SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Tentato furto al bancomat della Unicredit al Cesano di Senigallia

Almeno 4 ladri, "traditi" dalla macchiatura delle banconote, fuggono e ci riprovano a Rimini

2.188 Letture
commenti
Bancomat al Cesano di Senigallia, a fianco del Caffè Uliassi

Intorno alle 2:45 della notte tra martedì 31 luglio e mercoledì 1 agosto, alcuni malviventi si sono resi responsabili del tentato furto con scasso al bancomat della banca Unicredit al Cesano di Senigallia, a fianco del Caffè Uliassi.

I ladri avrebbero utilizzato una sostanza gassosa infiammabile, probabilmente acetilene, per far saltare la protezione e arrivare quindi alle banconote. Grazie ad un collegamento elettrico hanno innescato una scintilla e provocato lo scoppio.
La postazione, sprovvista di dispositivo antiscoppio, ha però azionato la macchiatura delle banconote rendendole assolutamente inutilizzabili.

Sull’episodio indagano i Carabinieri, sulle tracce di almeno quattro persone vestite di nero e col volto travisato da passamontagna, probabilmente professionisti, giunti a Senigallia (ma di passaggio, secondo i Carabinieri) a bordo di una o due autovetture di grossa cilindrata di cui ancora non si conoscono marca, modello e targa.

L’azione dei malviventi è stata fulminea tanto da essersi dileguati a tutta velocità in direzione Nord prima dell’arrivo delle forze dell’ordine. Fatto questo che non ha consentito ai Carabinieri della Compagnia di Senigallia, immediatamente intervenuti grazie ad una segnalazione telefonica, di localizzarli né di reperirli in zona.

Attraverso la diffusione delle informazioni tra i vari comandi anche nelle giurisdizioni prossime a Senigallia, ha permesso però di appurare che gli stessi banditi, dopo circa un’ora, avevano ripetuto lo stesso assalto, col medesimo modus operandi, a Rimini – frazione Torre Pedrera: anche qui, vittima dell’assalto è stata una postazione bancomat della Banca Unicredit, anch’essa sprovvista di dispositivo antiscoppio.

Al momento non si esclude alcuna ipotesi investigativa, neppure che i malviventi abbiano delle basi “informative” in zona.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!