SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Polemiche a Senigallia sulla concorrenza tra imprese funebri: la parola alle ditte

Dopo l'articolo della Fiamma Tricolore, abbiamo raccolto le dichiarazioni dei titolari delle onoranze

5.609 Letture
21 commenti
Netservice - Editoria on-line
Bare per onoranze funebri, servizi mortuari

Non si placano le polemiche in seguito all‘intervento della Fiamma Tricolore senigalliese sulla concorrenza tra imprese di pompe funebri, apparso su SenigalliaNotizie.it. Non si placano e anzi vedono sempre più contrapporsi le ditte locali che, intervistate, sembrano avere in comune un solo punto: quello di far chiarezza sulla vicenda che, per il momento, ha fatto parecchio discutere non solo gli addetti ai lavori.

Voci di corridoio finora – come il segretario del MSFT Marcello Liverani ha sottolineato più volte – dalle quali è partito un esposto alla Procura della Repubblica perché sia fatta chiarezza in merito alla concorrenza tra le imprese delle pompe funebri locali per la gestione dei funerali.

Abbiamo rivolto alcune domande alle imprese senigalliesi, ma non tutte hanno voluto replicare a quelle che vengono definite “accuse” mosse nel comunicato della Fiamma Tricolore. Per la precisione: Moschini, Costantini e Cordella hanno preferito non rispondere.

Non ho visto nulla di ciò che viene segnalato – afferma Marco Giaccolinell’articolo: non ho nulla da recriminare dato che i funerali e l’attività in generale dell’azienda vanno avanti grazie alla professionalità e all’esperienza maturata“.

Dello stesso parere Marco Mori, titolare dell’omonima ditta: “Ci sono imprese che da 60 anni e anche più fanno il loro lavoro e ormai sono radicate nel territorio non solo per l’età, ma per i servizi che offrono. Di solito siamo sempre andati d’accordo, in pratica siamo cresciuti insieme. Chi apre un’impresa di pompe funebri non può pretendere di fare gli stessi numeri che facciamo noi dopo oltre 50 anni di esercizio: la gavetta l’abbiamo fatta tutti“.
In merito alla procedura – prosegue – bisogna dire che all’interno dell’obitorio gli addetti delle imprese funebri possono circolare solo se per un motivo legato all’esercizio dell’attività, non è che uno ci passeggia là dentro. Ci sono le bacheche con i contatti: una per le imprese di Senigallia e una per le imprese dei comuni limitrofi, quindi chiunque può scegliere liberamente a quale azienda affidare un momento così delicato“.

Insomma le garanzie per la libertà d’impresa ci sarebbero, secondo Mori, il quale invita l’esponente politico Liverani a fornire le prove di quanto afferma e conclude: “L’articolo in questione mi sembra fatto con malignità, getta fango su imprese serie e le discredita dopo che hanno faticato anni per farsi il loro nome: saremmo solo contenti se venisse fatta luce“.

In disaccordo Emanuele Beretti, il quale sostiene come “la situazione potrebbe essere vera” e come, anzi, “negli anni non sia cambiata tanto. I turni sono stati eliminati nell’agosto del 2011, ma già dal febbraio 2009 era stata soppressa la pratica per le imprese funebri di accompagnare la ditta appaltatrice del servizio mortuario presso l’ospedale per evitare disguidi o favoritismi. Noi facevamo circa 50 funerali l’anno, dopo l’eliminazione dei turni siamo scesi a una trentina. Non c’entriamo nulla con l’esposto ma se le cose stessero realmente così come sono descritte, saremmo contenti si andasse fino in fondo“.

E’ un vespaio che a me tocca marginalmente – dichiara Umberto Mantonidato che ho un’azienda aperta da poco e non mi lamento del lavoro che in quest’anno e poco più mi sono guadagnato. Solo in due casi però, degli oltre trenta funerali gestiti nel senigalliese, sono ‘arrivati’ a noi grazie all’indirizzario pubblicato nella bacheca all’obitorio“.
Va anche detto – continua Mantoni – che se sono stati tolti i turni, a mio avviso sarebbe stato giusto anche rifare la procedura per l’appalto dei servizi mortuari: a pochi, per ovvi motivi, chiedo se sono stati informati sulle possibilità relative alle imprese di cui servirsi, e nessuno lo era. Secondo me, le cose andavano risolte in altra maniera, senza servirsi della politica, magari sentendo la direzione sanitaria dell’Asur“.

Commenti
Ci sono 21 commenti
Shlomo Yehuda 2012-09-12 09:40:16
In effetti (...omissis...) se lo merita...che in tempi di spending rewiew l'Esimio voglia risparmiare sui costi?!
Giulio Ulco 2012-09-12 10:40:12
Io nulla saccio, nulla ho visto.
BlackCat
Dionisio 2012-09-12 10:47:29
A giudicare i non pervenuti, quelli pervenuti fumosamente, l'articolo di Liverani e l'esperienza da cittadino senigalliese, direi che qualcosa c'è e spero che il comune o l'autorità di competenza faccia chiarezza e munisca il settore di strumenti di assoluta trasparenza nei confronti dei cittadini.
David 2012-09-12 11:33:51
o hanno tutti ragione o sono tutti ipocriti, se c'è qualcosa di vero in quello scritto da Liverani spero che venga fuori al più presto
Anita 2012-09-12 11:59:04
Sig (...omissis...), a chi vuole prendere in giro?? Le ricordo che chi gestisce l'Obitorio di Senigallia è (...omissis...)!!!!! Le sembra legale questo?
EdHuNTeR
Umberto Mantoni 2012-09-12 13:12:20
Ringrazio il sig. Leone che del mio interminabile discorso ne ha preso il succo ed è stato più che esauriente, in certi casi si sa la calma se ne va. La questione è molto semplice, a detta mia c'è un'obitorio (...omissis...) sotto ogni punto di vista, qui (...omissis...) le NUOVE e VECCHIE leggi in vigore, ma anche articoli molto importanti COSTITUZIONALI, è vero è difficile galleggiare nel commercio, sopratutto se si è nuovi, e sopratutto in questi periodi e non si pretende davvero di avere tutto e subito, però come le regole del commercio ci insegnano (sia ai grandi che ai piccini), almeno di combattere ad armi pari, vada per il fatto che alcuni fornitori non danno i propri servigi a qualche NUOVA ditta perchè ha accordi di garanzia con le altre e tante altre cose che alla lunga nel tempo daranno fastidio anche a me, ma questa situazione è sotto gli occhi di tutti,è inverosimile quasi fantascentifica, un giorno una persona mi disse "Come Senigallia, c'è solo Senigallia, nel bene e nel male".
Un'ultimo commento lo vorrei spendere ad alcune persone che fanno tanto la paternale, per alcuni la "GAVETTA" è stata solo alzarsi dal letto alla mattina ed avere tutto pronto fatto e custodito da mamma e papà e purtroppo lo vedo tutti i giorni, quando sento queste cose mi sento profondamente offeso nella dignità e come persona.
MORGANA 2012-09-12 14:43:08
Sicuri che centri solo la gavetta tanto sbandierata e non qualche (...omissis...)? Un intervistato inoltre è stato di poche parole e tanto l'impressione di chi dice "io non vedo,non sento e non parlo"!
Non mi torna la frase riportata dalla Ditta Mori "...di solito siamo andati sempre daccordo.." allora adesso c'è un (...omissis...) con qualche ditta? magari nuova?
Zenzero 2012-09-12 14:57:46
Sembrerebbe che il Sig. Mantoni non le mandi a dire...Sembrerebbe che la Sig.ra Anita si sia alterata...e sembrerebbe che i commenti di David e Dionisio non facciano una piega.
Manipulite 2012-09-12 15:14:31
La chiave di tutta questa situazione si chiama: (...omissis...). Chi gestisce l'obitorio di Sengallia da troppo tempo ha (...omissis...) . Spetta alle Forze dell'Ordine e alla giunta Comunale mettere fine a questa situazione.
Anonimo 2012-09-12 15:53:22
Volevo rispondere a al Sig. Beretti ma Lei ha tenuto conto che le imprese funebri a Senigallia da 5 sono diventate 7? quindi come potrebbe pretendere che il suo numero di funerali rimanga invariato, se poi come dice il suo collega Mantoni ne fà lui nuovo arrivato 30.... evidentemente il Sig. Mantoni BEN (...omissis...) ha investito in mezzi ed altro (fortuna (...omissis...) in piedi la baracca), mentre Lei fino ad un paio di anni fà (...omissis...) a quanto pare carro da morto e personale!
Manipulite 2012-09-12 16:15:34
Ma che siamo in una delle testate di Berlusconi che non si può scrivere e leggere la frase: (...omissis...)?
Ma per favore!!!!!!
BlackCat
Dionisio 2012-09-12 16:31:29
@ Redazione SenigalliaNotizie.it
...gli "omissis" iniziano ad essere veramente troppi, non si capisce più quello che uno vuole dire...
Luca Ceccacci
Luca Ceccacci 2012-09-12 16:39:30
No, Manipulite: siamo in una testata dove non si possono lanciare (quasi anonimamente, oltretutto) delle accuse dandole per certe, mentre sono invece in corso accertamenti giudiziari che ne stanno verificando la sussistenza
DarkHorse 2012-09-12 17:00:40
Parlavo questi giorni con amici dei miei familiari un pò avanti con l'età, proprio di questo fatto, una volta mi dissero le imprese erano 6 fino ai primi anni 90 e senigallia aveva una popolazione nettamente inferiore ad adesso, eppure queste cose non c'erano che sia cambiata l'ingordigia dei più grandi? non lo so anche perchè studio statistica e mi ha molto incuriosito la questione e ho controllato che una volta le licenze venivano date ogni 5.000 abitanti, mi rivolgo all'anonimo che o si è documentato come me oppure è una persona coinvolta o un servo di essi, impara da chi non si cela dietro l'anonimato e va incontro alle proprie responsabilità, per carità non pensiate che io sia coinvolto, fortunatamente non conosco nessuno di questi signori è solo che ogni tanto da fuori qualcuno deve dire la sua grazie e a mai più risentirci.
Io 2012-09-12 17:43:53
Secondo me quasi tutti i commentatori sono diretti interessati!bravo Mantoni che almeno ha messo il suo vero nome non temendo niente!
Spigolature 2012-09-12 18:12:31
Non è certo una novità:

vedi il commento di Mary C in

http://www.senigallianotizie.it/1327317445/conflitto-interessi-assessore-curzi-su-immobili-di-senigallia
abcd 2012-09-12 18:18:06
ma io mi chiedo...i familiari vengono per caso trascinati con il fucile puntato in certe imprese?non hanno libero arbitrio su chi scegliere per le esequie del proprio caro??ma fatemi il favore!!!
Melgaco 2012-09-12 19:23:29
A me è stato addirittura detto che facendo il numero di telefono della camera mortuaria rispondeva una segreteria telefonica che diceva "Impresa funebre "omissis"....insomma come se quell'impresa si fosse impossessata della camera mortuaria trasformandola in un proprio ufficio
alfio romiti 2012-09-12 19:42:46
Io le voci le avevo sentite e speravo in una piccola sommossa funebre, molto bene. Ora non mi rimane che leggere alcuni commenti e fare lo stesso gioco famoso che si fa su "tripadvisor".
Comunque a gennaio 2011 eravamo 45.027, sarebbe interessante reperire i dati dei decessi e dei "servizi" delle varie agenzie (ma sono 6 o sette?).
PS:
60019, al contrario dei vostri concorrenti, fate bene ad usare della sana* censura e a lasciar liberi i commenti. Non si capirà tutto ma almeno ci si diverte, buon lavoro.
*obbligata.
Manipulite 2012-09-12 20:52:23
Ho l'impressione che qualche impresa funebre abbia la coda di paglia....dice un proverbio : "male non fare, paura non avere"....
PS:Alla redazione,recito il mea culpa per aver detto ciò che penso...d'accordo con Alfio Romiti che almeno voi avete dato spazio alla notizia.
La_Salma 2012-09-13 16:01:36
SPIGOLATURE fa un riferimento ad un post a firma di Mary C del 19 maggio 2012 messo su un articolo che parlava dei conflitti di interesse degli assessori di questa giunta, non penso che sia un reato postarlo......."Basta con i conflitti di interesse! E non solo dall'amministrazione pubblica ma in ogni settore. Per esempio proprio a Senigallia c'è un conflitto di interessi lampante, sotto gli occhi di tutti che riguarda (...omissis...) di Senigallia. (...omissis...) dei titolari di una nota impresa funebre con il beneplacito della direzione ospedaliera. Provate a chiamare (...omissis...), manca poco che vi risponda la suddetta impresa invece dell'azienda ospedaliera come è giusto che sia.".
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura