SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Il Vescovo Orlandoni: “La Chiesa di Senigallia, vicina e solidale”

La Cei stanzia un milione di euro per i danni dell'alluvione a Senigallia

Hotel Turistica - Hotel a Senigallia
Monsignor Giuseppe Orlandoni - Vescovo di Senigallia

“Quest’anno celebriamo la festa del patrono in una situazione di emergenza dovuta all’alluvione che ha colpito la nostra città e altre località dell’entroterra”. Lo ha sottolineato, domenica 4 maggio, monsignor Giuseppe Orlandoni, vescovo di Senigallia, nella Messa per la festa di San Paolino.

“È in una calamità come l’attuale – ha osservato il presule – che noi sperimentiamo il senso del limite. A volte ci sembra di essere così potenti da poter risolvere con le nostre sole forze tutti i problemi”. Peraltro, “anche se la scienza e la tecnica fossero in grado di risolvere tutti i problemi esse non sono sufficienti a spiegarci il senso della vita, del dolore, della sofferenza e della morte”. Ecco “perché abbiamo bisogno di un patrono, di un punto di riferimento, di qualcuno a cui possiamo rivolgerci con fiducia anche per andare oltre quelle che sono le necessità immediate”.

“San Paolino – ha sottolineato monsignor Orlandoni – ci insegna l’importanza della fede e l’importanza dell’amore verso il prossimo da vivere attraverso una carità concreta e fattiva. Di fronte alle difficoltà e alle disgrazie del suo tempo san Paolino non rimase con le mani in mano, ma si diede da fare”. Nella circostanza della calamità naturale che si è abbattuta in città e nel circondario, “vorremmo tutti sentirci vicini e solidali verso coloro che hanno subito gravi danni dall’alluvione – ha affermato il vescovo –: vicini e solidali verso le due famiglie che hanno perso i loro cari, vicini e solidali verso coloro che hanno dovuto lasciare la loro casa e cercare riparo in altro alloggio o che comunque hanno perso i loro beni sotto l’acqua”.

Poi ha ricordato: “La nostra Caritas diocesana e le Caritas parrocchiali si sono da subito prodigate per assistere gli sfollati; il nostro Seminario si è aperto per dare ospitalità e accoglienza ai senza tetto e ai volontari”. Sempre, ma particolarmente di fronte a una calamità, ha concluso, “tutti dovremmo sentirci vicini e solidali; tutti, cittadini e istituzioni, dovremmo cercare di dare il nostro contributo per il bene comune. È in questo che si riconosce la civiltà di una comunità: quando si mettono da parte i conflitti e le ideologie e si riesce a dare il meglio di noi stessi e vogliamo essere una comunità coesa e solidale”.

Un milione di euro dai fondi derivanti dall’otto per mille. È quanto disposto dalla presidenza della Conferenza episcopale italiana “come prima risposta solidale” all’alluvione che ha colpito le Marche. “La zona maggiormente colpita – si legge in una nota diffusa dall’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali della Cei – coincide con la diocesi di Senigallia, dove alle due vittime si aggiungono oltre 300 sfollati; ingenti i danni alle attività produttive con fabbriche, laboratori e campi allagati. La Caritas, su indicazione del vescovo, monsignor Giuseppe Orlandoni, e d’intesa con le autorità locali, ha attivato in città due punti di pronta accoglienza e preparazione pasti: a nord presso il Seminario vescovile, a sud nella Casa San Benedetto. Caritas Italiana, in costante collegamento con la Chiesa locale, si è prontamente messa a disposizione per un pieno supporto e ha destinato un primo contributo per gli interventi immediati in favore della popolazione colpita”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!