SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

CariVerona si muove per gli alluvionati, 500.000 euro al Comune di Senigallia

Mangialardi: "grande gesto, speriamo seguito da altri analoghi"

1.831 Letture
commenti
Hotel Corallo Senigallia
Giampaolo Giampaoli

CariVerona – fondazione legata all’istituto bancario UniCredit – stanzia 500.000 euro per sostenere i cittadini alluvionati di Senigallia.

L’accordo col Comune di Senigallia, che inserirà la cifra nel fondo di sostegno che si sta creando dopo il disastro del 3 maggio scorso grazie ai contributi giunti da più parti, è stato ufficializzato venerdì 30 maggio.

Si tratta di una donazione vera e propria e non di una semplice agevolazione – precisa il consigliere di CariVerona Maurizio Buscarato – decisa grazie alla sensibilità mostrata in primo luogo da Giampaolo Giampaoli (foto, consigliere di UniCredit e noto imprenditore anconetano), da sempre legato a Senigallia (fu anche giocatore della Vigor negli anni sessanta). Lo stesso presidente nazionale di CariVerona, Paolo Biasi, è venuto in città, percependo la gravità della situazione. Da qui la decisione“.

Non possiamo aspettare i fondi statali con le mani in mano – spiega il sindaco Maurizio Mangialardi -. Ringraziamo la Fondazione – con cui già nel passato ci sono state proficue collaborazioni ad esempio nel realizzare lavori in alcune scuole cittadine – per questo contributo sostanzioso ed immediato, che andrà a sostenere le tante famiglie che hanno perso tutto, con modalità che a breve ufficializzeremo. Speriamo che altri enti possano accodarsi con iniziative analoghe“.

Ulteriori fondi potrebbero giungere a breve pure direttamente da UniCredit, che intanto ha deciso di rifornire l’Ipsia – gravemente danneggiata dall’alluvione del 3 maggio – di 25 computer e altrettante stampanti.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!