SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Michele da Ale

Direttiva Bolkestein: passa la mini-proroga di 5 anni, bagnini in stato di agitazione

Bocciata dalla Ue l'idea di prorogare di 30 anni le concessioni balneari

4.273 Letture
10 commenti
Onda Rossa anti-Bolkestein in corteo a Senigallia

Ha il sapore del contentino la proroga delle concessioni demaniali marittime, 5 anni, dal 2015 al 2020. Un’inezia rispetto ai 30 anni richiesti in precedenza dai relatori al provvedimento. A deciderlo è stata, nella giornata del 4 dicembre, la Commissione di Bilancio del Senato .

Prosegue lo stato di agitazione da parte dei bagnini che solo nelle Marche, contano circa 2000 imprese e 15mila addetti diretti. Di fronte al nodo spiagge, il governo ha dovuto tenere conto anche del parere della Commissione Europea, contraria alla proroga e a favore di un’asta pubblica.

L’Ue boccia l’idea, inserita nell’ultima versione del decreto sviluppo, di prorogare di 30 anni le concessioni balneari. “Un rinnovo automatico di 30 anni non sarebbe compatibile con quanto prevede il diritto comunitario” ha detto infatti ieri Stefaan De Rynck, portavoce del commissario Ue per il mercato unico Michel Barnier. “Le concessioni degli stabilimenti balneari – ha spiegato – dovrebbero essere accordate per un periodo di tempo appropriato e limitato e non dovrebbero essere aperte a rinnovi automatici né dare alcun altro tipo di vantaggio al gestore la cui autorizzazione è scaduta“.

Il Sib, il principale sindacato dei bagnini, ha fatto sapere che la mini-proroga non soddisfa. La speranza è che i 5 anni di proroga per le imprese diano il tempo necessario al prossimo esecutivo di continuare il braccio di ferro con Bruxelles allo scopo di esonerare una volta per tutte le imprese balneari dall’applicazione della Bolkestein.

Commenti
Ci sono 10 commenti
enzo monachesi 2012-12-05 13:49:51
Meraviglia la pronta presa di posizione del portavoce del Commissario europeo Barnier, Stefaan De Rynck, per il quale l’eventuale proroga di 30 anni le concessioni demaniali marittime che il Parlamento italiano si accinge a emanare per evitare un colossale e pericolosissimo contenzioso non ''sarebbe compatibile con quanto prevede il diritto comunitario''.

Infatti questa dichiarazione contrasta con quanto più volte dichiarato dallo stesso Commissario al Mercato interno Barnier sulla disponibilità e la collaborazione dei suoi uffici, con il Governo italiano, per ”un congruo periodo transitorio” da assicurare alle imprese esistenti che potrebbero essere danneggiate dall’applicazione della direttiva servizi (dalla lettera del 20 settembre 2010 al Vice Presidente del Parlamento europeo on. Pittella in poi).
E’ evidente la disparità di trattamento fra le imprese turistiche italiane con quelle operanti negli altri Paesi europei che hanno una durata ben più lunga dei sei anni concessi in Italia (in Portogallo 75 anni, in Spagna 30 anni, in Croazia sino a 99 anni, ecc.) così come è evidente il rischio di contenzioso per il venir meno di istituti giuridici quali il diritto di insistenza sui quali le imprese italiane hanno sin qui fatto affidamento.
Ma ciò che rende davvero sconcertante e intollerabile la dichiarazione del portavoce De Rynck è che, a distanza di ben quattro mesi dal suo annuncio, nessuna dichiarazione di contrarietà è stata fatta dal Commissario Barnier su un analogo progetto di legge, il n. 12100029, che il Governo spagnolo ha varato, che il Parlamento di quel Paese sta approvando e che dispone una proroga (addirittura di 45 anni) per le concessioni demaniali marittime iberiche esistenti.
Anzi su tale progetto di legge la Commissaria europea alla giustizia Viviane Reding si è dichiarata favorevole ponendo l’accento sulla necessità di tutelare la “certezza giuridica per i cittadini e le imprese” (comunicato stampa del 3 agosto 2012).
A questo punto è opportuno che la Commissione europea, prima di avventurarsi in dichiarazioni sconcertanti, chiarisca se i diritti che si intendono tutelare per le imprese spagnole non possano essere garantite anche a quelle italiane e se l’elementare principio di civiltà giuridica della certezza del diritto e del legittimo affidamento valga solo per la Spagna e non per l’Italia.
Franco Giannini
Franco Giannini 2012-12-05 16:12:50
La voce dei nostri rappresentanti nell'EU non si fa sentire per il semplice fatto che se nel Parlamento Italiano siedono degli incompetenti (non mi permetto di usare termini volgari), in quello europeo abbiamo mandato tutti i trombati (come si usa dire nel basket 2° e 3° scelte, gli scarti!!)) nazionali. Insomma De(i) Rynckoiniti.
enzo monachesi 2012-12-05 16:39:30
concordo.....purtroppo....
Marcello Liverani
Marcello Liverani 2012-12-05 16:48:20
In piena onestà va detto che quanto scrive Monachesi "non fa una piega", perchè questa storia fa veramente "incazzare" e non poco perchè sa di presa per i fondelli e di tante altre cose. Al di là di leggi, numeri e dichiarazioni dei "professoroni" europei, vorrei tanto sapere con quale "piffero" di criterio si prorogano i termini di 75, 30 e 99 per "qualcuno" e non per le imprese italiane. Forse che le nostre imprese hanno la "scabbia" e devono essere trattate diversamente? Qui le cose sono due ed è difficile trovare una terza motivazione: o i nostri politici tutti non contano veramente nulla e quindi subiamo le malefatte di questa Europa asservita alle banche e ai poteri forti, oppure questa vicenda non interessa nulla ai nostri politici e la snobbano ed è per questo che l'Europa non ci considera. Altre soluzioni non ce ne sono, quello che è evidente è la disparità di trattamento tra alcune nazioni, e l'Italia è trattata a pesci in faccia. Altre parole non servono, l'unico dato certo è che le aziende turistiche italiane si sentono prese per le "chiappe" e non tutelate dallo Stato Italiano. Bene fanno e bene faranno a continuare una lotta di principi e tutela usando tutti i mezzi possibili, perchè è semplicemnte VERGOGNOSO questo atteggiamento vessatorio nei confronti dell'Italia. E' forse una colpa o una "malattia" il chiedere di poter lavorare onestamente e tutelati per non vedere svanire gli sforzi, economici soprattutto, di molti? Abbiamo il 75% dei nostri confini sull'acqua, quindi le imprese balneari qualche valore anche in termini di Pil lo hanno, e vogliamo fregarcene?
Ettore 2012-12-05 18:01:45
A giudicare dalle dichiarazioni IRPEF, la rendita media di uno stabilimento balneare in Italia è di 13600 € annui.
Una domanda: qualcuno sa spiegarmi tutto questo attaccamento a delle concessioni balneari che, al netto delle tasse, portano in tasca al bagnino sì e no 500 € al mese?
paolo 2012-12-05 18:28:02
Ettore, poche e semplici parole! E" con questi numeri che si alza il PIL?
enzo monachesi 2012-12-05 18:46:45
ricordiamo al sig.Ettore che quel reddito è sviluppato su soli tre mesi di lavoro?e che quella dichiarazione è della persona,cioè del titolare dopo che ha pagato tutte le tasse,gli stipendi etc.....insomma lo volete capire che a Senigallia le concessioni sono 210 e rappresentano egual numero di famiglie che hanno impegnato con le banche le proprie case per investire nell'azienda sostenute da leggi dello stato,lo stesso che ora cambia le regole e li mette in mezzo ad una strada.Il problema è sociale,riflettete per favore.
Kanto 2012-12-05 18:50:54
Non è certo con questi numeri che si alza il Pil e non è certo con questi numeri che si mantiene una famiglia.
Semplicemente è che i numeri non sono questi ma di fran lunga superiore ma questo non si può dire
Ettore 2012-12-05 19:38:47
@Monachesi: una persona che dichiara 13600 € di IRPEF all'anno è abbondantemente sotto la soglia della povertà. Chiedendo l'elemosina al parcheggio dell'ospedale si guadagna molto di più.
Numeri alla mano, il problema sociale ce l'hanno i bagnini se continuano a fare i bagnini.
Massimo Costarelli 2012-12-06 12:12:59
Buon giorno a chi legge, premetto che non sono un bagnino e non ho alcun interesse personale legato ad attività "balneari", ma vorrei esprimere la mia solidarietà a tutti i bagnini, ritengo una grande e grave ingiustizia quella di togliere le licenze con la scusa di migliorare il servizio destinato ai clienti....
Vorrei vedere che faccia farebbero gli illustri politici, quelli che hanno accettato queste nuove normative europee, se venissero privati della possibilità di lavorare. Anche se il reddito del bagnino, dati alla mano non è sufficiente a sopravvivere, restano comunque circa otto mesi disponibili per fare altro. Se la tassa dovuta al demanio per l'utilizzo delle spiagge non è sufficiente, basta adeguarla in accordo coi bagnini stessi. Stesso ragionamento vale per i venditori ambulanti. Se questi ultimi verranno privati della licenza, che faranno? Inoltre se le licenze venissero riassegnate mediante aste al rialzo quale beneficio ne avrebbero i consumatori? Oggi i mercatini rionali sono in equilibrio per cui ci sono sufficienti venditori di frutta, abbigliamento ecc. ognuno col suo articolo e col suo genere, se le licenze venissero riassegnate col criterio dell'asta al rialzo che mercati rionali avremmo?? Alla faccia della ricerca della competitività dei miei stivali!!!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura