SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Quello che Multiservizi non dice”: nuova protesta del Comitato Acqua Bene Comune di Senigallia

Il 2 giugno manifestazione del comitato a Roma

Acqua pubblica

Nel settembre 2011 la staffetta dell’acqua, circa 2 mesi fa il “bollettino” aziendale, in queste ultime settimane dei grandi manifesti affissi in tutte le città della Provincia di Ancona, trasmettono l’idea di una Società, la Multiservizi SpA, molto impegnata nella promozione di se stessa.Multiservizi obietterà che questi manifesti sono finalizzati a stimolare il consumo consapevole dell’acqua.

Ma non è così! La parte riguardante il consumo consapevole è decisamente tutta da decifrare e per alcuni versi illeggibile; le cose che emergono, che saltano agli occhi, che colpiscono sono altre, ovvero: Multiservizi, il disegno di un grande cuore seguito dalla frase “prendi a cuore l’acqua, confida in chi la porta nella tua casa“.

Solo nel sottotitolo, a caratteri più piccoli, troviamo una frase che richiama il principio dell’uso consapevole dell’acqua e che cita: “Quella che esce dal rubinetto è un’acqua di qualità e una risorsa preziosa. Usala consapevolmente, è una scelta di civiltà e rispetto“.

In sostanza un messaggio auto-promozionale.

Ora, a parte, la banalità e mediocrità del messaggio con il quale Multiservizi chiede fiducia perché ti porta l’acqua in casa, quasi che fino al 2004 (anno in cui il Servizio Idrico è stato affidato a Multiservizi) file di donne e uomini, con otri e taniche, fossero costretti a prendere l’acqua nei posti più disparati, tutta questa attività auto promozionale fa sorgere spontanea una domanda.

L’assemblea dei soci di Multiservizi SpA, ossia i Sindaci dei nostri Comuni, approvano spese pubblicitarie di questa natura, palesemente inutili e per certi versi dannose?

Che siano inutili, che siano soldi sprecati, è evidente, visto che la gestione del servizio idrico è priva di concorrenza e a carattere monopolistico, che siano spese anche dannose, per i cittadini, è altrettanto evidente, perché, poche o tante che siano, vengono ricaricate sulla bolletta.

In realtà dal vocabolario di Multiservizi SpA, è scomparsa, o meglio non è mai esistita, la parola trasparenza ed in nome di questa, visto che gestisce un bene pubblico, dovrebbe dire ai cittadini:

– che d’ora in poi i suoi bilanci saranno pubblici, accessibili a chiunque;

– quanto percepiscono il Presidente, i membri del Consiglio di Amministrazione ed il management;

– che negli ultimi 5 anni (2012 compreso) le bollette sono aumentate di ca. il 50%;

– a che titolo e a quanto ammontano i corrispettivi ai Comuni e al Consorzio Gorgovivo;

– quant’è la quota di remunerazione del capitale, abrogata dal referendum, ma ancora contenuta in bolletta;

– che una parte delle regole del gioco e delle scelte da operare sono dettate dalle Banche alle quali si è ricorso per i finanziamenti;

Molto probabilmente i cittadini sono più interessati a queste e, molto probabilmente, ad altre informazioni, piuttosto che ad una campagna pubblicitaria, tanto sterile quanto ingannevole.

I comitati territoriali per l’acqua bene comune continueranno a vigilare sui gestori e a ricordare alle istituzioni che il referendum ha sancito che l’acqua è un bene di tutti e che la sua gestione deve rimanere pubblica.

Per questo motivo saremo in Piazza a Roma il 2 Giugno per dire che la Repubblica siamo noi e per ribadire che il popolo italiano con 27 milioni di voti ha detto due volte si per l’acqua.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!