SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Fallita La Fortezza srl di Pietro Lanari, stop definitivo per l’ex Sacelit di Senigallia

Il cantiere era fermo da tempo: tra le cause il blocco dei finanziamenti da parte di Banca Marche

9.489 Letture
commenti
Il cantiere dell'area ex Sacelit, a Senigallia

Senigallia, Marcelli, Porto Recanati, Potenza Picena: in queste città alcune opere edilizie sembra che non vedranno mai la luce. La società La Fortezza srl, infatti, del costruttore anconetano Pietro Lanari, è stata dichiarata fallita dal tribunale di Ancona.

Troppo pesanti i debiti accumulati per iniziare i vari progetti nella regione Marche e troppo importanti i finanziamenti per oltre 200 milioni di euro rilasciati e poi bloccati da Banca Marche, prima ancora che avvenisse il commissariamento da parte di Bankitalia e l’inchiesta che ne sta conseguendo. Gianni Roccato, Maurizio Mangialardi e e Pietro Lanari illustrano il progetto nell'area ex Sacelit-ItalcementiRespinta la richiesta di un concordato liquidatorio, dopo il rifiuto dei creditori tra cui proprio BdM. La curatela fallimentare è stata affidata al commercialista dorico Paolo Di Paolo, assieme al giudice delegato Simone Romito.

Del colosso ormai rimangono solo i cantieri fermi da tempo e quelle aree, già abbandonate, che conosceranno solo il degrado nei prossimi anni. Aree anche strategiche per le città come a Senigallia, dove La Fortezza aveva iniziato i lavori del cantiere all’ex Sacelit, nei pressi del porto della Rovere.

Commenti
Ci sono 9 commenti
Glauco G. 2015-02-26 12:58:11
Questione troppo intricata per me…ma da esterno vedo un potenziale lato positivo e uno sicuramente negativo. Il negativo sta nel fatto che qui si parla di “Fenice2” (parlo di tempi realizzativi)…forse fra 20 anni vedremo finite le nuove costruzioni. Il lato potenzialmente positivo sta nel fatto che ad oggi, il progetto (variato diverse volte) era arrivato al punto dove si autorizzava la costruzione di sole case e niente piazze, giardini, hotel, fontane, ecc. il tutto perché il costo dell’area (che è passata di mano in mano e ogni volta aumentando sempre di più il costo) era talmente elevato che per farci un ricavo, la ditta costruttrice doveva creare 5000 alloggi e venderli ad un costo elevatissimo… ora si riparte da un fallimento e quindi si andrà all’asta (credo).. quindi si ritorna giù di prezzo (credo) e se il comune sarà bravo e attento (ma ne dubito).... potrà vincolare meglio la zona (forse)... e far creare piazze, giardini, hotel, ecc.
un povero tra i poveri (di politica) 2015-02-26 14:12:34
"HOTEL A 5 STELLE" Ricordo che nel 2010 durante la campagna elettorale comunale proprio Mangialardi ne fece un punto di forza della su a campagna puntando su una riqualificazione della zona portuale. Hotel a 5 stelle, ponti, strade, piazze, giardini ed opere pubbliche, ecc. ecc.. Chi non crede si vada a rivedere il tutto ma vada a rileggersi anche i miei commenti. Come siamo oggi???? Non rido anzi ..... mi viene da piangere per come i nostri sindaci del PD, dalla Luana a Maurizio, hanno ridotto Senigallia con danni economici, territorio deturpato, mancanza di posti di lavoro, ecc. ecc.. Scommetto che la prossima campagna politica 2015 vedrà il PD ripromettere mari e monti che non vedranno mai la luce. Non mi meraviglia il PD senigalliese ed il suo modo di comportarsi politicamente ma i senigalliesi che tartassati economicamente, sommersi dal fango, sviliti a sudditi pecoroni quindi ingannati e RICATTATI politicamente, ancora votano e voteranno PD. Provate a CREDERE AI GIOVANI. Date fiducia al nuovo ed ad un giovane che non abbia scheletri nell'armadio ... qualunque sia .... ma cambiate... Non siate come gli Struzzi, non mettete la testa sotto la sabbia per chiudere occhi e naso vista la puzza, lasciando il posteriore all'aria a disposizione del primo che passa. Tanto la sabbia di velluto a Senigallia non c'è più.
Sebastian
Sebastian 2015-02-26 17:16:20
Sacelit, Arena Italia, Rossini, Colonie Enel, solo per fare alcuni esempi. Dopo questo t'aspetteresti delle scuse e l'allontanamento volontario da qualsiasi carica istituzionale, invece che fanno ? Si ricandidano tutti (quasi tutti) e partono i soliti bla bla bla come se niente fosse e c'e' anche chi ha il coraggio d'applaudire agli incontri....
Giammy
Giammy 2015-02-26 17:47:39
Visto il progetto, direi che è stata una grossa fortuna che la ditta sia fallita. Sarebbe stato un mostro ecologico
Nemo
Nemo 2015-02-26 18:32:47
"Questa è la più grande trasformazione urbana della città dal dopoguerra ad oggi"...inizia così l'intervista al Sindaco Maurizio Mangialardi del 13 gennaio 2012...per chi volesse ridere può ascoltarla per intero...https://www.youtube.com/watch?v=OlFQpdSM0H0
maria garbini 2015-02-26 20:56:41
Diversamente da voi altri on-line riportano un'altra autoincensazione di m. che ho chiamato:..........FUFFA:........uno di questi anni vi riproporrò alcune domande su cui sembrava che avessero qualche ipotesi i grUllini anche loro omertosi; intanto il vs. sindaco m. si auto-aggiunge un altro PREGIO alle sue eroiche e sante VIRTù: è pure VEGGENTE! ......s.610
arcimboldo 2015-02-27 06:04:28
Stando molto, ma molto con i piedi per terra e sulla scorta di quello che sta accadendo nelle Esecuzioni Immobiliari credo che sarà molto difficile che l'area possa essere acquistata all'asta (?) soprattutto in considerazione del progetto che vi insiste e per le opere di urbanizzazione concordate che hanno una incidenza considerevole sull'opera stessa e, di riflesso, sul prezzo di vendita degli alloggi. Spero che si trovino una o più imprese che abbiano la forza economica (solidità economica) per intervenire anche se credo che con questi chiari di luna nessuno vorrà metterci mano a meno di non averne un ritorno economico molto importante che comunque comporterà un ridimensionamento, a mio avviso, delle aspettative del Comune. La beneficenza non la fa più nessuno ammesso che le imprese nei tempi passati l'abbiano fatta. Conoscendo la capacità e la competenza del Sindaco confido che possa trovare una rapida soluzione, Tribunale permettendo, per quell'area così strategica ed importante per l'immagine della nostra bella città di Senigallia. Buon lavoro al Sig. Sindaco. Buona giornata.
alemarconi 2015-02-27 10:36:17
Complimenti a Senigallia. Un'area dal potenziale enorme che rimarrà abbandonata ancora per molto tempo. Hanno fatto errori uno dopo l'altro, dalla scelta della destinazione d'uso all'abbattimento della ciminiera, passando per la scelta di un architetto ultrasettantenne che non progetta nulla di moderno ma si fa pagare manco fosse Norman Foster. Potevano tenere la ciminiera, ristrutturarla e renderla turisticamente attrattiva (è sempre bello salire a 60m e vedere il panorama dall'alto). Potevano costruire un Fab Lab ai suoi piedi, dando uno spazio ai giovani della città e richiamando la vocazione industriale dell'area. Potevano circondare il tutto con un'area verde. E infine potevano, all'estremo opposto della ciminiera, fare un bel concorso di idee per realizzare una torre di almeno 60m da destinare ad hotel e abitazioni di pregio. Il tutto condito, almeno nella parte più "industriale", da opere di Blu.
Ma sarebbe tutto ciò sarebbe stato troppo più semplice, troppo più lungimirante, troppo più ambizioso e meno speculativo per essere realizzato.
maria garbini 2015-02-27 14:49:39
Prima e durante l'abbattimento della ciminiera, c'erano accanto sacchi con la scritta AMIANTO; ecco la "fretta" di m.-& di fare pulizia. ....... Le foto del fatto sono state inviate e silenziate all'epoca dalla stampa locale. Probabilmente qualche GRuLLINO ne ha altre più pregnanti. ........... suddito-610
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!