SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Il nuovo regolamento di polizia urbana di Senigallia vieta di esporre la biancheria

Ecco alcune norme approvate dal Consiglio Comunale

Fondiaria Sai Senigallia
Panni stesi su un terrazzo

Il Consiglio Comunale svoltosi mercoledì 12 giugno ha approvato con 17 voti favorevoli e 1 contrario (assenti invece al momento della votazione i consiglieri del PPE-PDL) il nuovo regolamento di polizia urbana valido nel territorio.


Previste multe dai 50 ai 500 euro per i trasgressori ad alcune norme tra le quali il divieto di esporre ad asciugare la biancheria in tutto il territorio comunale (e non più soltanto nel centro storico), di posizionare volantini nei muretti, nelle auto e nelle panchine, di gettare sigarette a terra, di utilizzare in strada stereo e radio (No pure a grida, schiamazzi e canti), di chiedere l’elemosina se minore d’età o in maniera molesta, di contrattare con le prostitute; attenzione anche ai proprietari di cani che non utilizzano la busta per la raccolta degli escrementi dell’animale.

I titolari di attività del centro e del lungomare dovranno inoltre occuparsi della pulizia dei marciapiedi per un minimo di 5 metri dal proprio esercizio.

Il regolamento sarà operativo entro 2-3 settimane.

In Consiglio Comunale, è anche stata approvata una mozione contro il gioco d’azzardo, un impegno che però non può avere efficacia a livello legale, stante le regole in vigore a livello nazionale.

Commenti
Ci sono 24 commenti
Cornelio 2013-06-14 11:02:55
Scusate... dove devono essere messi ad asciugare i panni se non all'aperto?
molliconi danilo 2013-06-14 11:30:59
forse il comune ci regalerà una asciugatrice e un bonus in denaro per i consumi di tale elettrodomestico.
senigalliese purosangue 2013-06-14 11:35:54
....i panni sporchi si lavano in casa!
E intanto la (cosidetta) complanare se ne và a "donnine allegre".....
Mi sembra che a ultimamente anche a Senigallia si faccia di tutto per intorbidire le acque e non far trapelare le VERE URGENZE di questa città.
Quanti cittadini sanno delle vicende del blocco dei lavori?
La Piaga di Velluto 2013-06-14 11:41:28
quella dei panni stesi è una delle grandi questioni dell'umanità urbanizzata, quella che ci ha lasciato una definitiva piaga sociale, l'Amministratore del condominio
Michele 2013-06-14 11:52:12
Se fanno rispettare anche solo 1 delle cose riportate sopra mi faccio frate....
paolette latouche 2013-06-14 11:54:56
A mio parere in questo regolamento di polizia urbana sicuramente ci sono delle cose interessanti, altre non possono essere delle priorità (come ad esempio la biancheria stesa),importanti sono le buche da coprire, il traffico sempre più pesante al centro citta', i rumori nolesti,i questuanti maggiorenni e minorenni,gli escrementi non raccolti dei cani, le cicche...Lasciamo asciugare i panni al sole.....
Verità! 2013-06-14 12:11:56
Anche io sarei più interessata a conoscere la verità sulla COMPLANARE!!!!
Per quanto riguarda i panni: finalmente è caldo, si asciugano anche in casa!
marianna 2013-06-14 15:09:04
si potranno mettere le coperte all'aria prima di rifare il letto???e quelli che vendono droga fuori delle scuole invece dove li stendiamo???
Donatella 2013-06-14 17:01:14
Molte delle norme approvate sono più che giuste... ma per favore quella della biancheria è un'oscenità! Probabilmente, molti di coloro che hanno approvato questa normativa, hanno un bel giardino... ma chi ha soltanto un piccolo terrazzino o addirittura neanche quello, mi chiedo, dove debba stendere i panni...
Letizia 2013-06-14 18:57:31
Questa dei panni è una delle cose più stupide che abbia mai sentito... in vita mia non mi sono mai sentita disturbata dalla presenza dei panni stesi. Il modo migliore per complicare la vita, già complicata, dei cittadini con leggi stupide, inutili e senza senso. Invece che creare problemi alla gente, pensassero a risolvere quelli esistenti che sono ben più gravi di un paio di mutande al sole.
NIKOL 2013-06-14 20:37:55
Quella dei panni stesi fuori,seppur assurda,non è una novità,in molte città è vietato. X le cacche dei cani,cicche ecc,l'assurdo è che serve una legge che punisca questi comportamenti quando basterebbe in senso civico. Ma visto che questo è scomparso dalle menti di alcuni,ben vengano le multe almeno facciamo cassa.
AnnaMaria 2013-06-14 23:27:24
Scusate ma...si puo' respirare a Senigallia?
Alice 2013-06-14 23:45:54
Ma per favore!!!! Siamo seri...i parcheggiatori abusivi, la droga, i tanti troppi fioli alcolizzati, i locali che sparano musica fino alle 3 di notte senza che nessuno possa intervenire...LA COMPLANARE, i tagli a merende negli asili e pannoloni nelle case di riposo per anziani.....e ce ne sarebbe tanto da aggiungere ma mi fermo qui. E questi personaggi vengono ad impormi di non fare prendere aria pulita ai panni???? Ma vergognatevi!
Marina 2013-06-15 00:38:34
leggo questa notizia e rimango a bocca aperta !!
E' vietato ascoltare radio è stereo in strada ?
Ho capito bene ??
ahh ahh , mi vien da ridere !!
Però se la musica la fa un locale fino a tarda notte, quella non da fastidio a nessuno!! Solo a quelle centinaia di persone che ci vivono vicino !!
Abito sul lungomare Mameli , a 200 metri da un locale che ha quasi sempre la musica ad alto volume , in questo momento c'è musica alta, urla e schiamazzi, voglio proprio vedere chi viene a fare le multe !!
E da domani, se non avete spazio in casa per asciugare i panni, andate tutti a stenderli a Piazza Roma !!
Marcello marcelletti 2013-06-15 07:20:29
andrem a stend..giul fiume, vicino all'A.V.I.S. com' na volta!!!!GLI UOMINI SONO DI PASSAGGIO, NULLA RESTA UGUALE PER SEMPRE; ANCHE IL MIO VOTO!!!!!!
MEDITATE GENTE!
tiziana 2013-06-15 09:28:12
quella sui panni stesi la vedo una forzatura, posso comprendere ma non condividere sulle strade principali del centro o in facciata , anche perché i panni asciugati all'aria hanno un migliore profumo e mettere in difficoltà la popolazione in un momento di crisi lo considero un atto da dittatura e non utile per un paese civile. Per fare cassa i comuni non sanno più cosa inventarsi!
alberto 2013-06-15 11:40:39
Ci vuol una bella fantasia ad approvare certe regole senza predisporre alternative! Chi ha avuto il potere di approvare l'interdizione dell'EMAIL per il Sindaco e l'assessore Ceresoni da parte del comitato spontaneo PEEP MISA che richiede da anni l'applicazione ,invano, del D.PO.R.7554 e lic.94/130.Vi rammentiamo che sono siti istituzionali e non al servizio e capriccio di alcuni soggetti!!
anonimo senigalliese 2013-06-15 12:20:08
Ma si . . . togliamo via tutto: parabole, pannelli solari e fotovoltaici, e "piantiamo" tutto in giardino (per chi ce l'ha), gli altri si arrangino! . . . giusto cara giunta comunale?
lorena 2013-06-15 14:21:26
...ci vuole un regolamento e va rispettato senno ognuno è libero di fare come li pare....la bellezza di una città si vede anche dalle piccole cose che i cittadini anche nelle loro case fanno!!!....il decoro urbano dice anche nella mia città che nella facciata che da l ingresso dell abitazione è vietato stendere i panni!! ..pensate a quelli che non hanno un terrazzo e non possono stenderli...ma si sono arrangiati con un asciugatrice!!
Marco 2013-06-15 17:10:38
Senigallia è una città d'Arte oltre che Città turistica. Un Centro storico di grande valore. Abbiamo la fortuna di vivere in una Città così bella, con un bel mare e una spiaggia non comune. Forse non ce rendiamo conto neppure noi. I monumenti e le bellezze di Senigallia ci consentono, anche in questa maledetta crisi, di poter attrarre ospiti da città limitrofe e lontane, per una economia, la nostra che non è altro che prevalentemente commerciale e turistica. Da qui scaturiscono posti di lavoro e futuro per la maggior parte dei nostri figli ma sta a noi mantenere e valorizzare queste bellezze....forse qualche sacrificio può valer la pena....
P.S.: Ho visitato più volte Firenze e Siena e penso che nessuno si permetterebbe mai di stendere i panni in Centri di tale valore...
Alberto 2013-06-15 18:22:11
Caro Marco ma Firenze e Siena non hanno un Sindaco e un'Amministrazione Comunale come Senigallia!!!!!!
nicola 2013-06-15 19:46:21
io non lo so bo!!!!non vedo che male stendere i panni fuori all'aperto?per mi chi approva le leggi non capisce proprio un c.....o!ce altro da controllare in giro per la citta ma chiudono tutti gli occhi
Stefano. 2013-06-18 14:41:00
Prima di parlare di panni stesi io rivedrei l'educazione di tutti noi come trattiamo la città, le cicche di sigarette in terra si sprecano, la pavimentazione dei portici dopo appena un mese era già impataccata di cicche da masticare (per non parlare degli escrementi di cani), i locali notturni (special modo sul lungomare), lasciano ogni tipo di rifiuto aspettando che vengano il mattino seguente gli addetti, ho visto con i miei occhi un noto locale di fianco al City spazzare per terra i bicchieri e altro materiale di pomeriggio alle 17! Che sia chiaro non la raccolta ...ma la spinta fino davanti al kebab!!!! Si vedono rifiuti di ogni tipo in spiaggia, ho raccolto due pile da 9 volts di un testa di “pila” che cerca metalli in spiaggia (avrei voluto avere una fionda per tiragliele in testa a sto ciamb8), quando passeggio in spiaggia sono l'unico che allontana dalla battigia rifiuti di plastica, una volta ho raccolto dentro l'acqua una bottiglia di birra rotta al ponte rosso. Sono ritornato da una gita a Spello per vedere i vicoli fioriti (andateci perché ne vale la pena) sfido chiunque a trovare una cicca di sigaretta in terra, una bottiglia abbandonata, un bicchiere di carta abbandonato, uno scontrino usato o panni stesi. Non credete che in quel paesino ci siano cestini ogni 100 metri! Anzi credo che ne abbiamo più noi! L'immondizia te la porti in giro che prima o poi ti capita un cestino a tiro. Allora prima di varare regolamenti che nessuno poi controllerà facciamoci tutti noi un'esame di coscienza e cerchiamo di rispettare chi con tanta fatica e soldi cerca di tenere pulita la nostra città... LA NOSTRA CITTA'.
Comunque per quanto riguarda il regolamento sono favorevole, aggiungerei la pulizia di strade e marciapiedi anche ai privati cittadini e che ognuno tenga pulito il suo tratto e liberi le catatoie, da piccolo vedevo spesso che le persone pulivano la strada adiacente alla loro casa, ora siamo diventati tutti signori
Roberto 2013-06-21 17:03:11
Vietato vietare. Sempre più facile vietare che innovare o educare o sviluppare l'educazione civica.
Se un "testa di minch..." non rispetta il semaforo e si "stampa" con la sua auto o bici, il giorno dopo vengono aboliti i semafori.
Cittadini che "in orari di punta" continuano a scorrazzare per il corso cittadino e spesso hanno la pretesa di avere ragione contestando all'ignaro e imprudente pedone il rispetto della precedenza ...
Sigarette per terra quando in città come Bolzano ogni cestino dispone del proprio posa-cenere.
Strisce pedonali ignorate con veemenza in fondo al corso cittadino quando basterebbero dei dissuasori di velocità.
Panni stesi vietati per incentivare il commercio dei panni nuovi !? Vietato chiedere informazioni alle signore del piacere
quando con altri canali le stesse vengono cooptate in piacevoli intrattenimenti politici o aziendali.
Parcheggiatori abusivi che sfidano la pazienza del cittadino ancora capace di individuare un parcheggio senza torcia o segnaletica manuale.

Tanto altro… Ma io pago le tasse per sostenere questa Amministrazione e queste emanazioni di una politica da teatrino ?
Scusate lo sfogo, ma pretenderei non dico intelligenza ma maggior buon senso civico dalla Nostra.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura