SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Idv Senigallia: “ben venga la cittadinanza onoraria a Don Luigi Ciotti”

Dal partito di Di Pietro, arriva il plauso all'impegno formale preso dall'amministrazione comunale

Autospurgo Quattrini - Marotta-Mondolfo (Pesaro)
Stefano Canti e Dean Hajredini

L’Idv Senigallia appoggerà con decisione la proposta di conferimento della cittadinanza onoraria a Don Luigi Ciotti, martedì 11 settembre all’ordine del giorno in commissione consiliare.


Siamo soddisfatti che l’Amministrazione abbia preso l’impegno formale come Istituzione di promuovere la cultura della legalità, fondamentale per il futuro del Paese e per il mantenimento delle libertà e della giustizia sociale. Impegno che noi dell’Idv Senigallia riteniamo importante punto programmatico di una politica tenace rappresentante di una società civile che non si arrende alla sopraffazione e all’illegalità.

Di fronte ai dati, di cui la corruzione rappresenta oggi un tassa del 20 per cento sugli investimenti esteri, altera il flusso di denaro in entrata e in uscita. E che la corte dei Conti ha ribadito a chiare note che la corruzione costa alle nostre casse tra i 60 e i 70 miliardi di euro l’anno. Ogni segno di contrasto da parte delle Amministrazioni pubbliche contro la corruzione e le mafie è di vitale importanza. Don Ciotti e Libera sono con le loro opere i degni rappresentanti di quel cambiamento che vogliamo vedere, che tutela i più deboli e gli emarginati, a difesa della pace, dei diritti e della legalità.

Commenti
Solo un commento
O. Manni
Paul Manoni 2012-09-11 04:48:34
Don Ciotti si batte per i Diritti, ed il Vaticano, l'istituzione religiosa che egli giocoforza rappresenta con i suoi paramenti sacri, non ha mai ratificato la Convenzione europea per i Diritti Umani. Contraddittorio e bizzarro, non vi pare?!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!