SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
La Boutique del Materasso 2 - Offerte Natale

Ecco i programmi espositivi e didattici 2015 del Musinf di Senigallia

Un Bugatti soddisfatto per l'anno appena trascorso rivela le iniziative per i prossimi mesi

Il direttore del Musinf, Carlo Emanuele Bugatti

Presentando la bozza della monografia di Andy Massaccesi, il vincitore del premio Senigallia – Io Fotoreporter 2014, con  gli auguri per le festività il direttore del Musinf ha comunicato i programmi espositivi e didattici per il 2015.

“Per il museo comunale d’arte moderna il 2015“ ha posto come premessa il prof. Carlo Emanuele Bugatti ”è un anno molto importante ed assai impegnativo” perché ci sarà il trasferimento del Museo negli spazi del Palazzo del Duca. E’ un trasferimento che, con Paolo Catalani ed i collaboratori volontari,  stiamo preparando da tempo e le raccolte sono già state predisposte allo scopo.

Poi per la fotografia il 2015 è l’anno del novantesimo anniversario della nascita di Mario Giacomelli, che ricorderemo con una vasta mostra storico-didattica al Palazzo del Duca intitolata “Mario Giacomelli e il Gruppo Misa” e con iniziative al Festival di Ioannina, su richiesta ufficiale degli organizzatori di quella manifestazione greca, dove presenteremo tra l’altro,  il film di Lorenzo Cicconi Massi  dedicato a Mario Giacomelli.

Si tratta di un film documentario, che ha avuto un grande successo. E’ stato  edito da Contrasto, e l’editore,  proprio per il successo ottenuto dal film di Cicconi Massi  ne ha ora curato l’edizione in lingua inglese.  Poi nel 2015 in collaborazione con Alejandra Matiz, presidente della Fondazione Matiz, il Musinf presenterà questo film su Giacomelli anche a Parigi e a Città del Messico.

Con la collaborazione della Fondazione Senigallia saranno rinforzate le iniziative didattiche, a partire dal corso di fotogiornalismo, coordinato da Giorgio Pegoli, che ha avuto tanto successo negli anni scorsi. Un corso da cui sono già emerse giovani personalità ed iniziative di rilievo. Nel 2015 saranno poi rinforzate  le iniziative didattiche relative alla produzione di documentari video, settore nel quale sono in lavorazione i video, con la regia di Anna Mencaroni,  sulla poesia di Paolo Volponi e quello sull’esperienza del viaggio a Scanno dei fotografi senigalliesi, accompagnati da Renzo Tortelli e Giorgio Pegoli sulle tracce di Mario Giacomelli.

Infine il Musinf si sta fortemente impegnando perché, con la collaborazione della Regione Marche, prendano l’avvio le riprese di un film documentario di Lorenzo Cicconi Massi su Giuseppe Cavalli, fondatore del Gruppo Misa e teorico della concezione della fotografia come arte autonoma. Progetto che dovrebbe prevedere sin dall’inizio le edizioni con le sottoscritte in francese, inglese e tedesco. In gennaio verrà presentato, dopo un silenzioso, solitario, lunghissimo ed accurato lavoro di catalogazione, guidato da Chiara Diamantini, il catalogo della raccolta, conservata dal Musinf, relativa alla poesia visiva e al libro d’artista. Si tratta della prima e più vasta raccolta di settore in Italia, nata direttamente dalle donazioni e dall’iniziativa di Mirella Bentivoglio ed Eugenio Miccini, caposcuola della poesia e del libro d’artista.

“Direi” ha commentato con soddisfazione il prof. Bugatti “che neppure il Mart di Rovereto ha una collezione di settore vasta come quella del Musinf ed è ora che ne prenda coscienza anche la Regione Marche”.

Concludendo l’identificazione delle iniziative 2015  il prof. Bugatti ha detto di essersi sentito incoraggiato dal sostegno che la società civile, con i vari sponsor, ha dato all’organizzazione della mostra di Leo Matiz, alla Rocca Roveresca. Mostra, che, forse per la personalità dell’autore e per l’eccezionale  richiamo delle storiche fotografie dedicate da Matiz a Frida Khalo e Diego Rivera, ha attirato a Senigallia  un numero record di visitatori per una mostra fotografica, ottenendo anche l’apprezzamento di personalità come Maria Mulas e Lorenza Bravetta, direttrice europea di Magnum.

“Cogliere la meraviglia del pubblico e vedere Maria Mulas che fotografa la mostra da noi allestita” ha concluso il prof. Bugatti ”è, credo, il massimo riconoscimento che un direttore di un museo possa aspettarsi”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!