Logo farmacieFarmacie di turno


Pasquini Dr.ssa Claudia
SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Extra omnes

Lettera aperta a Massimo Bello

Post su Facebook di Massimo Bello

Caro ex sindaco Massimo Bello,
Mi scusi ma, appena letta la Sua esternazione sul Web, non ho saputo trattenere le risate.

Poi ho provato a sostituire la parola “indiani” con “ebrei” o “musulmani di Bosnia” o “istriani” o “tibetani”. E sono tornato serio.

Le scrivo seriamente, quindi, per capire qualcosa in più circa il Suo avvertimento. Le chiedo:

– Dato che l’espulsione… pardon… l’allegra rimpatriata riguarderebbe tutti gli indiani presenti in Italia, compresi quelli legalmente residenti, come farebbe capire a un indiano in regola che non è più gradito? E se quello, furbo, facesse l’indiano?

– Insomma, se questi indiani le valigie non le preparassero, Lei li andrebbe a stanare casa per casa? Mi permetto di sconsigliarLe soluzioni drastiche tipo buttarli a mare, come da altre parti autorevolmente proposto, sennò addio Bandiera Blu.

– Come gestirebbe la logistica? Voglio sperare non caricando la gente sui treni merci. Non crede che, dopo tutto, sarebbe un gesto carino da parte Sua pagare il biglietto aereo a tutti i 120 mila indiani in Italia?

– Wikipedia definisce pulizia etnica la “varietà di azioni atte a rimuovere forzosamente da un territorio la popolazione di un dato gruppo o sottogruppo etnico-culturale, [per] precise scelte politiche di governi e autorità, sulla base di discriminazioni etniche, religiose e ideologiche e su considerazioni di ordine politico e strategico”. Ci spiega la differenza rispetto a ciò che sottende il Suo avvertimento?

In attesa di una sua risposta chiarificatrice.

Distinti saluti.

Commenti
Ci sono 27 commenti
Tristo Secondo 2013-03-30 05:15:49
forse basterà proibire di mandare i soldi a casa
Dean Hajredini 2013-03-30 09:59:19
Ecco cosa scriveva alcuni giorni fa commentando un mio post su facebook l'ex Sindaco di Ostra Vetere Massimo Bello.

"@dean: sei tu una causa persa...rispetta chi è italiano"
"@alessandro: pensa a me cosa interessa parlare di un gruppo di comunisti come te e compagni che disprezzate l'Italia...!"
"@Alessandro: Sei tu una perdita di tempo...è cerca di avere un po' di rispetto perché con quella supponenza che dimostri non dimostri intelligenza!"
"@dean: comunista in Albania, comunista in Italia!"
"@dean: l'educazione forse non sai neanche cos sia!!"
"@dean: il comunismo albanese, uno dei più feroci, vi ha azzerato..."
"@dean: le favolate le stai dicendo tu e se vuoi rispetto per l'Albania, bisogna averlo anche per l'Italia!"
"@dean & Company: siete patetici!"
"@romano: sei divertente! Veramente divertente!...tu assomigli proprio a qualcosa che galleggia e che emana un cattivo odore! Veramente divertente!"
"@romano: malata è la tua testa...purtroppo senza cervello!"
"@viviana: il tuo isterico intervento sembra quello di una persona che dentro ha una rabbia incontrollabile!"
"@viviana: giudichi senza conoscere...comincia a trattare le persone tu con un po' di educazione, ma dalla sinistra non ci si può aspettare rispetto ed educazione!"
"@romano: per te non c'è speranza! Mi dispiace! Il pregiudizio di invade il cervello!"
"@romano: tutta invidia! Io invece sto assistendo al NULLA che ogni tanto scrive qualcosa!"
"@jessica: ti giustifico perché forse non comprendi appieno neanche ciò che stai scrivendo! La rovina del Paese è gente come te e come quelli che ti hanno preceduto con i loro commenti!...che pur di manifestarsi perbenisti, moralisti e depositari della verità sarebbero pronti a calpestare qualsiasi valore come quello di Nazione, Patria, Bandiera, etc...accusando altri (come il sottoscritto) di essere contro l'Italia, un maleducato e la rovina del Paese! Cara Jessica, siamo di fronte al delirio!"
"Cominciate voi che non avete rispetto per nessuno a cominciare per questo nostro Paese! Siete solo dei ridicoli e. Anche un po' nervosi!!"
"@romano: mezzo uomo che non sei altro! Abbi il coraggio di incontrarti di persona! È smettila di fare l'uomo senza cervello!"
"@romano: imparala tu che sei un ebete senza cervello...vali meno della merda! Ti ripeto, se in quella testa vuota hai qualche grammo di cervello, che quando uno scrive velocemente può capitare di digitare in modo errato la testiera! Ebete!!"
"@romano: mi fai pena!"
+ io 2013-03-30 10:58:33
e se l'india poi facesse la stessa cosa con gli italiani li presenti dai semplici turisti a chi ci lavora da anni come la mettiamo!!
NON fare agli altri quello che non vuoi che sia fatto a te!!
Andrea Cesanelli
Andrea Cesanelli 2013-03-30 12:13:51
Bello è più bello che intelligente (giusto per usare una sintassi che comprendono coloro)
Andrea Cesanelli
Andrea Cesanelli 2013-03-30 12:24:33
Non entro nel merito della polemica esposta che mi sembra sia stata ben dibattuta dal mio omonimo Scaloni, ripropongo però un pensiero che ho esposto sempre in quel flame o dibattito che dir si voglia avvenuto su facebook.
La questione è il rispetto della patria e il patriottismo che aleggia nella polemica e di cui il sottoscritto si è sentito additato come carente; già il buon conservatore Montanelli scrisse in un articolo dei lontanissimi e ottusi anni ‘50 che non fa del bene alla Patria chi la scusa di tutte le sue colpe ma chi con obiettività e puntualità ne riprende mancanze e difetti come si fa o si dovrebbe fare con un buon amico o con persone cui si vuole -veramente- bene. Quindi a sentir lui, patriota è chi critica la patria non meno di chi corre al confine in caso di invasione nemica.
A ciò aggiungo questa nota personale, la mia patria è dove è la cultura italiana, la mia nazione, il mio gruppo etnico-linguistico sono le grandi menti di questo paese e i frutti che hanno regalato all’Italia e al mondo in genere; la mia patria sono i Galileo, i Da Vinci, i Montanelli, i Fermi, i Rossini, i Pertini e 1000 altri (l’elenco non sia visto come riduttivo ai nomi citati, serve solo dare i requisiti dell’insieme cui va la mia stima e ammirazione); ma la mia patria è anche un Chandrasekhar o un Ramanujan ( e quell'indiano che inventò lo zero e lo passò agli arabi con tutte le cifre che usiamo nella nostra matematica monderna), ma ancora la mia patria sono anche un Avicenna o Averroè e via discorrendo...
Invece non può essere la mia patria chi ottusamente crede nella differenza tra nazioni basata su pregiudizi senza dati ma con molta ignoranza come base, in chi crede nella giustizia della violenza non controllata, nel soffocamento della ricerca e delle scienze, nella creazione e mantenimento di sperequazioni sociali fini a se stesse, nella retorica di comodo che fa l’occhiolino alla pancia del popolo senza nessun rispetto per la Verità.
Questa non può essere la mia patria e se lo fosse io rinuncerei alla cittadinza come fece un grande fisico del secolo scorso. Fondamentalmente questo gruppo etnico (ma che in realtà è transnazionale) non lo capisco, a volte sono tentato a vederlo come i nemici quando mi accorgo che possono fare molto male a quello che io credo essere il progresso e una società migliore, e spesso lo fanno, l'Italia è un ottimo esempio; ma il più del tempo quello che provo per essi è per lo più commiserazione o indifferenza. Ma più la seconda che la prima.
Roberto 2013-03-30 13:32:10
Massimo bello io sono d'accordo con te....tutti a casa..
alternativa.mente 2013-03-30 14:50:19
pensa te ...questo c'è chi l'ha voluto sindaco per nove anni e si dispera se finalmente ce lo siamo levato dalle ...
simona 2013-03-30 17:33:52
@+io magari l india rimandasse gli italiani a casa. soprattutto i 2 marò!!! Pensate se invece di 2 marò italiani, ci fossero stati 2 marines usa.....
Rachele 2013-03-30 18:28:53
In effetti i due Marò li rivorrei a casa anch'io e il peggio è che sono tornati là con alle spalle un Paese che chiaramente non sa come gestire la questione.
Ma è certo che Bello non mipiaceva prima di essere Sindaco ed ora che lo hanno silurato non sa più quello che dice...
Luca 2013-03-30 19:30:28
senza entrare nel merito della questione...
ma era proprio necessario scrivere un articolo ?? non poteva rispondere sul social network , con un e-mail, o di persona?? mi sembra fatto per farsi un po di pubblicità
mah...
mario rossi 2013-03-30 19:46:40
Stai tranquillo Andrea, si tratta solo di uno dei tanti scherzi da prete che ci fanno i nostri politici. Del resto dovevi anche sapere che Massimo Bello non si contiene quando accade qualche cosa ai nostri militari italiani VOLONTARI (e strapagati!). Non ti ricordi piazza "caduti di Nassirya" e piazza Fabrizio Quattrocchi a Ostra Vetere?
Claudio 2013-03-30 21:04:36
Amici di Senigallia e dintorni, capite adesso con che razza umana avevamo a che fare ad Ostra Vetere ????
E pensare che ci sono voluti 9 anni per cacciarlo !!!!
Mi raccomando, tenetelo rinchiuso a Senigallia e non fatelo scappare' è un soggetto pericoloso, molto pericoloso, sopratutto dopo queste deliranti affermazioni !!
Buona Pasqua a tutti voi !!
Franco 2013-03-31 07:50:48
Cara Simona, sai quanti italiani sono attualmente in India???? Se li rimandano tutti in Italia li ospiti te????
Kanto 2013-03-31 08:11:33
Luca, Andrea Scaloni ancor prima che pubblicassero la sua lettera su questo giornale online aveva pubblicato la stessa sul suo personale blog (popinga) e non certo per farsi pubblicità ma, a mio avviso, per un corretto uso della libertà di espressione che mi auguro persista per molto tempo ancora.
Entrando nel merito della questione ed uscendoci rapidamente esprimo la mia comprensione per le sofferenze passate dai residenti del comune che per troppo tempo hanno sopportato tanta pochezza del loro ormai ex primo cittadino.
Al Debaran 2013-03-31 12:23:16
...cioè non è che a Ostra Vetere li hanno costretti ad avere Bello...lo hanno VOTATO loro!! e per ben 2 mandati!! Chi lo conosce sa quali sono le sue idee, che definirei un po' nostalgiche, e non mi stupisce quello che ha scritto. Certo mi ha indignato leggere i suoi commenti fuori luogo al dolcissimo post di Dean che gioiva del fatto di essere diventato FINALMENTE italiano... Dean, gli italiani non sono massimo bello&co, sono quelli come te!
roberto 2013-03-31 14:14:46
i marò si trovano ora in India per una maldestra legge degli amici di Bello che consente ai privati di giovarsi (a pagamento) dei servizi di militari di carriera, ma senza le garanzie che a questi sono riconosciuti da tutti gli ordinamenti internazionali (cermis docet!); ora Bello si fa "bello" con queste esternazioni davvero "semplici", quando tutti noi vorremmo i maò a casa nostra, non aver rovinato i rapporti con un importante partner (l'India) e non aver fatto la figura del Paese Pulcinella (non di Pulcinella!).
+ io 2013-03-31 17:47:11
@simona

sarei contento sei i maro fossero rimandati a casa

ma immagina se la india mettesse nelle sue galere tutti gli italiani per ritorsione!!
Claudio 2013-04-01 14:10:00
AL DEBARAN, io sono di Ostra Vetere, potrei sentirmi offeso dal tuo commento, ma io non l'ho mai votato, e quindi non posso che darti ragione ! Anzi, condivido e sottoscrivo la frase "gli italiani non sono Massimo Bello&co" !!! Pensiero azzeccatissimo !!!!
Massimo Bello
Massimo Bello 2013-04-01 14:45:03
Caro Scaloni,
la tua lettera mi sorprende, per un verso, ma, dall'altro, me l'aspettavo. Ho deciso, però, di non risponderti anche perché ciò che scrivi mi fa sorridere ancor più di quanto lo hai fatto tu! Come, tra l'altro, mi fanno sorridere la maggior parte dei commenti al tuo intervento!
Il vostro "delirio", con cui difendete d'ufficio ciò che non è, dimostra che siete bravi a cercar "nemici" anche ove non vi siano, ma vi accanite solo per il gusto di farlo oppure per farvi dire 'bravi' da qualche ben pensante.
Vedi Scaloni, solo uno come te - e chi politicamente la pensa come te, o chi e' mosso da altri motivi - avrebbe potuto partorire una lettera come questa.
Pertanto, dormì tranquillo e rilassati perché non c'è alcuna "pulizia etnica" se non nella tua testa e pensiero contorti; non vi è alcun pericolo di democrazia e nessun tentativo di rivolta contro nessuno! Solo tu, e qualche altro "tuo simile", forse, avete pensato una tale situazione. Evidentemente, caro Scaloni, non saresti nessuno se non scrivessi o se non parlassi di altri c'è fanno notizia...perché tu ed altri - non essendo nessuno - non fate notizia!
Saluti.
Massimo Bello
O. Manni
Paul Manoni 2013-04-01 16:15:55
Io nel tempo, con Massimo Bello ho condiviso battaglie ed obbiettivi che avevamo in comune (Es. manifestazioni contro il degrado e l'abbandono della Rotonda a mare, poi ristrutturata e riaperta), tanto quanto discussioni e divergenze profonde (Es. crocifisso nei luoghi pubblici). In tutti questi casi, il confronto era sicuramente aspro e critico, ma il rispetto reciproco per le proprie differenze di opinione ed idee, devo dire che c'è sempre stato. Stavolta Massimo Bello ha scritto un commento decisamente sopra le righe, e difficilmente difendibile da qualsiasi prospettiva lo si voglia leggere. Il contesto in cui è nato quel commento però, andrebbe stigmatizzato meglio: Massimo Bello, sin dai primi giorni della vicenda dei due Marò, si è speso oltremodo nel prendere le difese dei notri due militari, e nel volerli vedere al più presto a casa dalle loro mogli e dai loro figli. Quindi non fatico molto ad intuire che i fatti grotteschi ed al limite del ridicolo, che ci hanno riservato le cronache su quella specifica vicenda negli ultimi giorni, lo abbiano fatto sbottare oltre il limite del "correct". Si sa che Massimo è una persona piuttosto "schietta" e "passionale" su certi argomenti. Probabilmente è stata la frustazione e l'arrabbiatura che ha maturato sulla vicenda, che lo ha fatto commentare poi, più con "la pancia" che con "il cervello", ovvero con la ragione. Mi astengo invece dal commentare la vicenda dei Marò nello specifico. Primo perchè ci sono ancora troppi punti interrogativi in cerca di risposte. Secondo perchè l'India sembra aver trovato delle risposte, ancora prima di essersi posta delle domande giuste, e terzo perchè conosco personalmente sia Max che Totò, in quanto miei amici e commilitoni nei lontani anni 1997/2000. Posso quindi solo aggiungere che auspico per loro un veloce rientro in Italia, ed un processo "giusto" da parte di organi internazionali terzi e "super partes" rispetto ad India ed Italia. Chi eventualmente commette errori, non deve fare altro che assumersene eventualmente la responsabilità.
Gnagnolo
Andrea Scaloni 2013-04-01 19:45:04
La replica (si fa per dire) di Bello mi ricorda la frase del Marchese del Grillo: "Io so' io e voi nun siete un cazzo". Era una commedia, non a caso.
Comunque Bello ha ragione: io non sono nessuno. Lui invece è qualcuno: è un amministratore pubblico, e in quanto tale dovrebbe rispondere alle domande dei signori nessuno come me, detti anche cittadini.
Ma si sa: è più facile alzare cortine fumogene, che rispondere alle domande.
Riginels junior 2013-04-02 09:02:25
Felice di essere simile ad Andrea Scaloni
ER + 2013-04-02 12:02:53
Bello è l'ultimo esponente di una politica che va sparendo (per fortuna); la crisi imporrà di essere pragmatici e seri e meno sparanzosi con i nuovi patroni del mondo Cindia e Bricks
Massimo Bello
Massimo Bello 2013-04-02 14:40:06
Mentre trovo lodevole e vero il commento dell'amico Paul, con cui mi uniscono e mi dividono tante battaglie ed iniziative, quelli di "ER+", "Reginels junior" e dello stesso Scaloni (e di altri) li giudico aberranti, di parte, qualunquisti, insipidi e pregnanti dei soliti pregiudizi e offese gratuite. Vorrebbero farmi passare come uno degli orchi de Il Signore degli Anelli, come "il passato di una politica che sta finendo", senza accorgersi che:
1) non mi conoscono affatto e non abbiamo mai avuto modo di confrontarci, guardandoci negli occhi, ma soprattutto nessuno ci ha mai presentati;
2) sicuramente abbiamo fatto percorsi formativi e culturali diversi, anche politici, e pertanto ci troviamo ovviamente su strade diverse e ci collochiamo su posizioni diverse;
3) al contrario di quanto loro possano pensare, la mia età mi permette ancora di far parte di una generazione (quella dei quarantenni) che non è il passato, ma è vivacemente e coscientemente il presente e vuole essere anche il futuro;
4) nessuno mi ha mai regalato nulla e gli incarichi istituzionali ricoperti in questi anni l'ho conquistati con il consenso e la fiducia, mettendo nome, cognome e la mia faccia sui manifesti senza nascondermi dietro a pseudonimi o nickname;
5) mi sono assunto sempre le mie responsabilità, ho avuto ruoli di opposizione e di governo; ho sicuramente sbagliato, fatto scelte non condivise da tutti, ma ho realizzato progetti,portato avanti idee, amministrato un territorio;
6) credo in quello che faccio e caro "Riginels" non voglio assomigliare a nessuno se non a me stesso;
7) caro Scaloni, alle domande ho sempre risposto e rispondo...l'importante è che siano domande! Se è polemica, rispondo solo se mi va di far polemica con l'interlocutore perchè se ho altro da fare, preferisco togliere il "giocattolo" dalle mani di chi vuol sempre e comunque mistificare!;
8)poichè, caro Scaloni, tu ritieni che io desideri la "pulizia etnica" o sia qui ad istigare qualcuno a farla, non credo possa far nulla perchè tu cambi idea; d'altro canto, nessuno mi toglierà dalla testa che la tua presa di posizione, come quella di altri, non sia "obiettiva", ma solo "di parte" perchè mancandoti un "nemico" da colpire, fai di tutto per costruirtene uno!

Pertanto, Scaloni, le domande - se continui calunniare o diffamare, dicendo che io desidero la "pulizia etnica", te le faranno i miei avvocati! Buona pomeriggio! Se invece vuoi parlare seriamente e da persona civile, sarà ben disposto rispondere, quando e se avrò tempo da perdere. Intanto, fai una cosa da italiano: difendi i tuoi ed i nostri Marò!
Gnagnolo
Andrea Scaloni 2013-04-02 16:25:31
Sfido Bello a trovare una sola frase in cui io abbia scritto che "lui desidera la pulizia etnica". Rilegga bene l'ultima domanda, Bello, e non attribuisca agli altri cose che non hanno né scritto né pensato. Se uno avverte gli indiani che possono prenotarsi un posto per il ritorno a casa loro, potrà ben aspettarsi qualche domanda. O no?
giulietto 2013-04-02 22:18:40
"fai una cosa da italiano: difendi i tuoi e i nostri Marò"?? E perchè? E se non concordo? E se non voglio le missioni militari all'estero pagate fior di quattrini quando in patria non ci sono più soldi manco per comprare 1 seggiola per la scuola? La legge che prevede la scorta armata dei militari italiani sui mercantili pagati due volte (ministero e armatori), il che li fa diventare pure mercenari, l'ho forse voluta io e la maggior parte degli italiani? Cosa ci stanno a fare migliaia di diplomatici e sedi consolari stramantenute sparse in tutto il mondo se quando servono non funzionano? Mi spiace sicuramente per quello che rischiano DUE VITE UMANE, non due militari italiani o due soldatini di piombo. E mi dispiace perchè rischiano la pena di morte a causa delle cazz.te dello mio stato italiano che poi dovranno essere ricompensate economicamente con denaro pubblico. Ed è per ciò, che per quanto mi riguarda, da domani, chiuderei i rubinetti delle missioni all'estero e di oltre il 50% dell'attuale spesa militare nazionale.
O. Manni
Paul Manoni 2013-04-03 20:27:51
@giulietto, ho la sensazione che tu non ti renda conto di quanto costa al contribuente italiano, il sequestro di un mercantile, o di una petroliera, da parte dei pirati. Che tu non possa essere concorde con le missioni, i militari, e lo sperpero di soldi in tal senso, posso anche capirlo. Ma che i militari a bordo delle navi siano una spesa inopportuna, o che questi non agiscano e facciano anche gli interessi dei cittadini italiani...Beh, ti invito ad informarti meglio.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!