SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Albergo Bice - Hotel Senigallia

Marche, disoccupazione sopra il 12%. Crescono ancora le richieste di indennità

Il primo trimestre 2014 fa già registrare un +62% di domande per l'aspi

1.851 Letture
commenti
disoccupazione, occupazione, ricerca lavoro, giovani, annunci lavoro

Se per il lavoro il 2013 è stato un anno drammatico, con una disoccupazione che nelle Marche ha raggiunto il 12,4%, il 2014 è iniziato nel peggiore dei modi.

Nel primo trimestre dell’anno, alle ore di cassa integrazione richieste, prepotentemente salite a 13,9 milioni, equivalenti al mancato lavoro di 28.000 persone a tempo pieno, si sommano i numeri ancora più drammatici di coloro che un lavoro lo hanno già perso.

Da gennaio a marzo 2014 sono già pervenute all’INPS 26.200 richieste di indennità di ASPI (assicurazione sociale per l’impiego che ha sostituito l’indennità di disoccupazione), disoccupazione e mobilità. Si tratta in particolare di 19.500 domande di ASPI e domande residue di indennità di disoccupazione ordinaria, ben 7.400 in più rispetto all’anno scorso (+62,0%). L’incremento ha interessato l’intero territorio marchigiano ed è stato particolarmente significativo nelle zone di Ancona, Fermo, Tolentino, Urbino e Jesi.

A queste si aggiungono oltre 4.900 domande di Mini ASPI (900 nel 2013, ma il dato non è raffrontabile tra le due annualità), la misura che ha parzialmente sostituito l’indennità di disoccupazione a requisiti ridotti.

Ai numeri di coloro che perdono il lavoro a causa di licenziamenti individuali o per la scadenza del termine del contratto, si aggiungono quelli di coloro che sono stati licenziati a seguito di licenziamenti collettivi secondo la Legge 223/91: hanno richiesto l’indennità di mobilità oltre 1.800 lavoratori e lavoratrici, in calo rispetto al 2013 ma comunque superiori al 2012.

Questi numeri descrivono un sistema produttivo in forte difficoltà e massacrato dagli effetti della crisi; numeri che ci parlano della condizione ormai insostenibile per migliaia di lavoratori e lavoratici – dichiara Daniela Barbaresi della Segreteria della CGIL Marche –. Numeri destinati a peggiorare ulteriormente se il Governo non provvede tempestivamente a rifinanziare gli ammortizzatori in deroga; infatti, il mancato o tardivo finanziamento della cassa integrazione in deroga potrebbe determinare un ulteriore aggravamento della disoccupazione che nella nostra regione ha raggiunto livelli record”.

da Cgil Marche

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!