il via libera al piano di salvataggio di Banca Marche ha di fatto azzerato circa 400 milioni di euro di risparmi, azioni e obbligazioni.
E’ successo quello che pensavo: non a caso il mese scorso ho presentato un’interrogazione al ministro Padoan per chiedere come pensava di salvaguardare gli investitori e risparmiatori dell’istituto di credito marchigiano. Cittadini, aziende e fondazioni, che operano in favore del tessuto sociale delle Marche, si ritrovano ora con della semplice carta straccia poiché l’Istituto sarà messo in sicurezza attraverso lo stanziamento di 3,6 miliardi di euro che arriveranno dal cosiddetto “Fondo di risoluzione” finanziato dal sistema creditizio nazionale, ma purtroppo anche da azionisti e obbligazionisti subordinati“.

Una svalutazione pesante dei crediti era già nell’aria e in pochi speravano ancora che le cose rimanessero come prima. Nessuno però poteva immaginare a un azzeramento totale delle azioni di 43mila correntisti e risparmiatori.

Ma la deputata senigalliese punta il dito contro chi ha causato il dissesto finanziario di BdM: “è imputabile esclusivamente a una mala gestione del management precedente e non è assolutamente corretto che a pagare sia chi aveva risposto fiducia nella banca in questione“.

Commenti
Solo un commento
12solonotizievere 2015-11-24 21:24:18
Penso che chi dà le notizie abbia l'obbligo morale di darle corrette altrimenti è il caso che cambi mestiere. E' il caso di chi ha scritto questo articolo che parla, tra le altre cose di "via libera al piano di salvataggio di Banca Marche che ha di fatto azzerato circa 400 milioni di euro di risparmi, azioni e obbligazioni". Vero è che sono parole dell'On. Brignone, a quanto pare o profondamente ignorante in materia, e allora è meglio che taccia, oppure ha una scarsa conoscenza della lingua italiana, per cui sarebbe meglio per lei fare dei corsi di ripetizione serali in materia. Ma la stessa cosa vale per il giornalista che, invece di evidenziare la bestialità detta dall'Onorevole la riporta in diverse salse. Qual'è la bestialità? E' presto detto: i risparmi (depositi, libretti e conti correnti) non sono minimamente interessati dal provvedimento mentre le azioni sono solo di Banca Marche e le obbligazioni sono solo quelle subordinate. Quindi una bella fetta dei clienti di Banca Marche non è stata minimamente coinvolta. Questo è il modo per creare allarmismi ingiustificati. E questo potrebbe essere anche visto dalla banca come atteggiamento doloso nei suoi confronti.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!