SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Sanità, la Fiamma Tricolore si accoda a Partecipazione sulle dimissioni di Volpini

Liverani: "Inutile avere un assessore che non decide nulla, gestione silenziosa della questione"

1.391 Letture
commenti
Comì di Cucina
Il "terzetto" della sanità: Volpini, Bevilacqua, Mangialardi

Ebbene si, al di là della politica, delle ideologie e delle proprie idee, quando si tratta di problematiche vere e oneste, inerenti la propria città e i propri cittadini e quando un qualcuno dice la verità, per quanto mi riguarda non c’è assolutamente nulla di “scandaloso” e “vergognoso” a condividere un pensiero di chi politicamente non è dalla mia parte.

Bene ha fatto Partecipazione a chiedere le dimissioni di Volpini in quanto, ed è sotto l’occhio di tutti, è inutile avere un Assessore che non decide nulla ed è completamente mancante sull’unico problema che dovrebbe essere di sua competenza!

Ma non è l’unico colpevole ovviamente, perché qui la spartizione della “ridicolaggine” è da distribuire ad un bel terzetto: Mangialardi, Volpini, Bevilacqua!
Vogliamo ricordare quando il trio si è incontrato i primi di marzo? Con quale risultato? Noi della Fiamma Tricolore l’avevamo evidenziato in un comunicato a firma Riccardo De Amicis che ha fatto tanto “inquietare” l’Assessore Volpini il quale, credendo che fossi io l’autore, minacciò di “querelarmi” in una telefonata fiume direttamente a Riccardo, rimanendoci poi male quando seppe che il comunicato non era farina del mio sacco!

Ora invece questo è farina del mio sacco!

E come vogliamo metterla adesso visto che è scesa in campo anche Partecipazione per sollevare, e ribadisco giustamente, un problema che ben difficilmente avrà un lieto fine, vista la gestione “silenziosa e nulla di tutta la vicenda? L’Assessore Volpini querelerà Partecipazione? Continueranno le riunioni a tre con un “nulla di fatto”? Il Sig. Sindaco Mangialardi si degnerà di dare qualche risposta o continuerà nel suo sempre e persistente “silenzio assordante”? Il Dott. Bevilacqua darà le risposte che Partecipazione gli ha scritto ben due mesi fa (evidentemente erano scritte troppo in piccolo…) o continuerà a fare orecchie da mercante?

Perché chiedere solamente le dimissioni dell’Assessore Volpini quando anche il Sindaco è corresponsabile del problema? Perché non chiederle anche per il Dott. Bevilacqua che alla faccia del rispetto verso i cittadini di Senigallia, come scrive giustamente Partecipazione, non si degna non dico di risolvere il problema, ma neanche di rispondere a chi educatamente gli pone delle domande, scritte per giunta? Queste cose solo in Italia accadono, in altri paesi si dimettono anche per semplici illazioni o presunte colpe!

E inevitabilmente, come sempre, ricade sulle spalle dei cittadini, perché qui abbiamo tre persone, due politici: il Sindaco Mangialardi e l’Assessore Volpini, e un tecnico: Bevilacqua, stipendiate con denaro pubblico per dirimere i problemi che invece non riescono minimamente a risolvere per svariati motivi, tra i quali gli annosi intrecci politici.

Ora, in qualsiasi azienda privata che si rispetti, se chi è preposto a lavorare per risolvere i problemi non lo fa, viene ovviamente licenziato e mandato a casa, ma questo purtroppo non avviene in politica, perché la “cadrega” non si lascia mai se non a fine mandato, sempre che non si venga rieletti o riciclati.

Il problema della Sanità a Senigallia è stato molto ben spiegato ed esposto da Partecipazione oggi, e da noi della Fiamma Tricolore in passato, quindi non mi dilungo in ripetizioni di parole inutili sulla tematica specifica; mi preme solo far notare come si è arrivati oggi ad avere una politica così tanto partecipativa che proprio non serve a nulla, perché oggi il politico dell’area centrista, sia di destra che di sinistra, è “scaduto” come lo yogurt lasciato fuori dal frigorifero.

Noi del Movimento Sociale ribadiamo un concetto che crediamo imprescindibile: non occorre “liberalizzare” (e quindi privatizzare), ma “liberare” immediatamente la Sanità dalle grinfie di questa politica, che non conclude nulla, che non rispetta i diritti di chi paga le tasse, che non sono poche.

E di queste tematiche, ossia di tutte quelle che riguardano i diritti dei cittadini, scusatemi se lo dico, ma gli unici che veramente hanno a cuore i problemi che riguardano il popolo, sono quei partiti che stanno aldilà della “folla centrista” e fuori dalla logica “dell’incollatura alla cadrega” come Partecipazione, Rifondazione Comunista e noi della Fiamma Tricolore, anche se per qualcuno, come mi è stato detto in privato, siamo “ridicoli” ed è contento di non vederci seduti in Consiglio Comunale.

Le offese non ci spaventano, in quanto è sotto gli occhi di tutti che così continuando in Consiglio Comunale la Fiamma Tricolore ci entrerà a “passo di carica” preoccupandoci di fare una buona scorta di “Buscopan” (e non “l’olio di ricino” come qualcuno pensa) per calmare i tanti mal di pancia che inevitabilmente qualcuno avrà.

da Marcello Liverani
Segretario Movimento Sociale Fiamma Tricolore di Senigallia

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura