SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

La Bce chiude i rubinetti alla Grecia, stop ai finanziamenti

Il paese ellenico continua il duello a distanza con la Germania

1.508 Letture
commenti
Veduta notturna di Atene

La questione greca continua a far parlare di sé. Inattesa la decisione della Bce del 05 febbraio 2015, in base alla quale è stata revocata la possibilità alle banche greche di attingere ai finanziamenti delle Bce.

Questo significa che quando il programma di alleggerimento quantitativo avrà inizio l’Europa non comprerà i titoli di stato greci non aiutando quindi il paese più in difficoltà dell’UE ad aumentare la propria liquidità. Tutto ciò è molto negativo per la Grecia che si ritrova improvvisamente senza questo sostegno della Banca centrale europea.

Ciò che si è verificato è l’opposto di quello che i greci avevano chiesto. Infatti, il ministro dell’economia greca Varoufakis proprio durante la giornata di giovedì 5 febbraio aveva chiesto alla Bce di acquistare 10 miliardi di titoli di stato greci. “Siamo disposti a trattare, siamo una chance per l’Europa” ha detto poi il ministro greco.

L’azione spietata della Banca centrale europea è stata però mitigata nella giornata successiva. Il 06 febbraio si è deciso di aumentare la disponibilità di erogazione di fondi di emergenza (ELA) a favore della Grecia. Una mossa che fornisce un po’ di liquidità alla penisola ellenica ma che non copre la voragine creata dalla decisione della giornata precedente.

Ci si chiede allora: come mai si è verificato tutto ciò? Quali sono state le motivazioni che hanno portato a queste decisioni?
Di sicuro all’UE non sono andate giù le dichiarazioni dei “falchi” greci, i quali , più volte si sono detti contrari al pagamento del debito. Ma non solo, un ruolo importante lo ha giocato la Germania che continua ad ammonire il paese ellenico ricordando che i patti vanno rispettati. “Non siamo disposti a cedere ai ricatti”, “il debito deve essere pagato fino all’ultimo euro”. Queste le affermazioni della Merkel e dei suoi connazionali.

Il primo ministro tedesco ha ribadito poi il concetto dopo una cena informale con il presidente francese Hollande.
Intanto il premier italiano Matteo Renzi si è detto concorde con la decisione della Bce.

L’11 febbraio ci sarà il consiglio europeo, i mercati attendono con ansia di saper quale sarà la decisione che verrà presa.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura