SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Gestionet

“Fauna, bene comune”, Lodolini: noi siamo per la sostenibilità

Il candidato Pd al parlamento impegnato tra conservazione faunistica e gestione del territorio

Una battuta di caccia

Gli amici di Legambiente e Arcicaccia nei giorni scorsi hanno inviato ai candidati premier e ai partiti un documento sul tema “Fauna, bene comune”. Un tema importante, per noi non nuovo, sul quale mi sento impegnato, oggi come candidato e domani come Parlamentare, in quanto elemento centrale per un nuovo modello di sviluppo per il futuro del nostro territorio. Per noi ambiente e fauna sono beni indisponibili alla pura logica del mercato e dei profitti. Come salute, istruzione e sicurezza.

Ci impegniamo a far nostre le proposte delle due associazioni, consapevoli che fauna e ambiente rappresentano quel bene comune e quel patrimonio pubblico sancito costituzionalmente e principio cardine della legge 157 che è ancora oggi tra le più avanzate e innovative norme in materia di regolamentazione della caccia in Europa e nel mondo.
E’ nell’alveo della conservazione faunistica e nella gestione del territorio, in collegamento con la preziosa attività delle imprese agricole di qualità e multifunzionali, insieme al lavoro congiunto di ambientalisti, agricoltori e cacciatori, che l’attività venatoria improntata alla sostenibilità del prelievo trova una legittimazione sociale lontana da ipotesi privatizzatrici o abolizioniste che il Pd contrasta e che di contro il centrodestra ha agitato fino ad ora, dentro e fuori il Parlamento, alimentando un conflitto dannoso per il Paese e per ragioni di chiara strumentalità politica.

Ripartire dalla legge che c’è, applicarla correttamente sul territorio, utilizzare al meglio la ricerca scientifica per dare sostanza al cimento gestionale, far funzionare gli Atc, ricostruire rapporti di condivisione tra mondo agricolo, venatorio e ambientalista, assegnare all’impresa agricola di qualità e multifunzionale ruoli e funzioni più dirette ed economicamente redditizie, assegnando magari alla stessa imprenditoria agricola la produzione di fauna selvatica autoctona nel territorio, in un quadro di programmazione pubblica. Riscattare l’orgoglio di essere cacciatori, per una conservazione e un prelievo sostenibile senza nessun approccio estremistico / ideologico. Infine eliminare quelle sovrapposizioni di competenze fra organismi dello stato e della regione, assegnando agli Osservatori Regionali funzioni decisive come già attribuite con sentenze, ultima delle quali proprio nella regione Marche.

Commenti
Ci sono 9 commenti
salona 2013-02-22 11:45:08
"Riscattare l'orgoglio di essere cacciatori"? Signor Lodolini, mi faccia il piacere...individui che uccidono esseri viventi dovrebbero esserne orgogliosi?? Questa sarebbe la consapevolezza e la maturità civile, nonchè sensibilità di chi dovrebbe rappresentarci al governo.....?
+- io 2013-02-22 14:16:45
@ssalona
Mediti signora
La caccia è stata una delle attività primordiali dell'uomo una attività che gli permette di mangiare o di sopravvivere
Il vero cacciatore cammina per molti km con i suoi cani per campagne e terreni incolti ama i suoi cani e spara a qualche passero .. la caccia costa come licenza assicurazione munizione ecc il vero cacciatore quando ha avuto le sue prede ritorna a casa e porta le sue prede alla consorte perche le possa cucinare il vero cacciatore una volta che ha le sue prede non spara più
È il vero cacciatore che protegge lo ambiente
@sallona
salona 2013-02-22 18:54:45
+-io mi scrive: "Mediti signora". Infatti sono una meditatrice ormai da tanti anni!! Ed ancora scrive:"Il vero cacciatore...ama i suoi cani" Ce ne sono molti che sparano a bruciapelo ai propri cani quando questi esseri non sono portati per la caccia o hanno paura degli spari. E questo lo si sa. I caccitori farebbero bene ad osservare attentamente dentro di sè e "vedere" quali sono le vere ragioni che li portano oggi, in una società di obesi!, ad imbracciare il fucile e decidere arbitrariamente di interrompere la vita di una splendida lepre che corre e che non fa male a nessuno, o appostarsi con richiami(vietati)per intrappolare ed uccidere meravigliosi volatili!
+ io 2013-02-22 23:54:05
@salona
sinceramente non conosco un cacciatore che uccide i suoi cani!
il cacciatore soffre quando il suo cane diventa vecchio e non è più in grado di cacciare
ma il cane vecchio impara a cacciare al cane giovane
ed il cane giovane rispetterà sempre il cane vecchio
( questo non succede nella nostra società dove i giovani strapazzano i vecchi)
il cacciatore ama i suoi cani
non li tiene mai in un appartamento , ma li tiene liberi in un recinto! e tanti cacciatori si alzano molto presto alla mattina per portare da mangiare ai suoi cani e passa molto tempo con loro
sono più sinceri i cacciatori di tante altre persone
Rachele 2013-02-23 18:57:17
In pratica non hai detto niente, Lodolini. Non ti schieri nè da una parte nè dall'altra come ogni politico che non vuole fare torto a nessuno, come ogni comunicato che abbiamo letto scritto da te. "Ci impegniamo a far nostre le proposte delle due associazioni". Bravo, peccato che Legambiente e Arcicaccia abbiano proposte diametralmente opposte: animalisti e cacciatori. Ma di che parli...
E poi in PD nelle MArche è stato sempre il partito dei cacciatori, chiedilo a Legambiente! L'unica del PD che voterei è la senatrice AMati che ha chiaramente indicato il suo impegno pro animali. Malgrado l'età di certi candidati la vecchia politica non muore mai.
Rachele 2013-02-23 18:59:24
@+-io
"La caccia è stata una delle attività primordiali dell'uomo". S', anche tagliare le teste alla gente o appenderla per il collo è stata una delle attività primordiali dell'uomo. Poi abbiamo cominciato a rinunciarci e abbiamo chimato questo civiltà...
Rachele 2013-02-23 19:06:31
@+-10
io invece ho visto cani da caccia finire in canile. Vecchi e malati ma più spesso giovani, magari inabili alla caccia, rigorosamente senza chip identificativo (non sia mai che rintarccino il proprietario). Ho adottato un cane da caccia vecchio e malato che rischiava di finire in canile perchè malato e il proprietario cacciatore minacciava di sparargli. Avevo pensato di andare dai CArabinieri, ma ho preferito salvare il cane.
Questa era la tenuta? rimessa? perchè chiamarlo canile è troppo di cacciatori (non mi sembrano cani da salotto questi) http://www.geapress.org/caccia/grosseto-le-foto-del-canile-lager-attenzione-immagini-forti/24417

e non mi dire che i cacciatori amano il oro cani , almeno non come categoria. al più ticoncedo che qualche cacciatore ama il suo cane. non sai dunque di cosa parli.-
Rachele 2013-02-23 19:09:12
Lodolini, "ricostruire rapporti di condivisione tra mondo agricolo, venatorio e ambientalista". Ma che cavolo dici?? rapporti di condivisione tra ambientalisti e mondo venatorio? E' una contraddizione in termini! No, più leggo questo articolo più mi domando se sai quello che dici.
salona 2013-02-24 14:52:08
Anch'io ho preso in casa con me una splendida ed intelligentissima cagnolina di 6 anni(incrocio springher e spaniel pezzata biondo-chiara) di un cacciatore che l'aveva così spaventata con le sue maniere che non le si muoveva dalla gamba!e quindi disprezzata perchè non buonasecondo lui per cacciare. Con me Chicca è rifiorita acquistando quel rispetto ed amore e fiducia nell'essere umano che le erano stati negati( ricevuto invece anche botte, forse...?). Nessuna stima per voi cacciatori e per quanti si svendono per raccogliere voti.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura