SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Internet a banda larghissima in arrivo nelle città italiane, ma con il contagocce

Saranno 30 i centri coinvolti nel 2013, si arriverà a 250 solo nel 2018... così si rischia di "perdere il treno"

Internet, connessione, ADSL, banda larga

E’ stata salutata con favore l’approvazione da parte dell’Agcom della delibera che fissa, scontandolo del 31%, il prezzo al quale Telecom dovrà tariffare agli altri operatori telefonici l’accesso alle centrali disposte sul territorio per la fornitura ai clienti finali di connessioni internet a cosiddetta “banda larghissima”.

L’autorità per le comunicazioni ha così aperto la strada alla formulazione delle offerte commerciali che nel giro di poche settimane potremo vedere sui mass media, ma consentirà anche al gestore delle infrastrutture di rete di estendere la copertura delle connessioni in fibra ottica a 30 Megabit dalle attuali 4 città (Roma, Milano, Torino, Napoli) a 30 centri urbani, nel cui elenco figura, unica nelle Marche, anche Ancona.

E c’è già la connessione a 100 Megabit, una realtà a Milano, Roma, Genova, Torino, Bologna, Napoli e Bari, che fa capolino e che entro il 2015 dovrebbe mettere le ali ad internet, sempre in un gruppo di 30 città, distribuite in tutta Italia, ma che non rappresentano certo una vera copertura nazionale.

Una notizia che si potrebbe sicuramente definire buona, ma che da una parte denota ancora una volta la lentezza tutta italiana nel potenziare l’accesso alla rete internet. I 30 Megabit erano la velocità media delle connessioni in download già nel 2010 in Svezia e Olanda. In Italia era arrivato un primo sì a questo piano strategico solo nel maggio 2012: poi ci è voluto quasi un altro anno prima di arrivare alla definizione delle tariffe per gli operatori, parliamo comunque di un piano che solo nel 2014 verrà esteso a 99 città e che nel 2018 arriverà a coprirne 250. E’ presumibilmente quest’ultima la tranche in cui ricadrà Senigallia.

Viene da chiedersi prima di tutto dove saranno già arrivate nel 2018 le nazioni in cui internet “vola” già da tempo. E si potrebbe obiettare che, anzichè stilare un progetto che coinvolga una cerchia così ristretta di città, si poteva pensare a dare una copertura più omogenea al Paese. Così come ci si interroga sull’opportunità o meno di investire nel potenziamento della connettività per le abitazioni invece che in quelle mobili, in un periodo in cui smartphone e tablet si stanno imponendo, a livello di utenza finale, rispetto ai “vecchi” (passateci il termine) Personal Computer.

Come al solito, insomma, gli apparati burocratici italiani si confermano il più grosso ostacolo ad uno sviluppo tecnologico che è centinaia di volte più rapido nella sua evoluzione, tanto che nel momento in cui si decide di fare un passo, questa scelta è già stata superata dall’innovazione.

E mentre “si rischiano di perdere treni” tecnologici, si perde anche l’opportunità di dare impulso alla ripresa economica: la banda larghissima è in grado, infatti, di portarsi dietro un indotto di migliaia di posti di lavoro e la possibilità di vedere finalmente un segno più nel PIL nazionale.

Commenti
Ci sono 3 commenti
Michele 2013-03-05 08:39:51
Speriamo che a Senigallia arrivi almeno la banda larga, a casa mia, poco fuori citta' la band si attesta sui 3-3,5 Mega, ovviamente devo pagare per 7. I numeri ufficiali sono ben lontani dalle prestazioni reali e non solo a Senigallia, come tante altre cosel'Italia deve mentire di fronte ai Cittadini e all'Europa, non siamo affatto al pari degli altrii paesi e questo non si puo' dire, inoltre si coprono le Aziende che operano nel settore che con i loro spot vendono aria fritta. Se vendessi la mia auto dicendo fa 200 km/h poi unavolta venduta ti mostro una clausola scritta con il microscopio dove dice, attenzione 200 km/h solo se vivi in zone montane e stai andando in discesa, probabilmente sarei arrestato per truffa.
Massimo 2013-03-05 22:04:13
anche io abito in periferia e l'adsl arriva a 6 - 6,5 mb e pago per 8 mb ma solo con 2 compagnie:le altre tutte al di sotto dei 5 mb. se ad ancona arriverà abreve a 30 mb da noi quando arriverà? speriamo almeno nel 2020 visto che ci sono voluti 5 anni per passarla da 2 a 6 - 6,5!!!!!!!!!!!!!
Dude 2013-11-01 17:27:33
In Romania navigano a 7 MEGABYTE / secondo da anni ormai, anche nei comuni piccoli , e qui in Italia invece...se non abitiamo in centro città andiamo a 100 kilobyte\sec .. una vergogna..
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura