SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Marcheinfesta.it

Vivi Senigallia su commissione inchiesta alluvione: “Regole calpestate”

"Il Presidente 'super partes' presenta solo la relazione di minoranza, alla stampa prima che al Consiglio"

2.488 Letture
commenti
Alluvione Senigallia: cittadini in difficoltà a Borgo Molino

Il presidente della Commissione di inchiesta Roberto Mancini umilia il Consiglio Comunale, calpesta le regole democratiche e tradisce il suo ruolo di Presidente.

Tanto è riuscito a fare, in un sol colpo sulla stampa il consigliere Roberto Mancini, presidente della Commissione di indagine e di inchiesta sulla vicenda alluvionale.

Istituita, all’unanimità, dal Consiglio Comunale il 4 giugno 2014, la Commissione di inchiesta e il suo Presidente avevano ricevuto mandato per un’azione di indagine e di inchiesta sull’alluvione del 3 maggio scorso e al Consiglio il Presidente doveva riferire sui risultati appena terminati i lavori. Invece no, il Consiglio Comunale è venuto a conoscenza, sugli organi di stampa, della conclusione dei lavori della Commissione: ad essi il Presidente ha riferito della conclusione dei lavori offrendo valutazioni di parte, quelle votate dalla minoranza, parziali, faziose, di facile strumentalizzazione.

Lui, il Presidente che doveva essere super partes, che tante volte si è lamentato che il Consiglio Comunale non è adeguatamente valorizzato ed ascoltato, oggi l’ha bellamente ignorato, umiliato: ha reso pubblica e commentato, sulla stampa, la relazione della minoranza della Commissione, la sua relazione, preannunciando addirittura di farne oggetto di una pubblica assemblea prima della seduta del Consiglio Comunale. Cos’è mai per il consigliere Mancini il Consiglio Comunale dal quale aveva ricevuto il mandato e al quale doveva darne compiuta relazione? Men che nulla. Per Mancini le regole democratiche possono essere calpestate e le Istituzioni democratiche ignorate quando lo decide lui e a lui conviene. Forse lui crede di aver così iniziato “alla grande” la campagna elettorale: sarebbe troppo!

E poi: perché sulla stampa ha presentato e commentato solo la relazione di minoranza? Ma non è Mancini il Presidente della Commissione, super partes, che avrebbe dovuto dire con chiarezza alla gente quale è stata la relazione votata dalla maggioranza della Commissione e quale quella votata dalla minoranza? No, lui parla solo della sua relazione, quella di minoranza: bravo Presidente ormai “menchedimezzato”. Bell’esempio di correttezza democratica: lui è quello che, in Consiglio Comunale, ha sempre sulla bocca la parola democrazia e trasparenza. Ma come razzola male consigliere Mancini!

Di cosa non sarà capace ancora il Presidente, che ha ormai gettato la maschera tradendo il suo ruolo“super partes” di una Commissione così importante istituita all’unanimità dal Consiglio Comunale? Francamente ci aspettavamo “qualcosina” in più sul piano istituzionale, di serietà, di affidabilità e correttezza politiche, verso il Consiglio Comunale e verso i cittadini, particolare nella fase conclusiva dei lavori.

E non può bastare qualche ripensamento del giorno dopo: il Presidente Mancini ha espresso comportamenti e valutazioni gravi che mistificano i lavori della Commissione stessa di cui è Presidente.

Commenti
Ci sono 4 commenti
LuigiRebecchini 2015-01-23 09:07:50
La sera di lunedì 19 gennaio la commissione d'inchiesta ha cessato i lavori. Durante i mesi di incontri e riunioni, per una serenità degli stessi lavori, la commissione ha lavorato non facendo trapelare nulla. Cessati i lavori e firmate le relazioni nulla osta alla loro pubblicazione e la stessa commissione d'indagine è chiaramente decaduta.Il consigliere Mancini ha cessato di essere presidente nella stessa data. Non capisco il livore della maggioranza che governa la città e che vorrebbe tacitare ogni dissenso dai loro proclami. Le relazioni sono state depositate martedì mattina e di conseguenza ogni consigliere ne ha già ricevuto copia .
leofax 2015-01-23 10:52:36
Per conto mio, tutto sto casino, è solo melina politica.
Nel caso ci fosse un ballottaggio tra Mangialardi e un Liverani, rientrano tutti nei ranghi. Leonardo Maria Conti
BlackCat
BlackCat 2015-01-23 11:59:23
Che io sappia una volta conclusa la relazione diventa PUBBLICA (anche se di minoranza) e in quanto tale può essere divulgata. Probabilmente però c'è una maggioranza di interessi che vuole usare il "cancelletto" prima che questa relazione (PUBBLICA) venga diffusa. Io credo che il comportamento del Comune di Senigallia rispetto questo fatto sia ridicolo, infantile, sporco e torbido. Io sto con Roberto Mancini. Aspettiamo le conclusioni di questa giunta maggioritaria per tirare le somme ma l'arroganza che usa contro i "dissidenti" mi fa pensare malissimo del loro operato. E più diventano arroganti e più l'acqua sale e puzza di ..... !
octagon 2015-01-24 09:03:04
Cit. Il presidente della Commissione di inchiesta Roberto Mancini umilia il Consiglio Comunale- la verità fa male!!
Cit. calpesta le regole democratiche.- Questa brucia di più nonostante non abbia fatto nulla di illegale! Cit. tradisce il suo ruolo di Presidente.- Non era più Presidente - L'altra relazione presentatela voi! In ORIGINALE !!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura