SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Commissione post-alluvione Senigallia: presentata relazione votata da minoranza

Un San Rocco gremito ha ascoltato il presidente Mancini, dando poi vita a un dibattito "caldo"

3.239 Letture
commenti
Roberto Mancini presenta la relazione sull'alluvione del 3 maggio 2014

C’era Roberto Mancini, consigliere comunale e ormai ex presidente della commissione di inchiesta sull’alluvione che ha colpito Senigallia il 3 maggio 2014, c’erano tanti esponenti di maggioranza e opposizione consiliare, assessori e vicesindaco, candidati alle prossime elezioni e c’era un auditorium San Rocco gremito.

L’occasione era, nel pomeriggio di domenica 25 gennaio, la presentazione alla cittadinanza della relazione seguita ad audizioni, indagini e ricerche sull’evento alluvionale, prodotta dalla commissione di inchiesta e approvata dalle forze di minoranza che siedono in Consiglio Comunale a Senigallia.

La relazione e l’annuncio della sua presentazione pubblica avevano scatenato una vera e propria bagarre tra gli esponenti politici di Senigallia, con comunicati stampa incrociati, in cui si parlava di querele, scorrettezze, fangomancati passaggi consiliari, scudi levati a difendere questa o quell’altra fazione.

Così, dopo giorni di botta e risposta, si è giunti ad un appuntamento che, se da una parte è stato per certi versi anche didattico, con Mancini ad esporre punto per punto la relazione, non senza introdurre elementi anche tecnici e storici della gestione dell’emergenza, del territorio, delle aree di rischio idrogeologico, dei lavori che è prioritario fare per mettere città e cittadini in sicurezza, dall’altra parte si è trasformato, durante il dibattito aperto, in una nuova contrapposizione tra le due parti.

Roberto Paradisi ha dato il la alle discussioni, tirando in ballo il siluramento dell’ingegner Vito Macchia, redattore della proposta di perimetrazione di ampie parti della città nella zona a più alto rischio idrogeologico, poi ridotte drasticamente da Consiglio Comunale e Giunta, che nel 2001 presentarono il Piano di Assetto Idrogeologico ora in vigore.

Roberto Mancini presenta la relazione sull'alluvione del 3 maggio 2014Proprio quella riperimetrazione è al centro di molte polemiche, a cui ha provato a rispondere Carlo Girolametti, tra i firmatari di un’altra relazione, che la maggioranza presenterà in Consiglio Comunale il 28 gennaio.

Girolametti ha provato a spiegare diversamente la vicenda dell’ingegner Macchia, affermando che egli non si sarebbe espresso in merito alla riduzione delle aree a rischio, visto che non ci sono verbali che riportano opposizioni del tecnico. Ma la contestazione mossa dalla minoranza è proprio sul fatto che non sarebbe stato dato spazio all’ingegnere per intervenire.

Girolametti ha anche affermato che nel 2001, ai tempi della redazione del PAI, su indicazione dell’ingegner Alessandro Mancinelli, si optò per non mettere la quasi totalità di Senigallia sotto tutela, in attesa però di compiere in maniera celere e precisa misure e rilevazioni che fornissero reali riscontri, ad esempio sulla reale portata del fiume e sullo stato degli argini. Ma come ha sottolineato lo stesso consigliere comunale, nonostante fosse stato lo stesso Mancinelli a sollecitare gli Enti preposti ad operare in tal senso, alle indicazioni dell’ingegnere non è stato dato completo seguito e queste misurazioni dopo 14 anni non sono state fatte.

Altri interventi si sono susseguiti, come la disamina degli errori compiuti in fase di ampliamento del porto e quelli nel rifacimento di ponte Portone, sottolineando, a detta di Giorgio Sartini, che i lavori iniziati proprio in questi giorni su ponte Perilli non saranno di aiuto in caso di un nuovo ingrossamento del Misa.

Simone Ceresoni ha poi rivendicato il cambio di impostazione, in questi anni di governo, da una politica che anteponeva l’edificazione anche alla sicurezza dei cittadini, verso una politica di riduzione delle cubature.

Le parole che però hanno probabilmente messo d’accordo tutti i cittadini di Senigallia presenti all’auditorium San Rocco, sono state quelle di Bruno Secchiaroli (ex rappresentante del comitato che lottò contro la costruzione del centro commerciale Il Molino e delle aree sorte dirimpetto a Borgo Molino): “Da oggi in poi non vorremmo sentire più raccontare ciò che non è stato fatto fino ad oggi da maggioranza e opposizione, ma ciò che i nostri amministratori faranno da ora in avanti perchè Senigallia non sia più alluvionata”.

Commenti
Ci sono 2 commenti
tau955 2015-01-26 09:46:40
In merito a quanto riportato e detto da Sartini Giorgio occorre fare chiarezza e per tale motivo quanto espresso è riportato sul sito degli Alluvionati Senigallia: http://www.alluvionatisenigallia.it/
Luca Ceccacci
Luca Ceccacci 2015-01-26 11:14:03
Ovviamente non era possibile riportare in questo articolo gli interventi per intero, ma ho cercato di estrapolarne il senso in poche parole. Sono benvenute le precisazioni e avete fatto bene a segnalarcele: leggendole però su alluvionatisenigallia.it, non sembra affatto che Sartini deponga a favore dell'impostazione data ai lavori su ponte Perilli... Da ciò che è stato scritto sul blog degli alluvionati sembra che qui sia stato stravolto il senso dell'intervento.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura