SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Il Sindaco di Senigallia presenta il suo Decalogo per consumare meno

M’illumino di meno ma vado in depressione. Forse c’è una via d’uscita

Mangialardi formatta i dischetti del suo PC. Un'operazione che consente un notevole risparmio di energia

In occasione di M’illumino di meno, la giornata del risparmio energetico, il Sindaco Mangialardi ha presentato il suo Decalogo di comportamenti virtuosi per ridurre sprechi e consumo energetico. Per farlo ha usato il suo profilo di Facebook, finalmente un utilizzo divertente del social network, dopo una settimana d’angoscia passata in compagnia di Mario Fiore, il Consigliere – bidello a caccia del voto minorile, che, causa neve, apriva e chiudeva le scuole a suo piacimento.

I comportamenti suggeriti da Mangialardi sono sicuramente efficaci, ma inseguono il mero risparmio energetico perdendo di vista la qualità della vita, aspetto non indifferente di ciò che andiamo cercando fin dalla nascita. Una persona ansiosa e non realizzata consuma più energia, è risaputo, prendere provvedimenti per l’ambiente a scapito del proprio benessere è la strada maestra per il disinteresse ai destini del Pianeta. Proviamo a vedere dei comportamenti che possano gratificare noi e l’ambiente.

Azione 1 – il Sindaco suggerisce una doccia veloce appena svegli, a temperatura dell’acqua moderata. La qualità della vita vedrebbe bene una doccia ben calda in due, magari con una ragazza tipo Belen o il suo equivalente maschile. Si risparmia ugualmente e chissà che non ci scappi qualcosa.

Azione 2 – fare la lavastoviglie ben piena e con un lavaggio economico. Sembrerà impossibile, ma i piatti lavati a mano vengono più puliti e i rapporti in famiglia sono migliorati da quando mi si è scassata la lavastoviglie. Tutte le sere è un dibattito su chi debba lavare i piatti e i rapporti in famiglia sono molto più franchi e diretti. Ci si dice tutto, non si nasconde nulla. Ognuno è molto più consapevole di quello che fanno gli altri. La lavastoviglie aveva portato l’ipocrisia dentro la mia famiglia.

Azione 3 – Mangialardi va al lavoro a piedi e qui il risparmio è indubitabile. Per la qualità della vita prendetevi un giorno di ferie e dedicatelo a voi stessi, risparmierete ugualmente e scoprirete di amare una persona più di chiunque altro, e quella persona ve ne sarà eternamente grata. Per i disoccupati o i precari: pensate all’ambiente ma pensate pure a chi vi ha tolto, col tempo, i diritti. Tenetelo al centro del mirino, sarà già gratificante.

Azione 4 – lavorate in un ufficio dove una parte dell’energia è prodotta dai pannelli fotovoltaici. Qui sono d’accordo con il Sindaco, a patto che si installino i pannelli sui tetti e non sui campi coltivabili. Fra vent’anni non vorrei mangiare dei kilowatt al posto del pane.

Azione 5 – Mangialardi suggerisce di usare il PC in maniera intelligente, facendo lavorare più l’hard disk della stampante. In questo modo si risparmia carta. Si può fare molto di più: incentivare il telelavoro, spostamenti zero e stress ai minimi. Non c’è nulla di più bello che preparare un report per il capo mentre si assaggia il sughetto pachini e asparagi del nostro pranzo. Magari mentre lui si mangia un panino endotermico su un trespolo del bar.

Mangialardi fa merenda con uno yogurt scaduto da venti giorni. Il successivo ricovero in ospedale ha evitato danni permanenti all'apparato gastro-intestinaleAzione 6 – per la merenda il Sindaco suggerisce uno spuntino a base di arancia ecosostenibile e yogurt scaduto da settimane. Se proprio volete una colite mangiate il bombolone bigusto del forno di Sant’Angelo, le calorie che accumulerete serviranno a combattere il freddo e a tenere il riscaldamento più basso.

Azione 7 – quando si deve spostare in auto, Mangialardi suggerisce di praticare il car pooling e usare un’auto a metano. Anch’io ho una Multipla a metano e la considero l’auto più intelligente del mondo, un vero salotto a quattro ruote. Magari più una sala d’aspetto che un salotto e, se intelligenza non equivale a bellezza, si può sempre noleggiare una BMW per i momenti di depressione.

Azione 8 – il Primo Cittadino suggerisce di fare correttamente la raccolta differenziata. Qui si può essere solo d’accordo. Anche se buttare il sacchetto di mondezza indifferenziata in quell’enorme contenitore, infischiandosene del suo destino, era una delle cose più gratificanti della nostra vita precedente. Adesso dobbiamo stare persino attenti al packaging degli oggetti che compriamo, forse uno degli obiettivi di chi ha inventato la differenziata, che ci vuole più consapevoli su tutto.

Il Consigliere Comunale Perini e l'ultima frontiera del risparmio energetico: si risparmia anche il bicchiereAzione 9 – Mangialardi ci chiede di bere l’acqua dell’acquedotto comunale. Sono d’accordo, e qui finisce il Decalogo della Piaga di Velluto. Preso dalla foga, ho risparmiato persino un’azione, non mi ricordo quale. Per testimoniare la bontà dell’acqua pubblica ho messo la foto di un Consigliere Comunale, Maurizio Perini, che ha trovato anche il modo di risparmiare il bicchiere di carta.

Commenti
Solo un commento
ivano paolini 2012-02-20 16:17:53
Non penso che a noi cittadini faccia piacere sprecare, anche perchè paghiamo di persona. AL Foro Annonario le luci si accendono alle 16e45 del pom. e si spengono alle 11.00 di mattina più di 50 fari anche d'estate,(se non trova 50 euro per un interruttore crepuscolare le offro io) da ben 5/6 anni. Dal giorno del fine restauro. Ai lampioni del lungom. basterebbe cambiare le bocce in vetro e mandare la luce verso il basso.Guadagneremo il 30%in luce o risparmio. A mai controllato le temperature negli uffici comunali?Altro che stand-by che consuma meno dello smagnetizzatore che si attiva nel riaccedere il TV, almeno in quelli a tubo.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura