SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Torna e si estende il Festival organistico internazionale “Città di Senigallia” 2015

Dieci i concerti, da Senigallia alla valmisa e fino a Civitanova alta, con due appuntamenti itineranti

Comì di Cucina
Concerto all'organo nella chiesa del Portone di Senigallia per il Festival Organistico Internazionale

Dieci concerti, tredici organi, edizione numero quattordici: la prima novità del Festival Organistico Internazionale “Città di Senigallia” 2015 sta proprio nei numeri.

Due concerti itineranti nelle diverse chiese situate all’interno delle mura dei paesi di Serra de’ Conti (2 agosto) e di Civitanova Alta (22 agosto) saranno gli appuntamenti novità dell’edizione 2015, promossa come sempre dalla Parrocchia S. Maria della Neve (Responsabile progetto: don Giancarlo Giuliani – Direttore Artistico: Federica Iannella). Il legame con il territorio marchigiano diventa con questa edizione ancora più stretto: non solo la valorizzazione dei preziosi strumenti custoditi nelle chiese, ma anche la genuinità dei prodotti agricoli offerti dalla ricca terra della nostra regione, coniugheranno eccellenze culturali, territoriali e culinarie. Il concerto a Serra de’ Conti prevede una prima parte nella Chiesa di Santa Maria de Abbatissis, per proseguire, passeggiando con il pubblico per le suggestive vie della città storica, nella Chiesa di Santa Maria Maddalena, dove ci sarà la possibilità di ascoltare, per la prima volta, la voce dell’ottocentesco organo costruito dal marchigiano Andrea Gennari. Questo strumento è uno dei rari organi presenti nel nostro territorio ad essere dotato dei cosiddetti “effetti speciali”, possedendo al suo interno un grande tamburo collegato a dei campanelli, azionabile dall’organista con un pedaletto a destra della pedaliera, ad imitazione delle percussioni, proprio a dimostrazione di quel legame dell’organo italiano ottocentesco con l’orchestra e la banda.

La seconda novità è la valorizzazione di ben tre organi storici tutti collocati nell’antico borgo di Civitanova Alta; due costruiti nel 1771 e nel 1792 dal celebre Gaetano Callido, mentre il terzo, costruito attorno al 1847, è attribuito all’organaro marchigiano Felice Morganti. Anche qui un concerto itinerante, il cui percorso sarà accompagnato da una piccola degustazione di prodotti locali tipici con delle narrazioni riguardanti la storia del borgo e l’apertura dei musei adiacenti le chiese, il tutto guidato dalla proloco cittadina.

Presentazione del festival organistico 2015: il direttore artistico Federica Iannella e il sindaco Maurizio MangialardiIl Festival Organistico – afferma il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi – è un altro di quei consolidati eventi che Senigallia propone durante la stagione estiva fondati su una concreta progettualità che mira alla valorizzazione delle eccezionali competenze di cui disponiamo, a partire da quelle della direttrice artistica Federica Iannella, e del nostro ricchissimo patrimonio organario. Di tutto questo voglio ringraziare anche don Giancarlo Giuliani, direttore del progetto. Siamo molto felici della crescita registrata in questi ultimi anni grazie all’estendersi della manifestazione verso il nostro entroterra e quest’anno, per la prima volta, verso il maceratese con il concerto di Civitanova Marche. E siamo certi che il successo del Festival costituirà il viatico di nuove future partnership”.

Il primo appuntamento di questa edizione è previsto per giovedì 16 luglio, e come di consueto si inizia a Senigallia nella Chiesa del Portone. All’organo Paul de Maeyer, concertista belga, che coinvolgerà il pubblico con un repertorio tratto dai compositori in assoluto più celebri, Haendel, Bach, Mozart e Mendelsohn. Sarà una serata eccezionale quella di apertura, anche per la caratteristica che ha reso celebre de Maeyer in tutto il mondo: l’esibizione si concluderà infatti con una serie di improvvisazioni, i cui temi saranno scelti dal pubblico, che l’artista modellerà sulle caratteristiche foniche e stilistiche dell’organo Pinchi opus 422.

Giovedì 23 luglio ci si sposterà poi nella chiesa di San Francesco a Corinaldo, uno dei borghi più belli d’Italia. Un programma ricco quello offerto dall’organista Emanuele Cardi accompagnato dal soprano Giacinta Nicotra, che prevede un repertorio che copre un arco di tempo molto lungo, a partire dal genio barocco di Bach, per arrivare al Novecento con il celebre direttore d’orchestra nostro connazionale Mascagni, attraversando le opere di altri grandi maestri come Durante, Yon, Mozart, Rossini.

Il terzo appuntamento è previsto per sabato 25 luglio, nella preziosa Chiesa di San Rocco ad Ostra. Margherita Dalla Vecchia, accompagnata dal soprano Sara Bino, proporrà un percorso molto originale dal titolo “Da Venezia a Roma…andata e ritorno, a voce sola e continuo”, un viaggio musicale tutto italiano con l’esecuzione di musiche di Gabrielli, Grandi, Frescobaldi, Ferrari, Strozzi e Vivaldi.

Si torna alla Chiesa del Portone giovedì 30 luglio, con il concerto di Arno Hartmann, organista e direttore d’orchestra tedesco, già noto al pubblico del Festival, che dal compositore catalano Vilar, passando per il barocco di Seixas e Bach, arriverà fino ai contemporanei musicisti statunitensi Copland, Barber e Parker.

Domenica 2 agosto ci si sposterà a Serra de’ Conti con il concerto itinerante di Roberto Padoin, che proporrà brani di autori del barocco tedesco alternati a musiche di compositori italiani dell’Ottocento, tra cui il celebre Giovanni Morandi, musicista marchigiano attivo anche a Serra de’ Conti.

Il successivo appuntamento sarà mercoledì 5 agosto, a Senigallia, ma questa volta nella cornice dell’Auditorium dei Cancelli, dove Paolo Bougeat si esibirà con un programma che dalla seconda metà del Seicento approderà all’Ottocento attraverso composizioni di Pachelbel, Platti, Hugl, C. Philipp Emanuel Bach, Moretti ed Allegri.

Il Festival prosegue ad Ostra Vetere domenica 9 agosto, nella Chiesa di Santa Lucia, dove all’organo si esibirà Enrico Zanovello, accompagnato da Michele Santi alla tromba. Il duo presenterà un programma che va dalla seconda metà del Seicento fino all’Ottocento pieno, cominciando con Haendel, per proseguire con Coll, Tasso, Purcell, Valeri, Haydn, Clarke.

Si torna alla Chiesa del Portone giovedì 13 agosto, dove Roman Perucki all’organo, accompagnato dalla moglie Maria Perucka al violino, proporrà musiche di Bach, Corelli per finire con i compositori polacchi Nowowiejski e Bielecki.

Sempre alla Chiesa del Portone si prosegue giovedì 20 agosto con Roberto Canali, che da Bohm toccherà Bach, Buxtehude, Mendelssohn, Schumann e Vierne.

Gran finale a Civitanova Alta, sabato 22 agosto, alla scoperta di un nuovo circuito i organi e del borgo storico; Enrico Viccardi eseguirà un raffinato programma che partendo da un omaggio ai tre compositori che per eccellenza hanno caratterizzato l’epoca barocca europea (Haendel, Bach e Domenico Scarlatti) approderà allo stile operistico di Niccolò Moretti e di Giovanni Morandi.

Un repertorio molto vasto quello di questa 14° edizione; grazie alla ricchezza delle differenti tipologie degli organi utilizzati e alla presenza di artisti di fama mondiale, protagonisti indiscussi delle scene concertistiche internazionali più prestigiose, il pubblico potrà assaporare un panorama completo sulla lunga storia della musica per organo in una vera antologia di epoche e di autori diversi fra loro.
E’ l’edizione delle novità per i concerti itineranti e per la partecipazione di Civitanova Alta, a sottolineare la valorizzazione del territorio a 360 gradi.
Ideato come un tour che tocca l’entroterra e si spinge fin lungo la costa, Il Festival Organistico Internazionale “Città di Senigallia” costituisce infatti una vetrina importante per promuovere il patrimonio artistico marchigiano e favorire il turismo culturale.

Il Festival è promosso e sostenuto dal comune di Senigallia, dalla parrocchia del Portone e dalla compartecipazione dei comuni di Civitanova Marche, Corinaldo, Ostra, Ostra Vetere, Serra de’ Conti, dalla Diocesi di Senigallia, con il patrocinio dalla regione Marche; una sinergia tra enti diversi che permette di costruire una manifestazione unica nel panorama della regione, promuovendo una collaborazione che mette gratuitamente a disposizione di tutti gli appassionati un percorso musicale e culturale assolutamente affascinante.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura