Logo farmacieFarmacie di turno


Avitabile Dr. Andrea
Errore durante il parse dei dati!
SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Difesa costiera: 200 sacchi in geo-tessuto per trattenere la sabbia – FOTO

Sperimentazione a Senigallia con l'Univpm: lavori già partiti per posizionare "scogli" naturali sull'arenile

4.184 Letture
commenti
GDA Moda - Natale 2013 - Aperto anche domenica 8-15-22 dicembre
Difesa costiera: sacchi in geo tessuto per trattenere la sabbia

Innovare, sperimentare, difendere. Sono questi gli obiettivi dell’Amministrazione comunale di Senigallia che sta cercando nuove modalità per tutelare la costa e la spiaggia di velluto dalle mareggiate e dall’erosione costiera.
E nel farlo ecco che subentrano nuovi soggetti come l’Università Politecnica delle Marche e l’azienda Tessilbrenta di Pove del Grappa, la quale ha elaborato un sistema di contenimento della sabbia in sacchi riciclabili di tessuto ad alta resistenza, geo-contenitori denominati StopWave®, dal peso (una volta riempiti) di circa una tonnellata ciascuno.

Due i punti della spiaggia senigalliese interessati dalla sperimentazione che durerà fino alla prossima primavera 2014: la zona del molo di levante, dietro il ristorante del noto chef Uliassi, con un “pennello” di un centinaio di sacchi per una lunghezza di 46 metri e la zona della spiaggia del Ciarnin davanti a un’altra attività ristorativa, il Tucano, dove verranno posizionati altri settanta sacchi per creare una sorta di barriera (vd. ultima foto).

Difesa costiera: sacchi in geo tessuto per trattenere la sabbia: presentazione del progettoScopo della sperimentazione è quello di testare la funzionalità dei sacchi in geo-tessuto che, date le caratteristiche di resistenza e permeabilità, riescono a garantire il filtraggio dell’acqua senza disperdere la sabbia che andrebbe poi solo riposizionata sul posto senza essere prelevata la prossima primavera da altre zone. Inoltre i sacchi riuscirebbero – secondo lo studio del dipartimento “DICEA” dell’Univpm condotto grazie all’iniziativa della ditta produttrice dei sacchi, la Tessilbrenta – a interrompere, se posizionati in maniera intelligente, le mareggiate che da portano via la sabbia durante l’inverno.

Una tutela della costa dal fenomeno dell’erosione che va avanti da anni e che vede i comuni dell’Adriatico alle prese con onerose operazioni di ripascimento dell’arenile (o spostamento della sabbia) da ripetersi ogni anno. In questo modo si dovrebbe impedire che la sabbia venga portata via dalle correnti e, allo stesso tempo, garantire la facilità di livellamento della spiaggia semplicemente rifornendosi dai sacchi presenti sul luogo stesso.
Dunque una sostituzione delle scogliere – perlomeno – nelle loro funzioni, senza che si intervenga in maniera economicamente svantaggiosa, ma anzi, con 200 sacchi riciclabili ad alta resistenza, che dovranno evitare l’impoverimento dell’arenile senigalliese.

I lavori sono già partiti come si vede dalle foto: per il tratto a ridosso del molo di levante termineranno lunedì 23 dicembre, mentre per il secondo tratto si dovrà attendere la conclusione delle festività natalizie e dell’Epifania 2014.

Difesa costiera: sacchi in geo tessuto per trattenere la sabbiaDifesa costiera: sacchi in geo tessuto per trattenere la sabbiaDifesa costiera: il tratto di spiaggia al Ciarnin di Senigallia

Commenti
Ci sono 5 commenti
Giuliani Guido 2013-12-19 08:09:26
E' da vedere se veramente questo intervento impedirà la ri mozione della sabbia nel lato monte dei sacchi, sicuramente verso il lato mare le mareggiate creeranno per tutto il fronte dei sacchi una buca (fenomeno naturale, vedi le scogliere) la cui sabbia asportata sarà maggiore di quella che si vorrebbe tutelare a "monte". Tenete presente inoltre che la risacca porta via pochissima sabbia, la causa principale è il vento, e su quello non c'è sacco che tenga.
Franco 2013-12-19 08:12:39
Spero vivamente che la sperimentazione riesca....... non come è accaduto a Marina di Montemarciano, dove alla prima mareggiata furono distrutti, ed ancora, ad una decina di anni si trovano pezzi ad ogni mareggiata.....
Michele 2013-12-19 20:19:24
Ridicolo, sono anni che vengono asportati camion di sabbia, ora vi lamentate dell'erosione? Manca almeno un metro di sabbia, tanto che la calda sabbia soffice che caratterizzava Senigallia si vede solo negli stabilimenti a pagamento, il resto fa schifo, dura, piena di conchilie rotte e sporcizia di ongni tipo, l'Amministrazione ha deturpato e venduto il simbolo di questa citta' altro che i sacchi!!
bruno blek 2013-12-21 00:46:32
per me facciamo ridere visto la fine di questi sacchi ha fatto a marina ma anche a portonovo!!!
Arturo 2014-02-13 15:20:50
Come stanno andando i sacchi posati dall'amministrazione?
Ho visto solo la posa.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!