SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia, Nelversogiusto presenta “Tre Maggio in Poesia”

Letture in video e testi tratti dal libro "Gli argini non sono sponde" a Palazzo del Duca

locandina "Tre Maggio in poesia"

Domenica 3 maggio, alle ore 18.30, nella Sala del Trono (Palazzo del Duca) l’evento curato dall’Associazione Culturale “Nelversogiusto-Senigallia/Poesia” che presenterà “Tre Maggio in poesia”, letture in video, a cura di Franco Patonico, e testi tratti dal libro “Gli argini non sono sponde” recentemente presentato.

Edito da Venturaedizioni, il libro contiene poesie di Mary Aguglia, Matilde Avenali, Liliana Bellagamba, Annamaria Berni, Diana Brodolini, Antonietta Calcina, Maria Chiara Capone Di Donfrancesco, Francesco Cavallari, Silvia Cingolani, Rita Cursini, Elisabetta Freddi, Letizia Greganti, Marisa Landini, Paola Mazieri, Fiorina Piergigli, Maria Pia Silvestrini.

Dalla tematica del “Fiume”, che – ad un anno dall’alluvione – inevitabilmente riporta all’evento tragico che ha colpito crudelmente la città, la poesia riconduce il fiume alla sua condizione, al suo scorrere ed al suo alveo significante, quale presenza quotidiana e silenziosa, memoria storica e ricchezza del territorio, elemento che evoca l’assoggettamento alle leggi della natura, appalesando una necessità di rispetto e al tempo stesso di una più ampia e profonda consapevolezza che compete all’umanità. In questo suo ritorno allo scorrere piuttosto che al rivoltarsi, il fiume mostra di nuovo la sua faccia, lasciando a noi le domande e il compito di trovarne il senso prima d’ogni tentativo di risposta.

Nella Sala del Trono, pure l’installazione artistica di Giovanni Ghiandoni ed Andrea Franceschini dal titolo: bridge to the future, mira ad un cantiere quando dallo sfascio apparente d’ogni oggetto, nella bruttezza in cui cade ogni cosa, tocca il cuore della perdita e scopre una bellezza diversa la strada che spinge al futuro, la necessità di un ponte che possa unire le sponde, permettere gli incontri, l’attraversamento delle differenze, un diverso ri/conoscersi. Ripartire dalla cultura implica coltivazione.

L’evento “Tre maggio in poesia” è in sinergia con le azioni poetiche planetarie attivate, tramite il WPM (World Poetry Movement), nel mese di maggio e di luglio, in corrispondenza della grave crisi che si è aperta nella storia umana.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!